1917 (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
1917
Logo1917.png
Logo originale del film
Lingua originaleinglese, francese, tedesco
Paese di produzioneRegno Unito, Stati Uniti d'America
Anno2019
Durata119 min
Rapporto2,39:1
Genereguerra, thriller, azione
RegiaSam Mendes
SceneggiaturaSam Mendes, Krysty Wilson-Cairns
ProduttorePippa Harris, Callum McDougall, Sam Mendes, Jayne-Ann Tenggren
Produttore esecutivoJeb Brody, Ricardo Marco Budé, Ignacio Salazar-Simpson
Casa di produzioneAmblin Partners, DreamWorks Pictures, Neal Street Productions, New Republic Pictures
Distribuzione in italiano01 Distribution
FotografiaRoger Deakins
MontaggioLee Smith
Effetti specialiGreg Butler, Pier Lefebvre, Dominic Tuohy, Guillaume Rocheron
MusicheThomas Newman
ScenografiaDennis Gassner
CostumiDavid Crossman, Jacqueline Durran
TruccoMarzenna Fus-Mickiewicz, Sara Kramer, Daniel McGraw
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

1917 è un film del 2019 diretto da Sam Mendes.

Ambientato durante la prima guerra mondiale, il film vede protagonisti George MacKay e Dean-Charles Chapman, affiancati da un cast corale che comprende Mark Strong, Andrew Scott, Richard Madden, Colin Firth e Benedict Cumberbatch.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

George MacKay e Dean-Charles Chapman in una scena del film

Il 6 aprile 1917[1][2] sembra che l'Esercito tedesco si stia ritirando da un settore del fronte occidentale. Col proposito di gettare lo scompiglio tra il nemico in ritirata e riuscire così ad aprire un varco nelle linee, il colonnello Mackenzie dell'Esercito britannico si appresta a lanciare all'attacco il 2º Battaglione del Devonshire Regiment. La ricognizione aerea scopre tuttavia che i tedeschi in realtà non si sono ritirati, ma si stanno solo riattestando su una nuova linea difensiva, costruita poco più indietro e pesantemente munita. L'attacco del battaglione britannico, composto da più di 1600 uomini, rischia quindi di trasformarsi in un disastro.

Poiché nel settore le linee telefoniche sono interrotte, il Generale Erinmore incarica i due giovani caporali Tom Blake e William Schofield di consegnare a Mackenzie l'ordine di interrompere l'attacco programmato. Tom Blake ha un ulteriore interesse a consegnare l'ordine, in quanto il fratello Joseph fa parte del 2° Devonshire. Giunti nella terra di nessuno e dopo essere quasi rimasti uccisi nel crollo di un bunker causato dall'innesco di una trappola esplosiva, i due giungono in una fattoria, dove assistono allo schianto di un Albatros Flugzeugwerke. Blake e Schofield estraggono il pilota dall'aeromobile in fiamme per trarlo in salvo, l'uomo pugnala Blake, per poi essere colpito a morte da Schofield, che assiste impotente alla morte dell'amico fra le sue braccia, giurandogli di portare a termine la missione e scrivere alla madre. Poco dopo, il ragazzo si unisce ad un'altra unità militare britannica, anch'essa diretta al fronte.

William riesce a farsi dare un passaggio, aiutando anche il camion a togliersi da una buca di fango durante il tragitto, tuttavia in prossimità di una città la colonna deve fare il giro largo a causa dei ponti demoliti dai tedeschi. William si separa dagli alleati e da solo combatte contro un cecchino isolato, che riesce a uccidere, venendo però ferito alla testa. Qualche ora dopo Will si risveglia e si trova a vagare per la città in fiamme durante la notte, venendo quasi ucciso da una sentinella. Rifugiatosi in una cantina, trova una donna francese con una bambina, a cui lascia alcune scorte; la ragazza gli chiede di restare ma il soldato deve avvertire il plotone. Una volta fuori si imbatte in una pattuglia ed è costretto a saltare giù da un ponte, lasciandosi trasportare dalla corrente che lo trascina vicino alla posizione del battaglione.

Will scopre che l'attacco è in corso, ma riesce a impedire che la seconda ondata possa aggiungere altre vittime, riuscendo a consegnare il messaggio al colonnello Mackenzie. Dopodiché gli rimane solo di trovare Joseph per informarlo della morte del fratello minore. Riesce a trovarlo sano e salvo, dandogli gli oggetti del fratello deceduto e chiedendogli di scrivere alla loro madre. Joseph acconsente e ringrazia William di essere stato insieme a lui fino all'ultimo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Per il film, Sam Mendes si è ispirato ai racconti di guerra di suo nonno Alfred Hubert Mendes, che aveva combattuto per due anni sul fronte francese servendo nella 1st Rifle Brigade.[3][4] Per la stesura della sceneggiatura ha collaborato con la sceneggiatrice scozzese Krysty Wilson-Cairns, secondo cui la sfida posta dal film è stata quella di creare una storia che, pur svolgendosi in tempo reale, nella sua durata avesse un inizio, uno svolgimento e una fine e non si spostasse mai dai protagonisti, senza mettere troppo alla prova la sospensione dell'incredulità del pubblico.[5]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato al Govan Graving Docks di Glasgow

Le riprese del film sono cominciate nell'aprile del 2019 e si sono tenute nel Regno Unito, specificamente nel Wiltshire, a Govan, nella riserva naturale di Hankley Common e agli Shepperton Studios.[6][7][8][9]

Il film è stato girato da Mendes e il direttore della fotografia Roger Deakins in diversi piani sequenza, e poi montato per apparire come un unico piano sequenza ininterrotto dall'inizio alla fine.[10][11] Il regista ha provato per sei mesi assieme al cast e alla troupe prima delle riprese.[5]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

L'anteprima del film si è tenuta a Londra il 4 dicembre 2019 ad un evento di beneficenza, in presenza della famiglia reale inglese.[12] Il film è stato inizialmente distribuito solo nelle sale cinematografiche statunitensi da Universal Pictures a partire dal 25 dicembre 2019 in distribuzione limitata. Successivamente è stato esteso partendo dalle sale del Regno Unito dal 10 gennaio 2020.[13] In Italia, il film è stato distribuito da 01 Distribution a partire dal 23 gennaio 2020.[14]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato 145,7 milioni di dollari in Nord America e 178,1 milioni nel resto del mondo, per un totale di 323,8 milioni.[15]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore di recensioni online Rotten Tomatoes, il film ha una percentuale di gradimento da parte della critica del 89%, basata su 400 recensioni, con un voto in media dell'8 e mezzo,[16] mentre su Metacritic ha un punteggio medio di 78 su 100, basato sulle recensioni di 57 critici.[17]

Diversi critici cinematografici, tra cui Peter Travers di Rolling Stone e Todd McCarthy dell'Hollywood Reporter, l'hanno inserito nelle loro liste dei migliori film dell'anno, rispettivamente al 6º e all'8º posto.[18][19]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Serena Nannelli, Il film "1917", da sentore di capolavoro a effetto videogame, su ilGiornale.it, 25 gennaio 2020. URL consultato il 28 gennaio 2020.
  2. ^ (EN) Melanie Phillips, 1917 shows what duty and courage really mean. URL consultato il 28 gennaio 2020.
  3. ^ (EN) Mike Fleming Jr., Amblin, Sam Mendes Set WWI Drama '1917' As His First Directing Effort Since James Bond Pics 'Spectre' & 'Skyfall', su deadline.com, 18 giugno 2018. URL consultato il 7 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2019).
  4. ^ (EN) Matthew Moore, Mendes epic is a personal battle, in The Times, 72,919, 7 agosto 2019, p. 3, ISSN 0140-0460 (WC · ACNP).
  5. ^ a b (EN) Anne Cohen, Meet The 32-Year-Old Woman Who Co-Wrote The Best War Movie Of The Year, su refinery29.com, 3 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  6. ^ (EN) Chance to star in Hollywood movie filming in Wiltshire, su spirefm.co.uk, 4 gennaio 2019. URL consultato il 7 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2019).
  7. ^ (EN) World War One film to begin production on Hankley Common, su eagleradio.co.uk, 18 febbraio 2019. URL consultato il 7 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2019).
  8. ^ (EN) Claire Diamond, Spielberg movie wants to film in Glasgow, su BBC News, 19 febbraio 2019. URL consultato il 7 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2019).
  9. ^ (EN) Christopher Marc, EXCLUSIVE: Sam Mendes' '1917' Adds 'Skyfall/Blade Runner 2049' Production Designer and 'Atonement' Art Director – Confirmed To Shoot At Shepperton Studios, su hnentertainment.co, 11 dicembre 2018. URL consultato il 7 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2019).
  10. ^ (EN) Carolyn Giardina, New Video Shows How Sam Mendes, Roger Deakins Shot '1917' to Appear as One Continuous Take, su The Hollywood Reporter, 30 settembre 2019. URL consultato il 30 settembre 2019.
  11. ^ (EN) Chris Evangelista, '1917' Featurette Teases a War Epic Told in One Continuous Shot, su slashfilm.com, 30 settembre 2019. URL consultato il 30 settembre 2019.
  12. ^ (EN) Tom Grater, Sam Mendes War Movie '1917' To World Premiere As UK Royal Charity Event, su deadline.com, 29 ottobre 2019.
  13. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Universal Dates Sam Mendes' '1917' For Christmas 2019, su deadline.com, 13 dicembre 2018. URL consultato il 7 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2019).
  14. ^ 1917, su 01distribution.it. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  15. ^ (EN) 1917, su Box Office Mojo. URL consultato il 17 febbraio 2020. Modifica su Wikidata
  16. ^ (EN) 1917, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 10 febbraio 2020. Modifica su Wikidata
  17. ^ (EN) 1917, su Metacritic, CBS Interactive Inc.. URL consultato il 28 gennaio 2020. Modifica su Wikidata
  18. ^ (EN) Peter Travers, 10 Best Movies of 2019, su Rolling Stone, 5 dicembre 2019. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  19. ^ (EN) Todd McCarthy, Hollywood Reporter Critics Pick the Best Films of 2019, su The Hollywood Reporter, 12 dicembre 2019. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  20. ^ (EN) Patrick Hipes, Oscar Nominations: ‘Joker’ Tops List With 11 Noms; ‘1917’, ‘Irishman’, ‘Hollywood’ Nab 10 Apiece, su deadline.com, 13 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  21. ^ (EN) Oscars: The Complete Winners List, su hollywoodreporter.com, 9 febbraio 2020. URL consultato il 10 febbraio 2020.
  22. ^ (EN) 2020 Golden Globe Nominations: The Complete List, in Variety, 9 dicembre 2019. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  23. ^ (EN) Brent Lang, Golden Globes: ‘Once Upon a Time in Hollywood’, ‘1917’ Win Big, su Variety, 5 gennaio 2020. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  24. ^ (EN) Bafta Film Awards 2020: The nominations in full, su BBC News, 7 gennaio 2020. URL consultato il 7 gennaio 2020.
  25. ^ (EN) Once Upon A Time...In Hollywood Leads Chicago Film Critics Association 2019 Nominations, su chicagofilmcritics.org, 12 dicembre 2019. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  26. ^ (EN) Anita Bennett, Chicago Film Critics Give Best Picture To ‘Parasite’ And Best Director To Bong Joon Ho, su deadline.com, 14 dicembre 2019. URL consultato il 15 dicembre 2019.
  27. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, ‘The Irishman’ Named Best Film By National Board Of Review, Quentin Tarantino Wins Best Director, su deadline.com, 3 dicembre 2019. URL consultato il 3 dicembre 2019.
  28. ^ (EN) 2019 San Diego Film Critics Society’s Award Nominations, su sdfcs.org, 6 dicembre 2019. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  29. ^ (EN) 2019 San Diego Film Critics Society’s Awards, su sdfcs.org, 9 dicembre 2019. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  30. ^ (EN) 2019 NOMINEES (PDF), su pressacademy.com. URL consultato il 3 dicembre 2019.
  31. ^ (EN) 2019 Winners, su pressacademy.com. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  32. ^ (EN) 1917, Once Upon a Time… Dominate As More Critics Weigh In on 2019, awardsdaily.com. URL consultato il 26 gennaio 2020.
  33. ^ (EN) The 2019 Washington DC Area Film Critics Association (WAFCA) Nominations, nextbestpicture.com. URL consultato il 26 gennaio 2020.
  34. ^ (EN) Critics' Choice Awards: 'The Irishman' Leads With 14 Nominations, su The Hollywood Reporter, 8 dicembre 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  35. ^ Andrea Francesco Berni, Critics’ Choice Awards 2020: il miglior film è C’era una volta a… Hollywood, su badtaste.it, 12 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  36. ^ (EN) ‘1917’ Wins Cinematographers’ Top Film Prize For Roger Deakins – The Complete Winners List, deadline.com. URL consultato il 26 gennaio 2020.
  37. ^ (EN) DGA Awards: Sam Mendes Wins Best Director For ‘1917’; HBO Scores Four Wins To Top TV Side – The Complete Winners List, deadline.com. URL consultato il 26 gennaio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]