Empire of Light

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Empire of Light
EmpireLight.png
Olivia Colman in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Regno Unito
Anno2022
Durata119 min
Rapporto2,39:1
Generedrammatico, sentimentale
RegiaSam Mendes
SceneggiaturaSam Mendes
ProduttoreSam Mendes, Pippa Harris
Produttore esecutivoMichael Lerman, Julie Pastor
Casa di produzioneNeal Street Productions, Searchlight Pictures
Distribuzione in italianoWalt Disney Studios Motion Pictures
FotografiaRoger Deakins
MontaggioLee Smith
MusicheTrent Reznor, Atticus Ross
ScenografiaMark Tildesley
CostumiAlexandra Byrne
TruccoAston Davies
Interpreti e personaggi

Empire of Light è un film del 2022 scritto e diretto da Sam Mendes.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980, Hilary Small lavora come direttrice di sala all'Empire Cinema di Margate, sulla costa settentrionale del Kent, in Inghilterra. Hilary soffre di depressione, vive da sola, le è stato prescritto del litio dal suo medico e ha una relazione extraconiugale con il suo capo Donald Ellis.

Un nuovo dipendente, Stephen, inglese di colore, che vive con la madre Delia, inizia a lavorare al cinema e lui e Hilary si attraggono a vicenda. I due hanno difficoltà a parlare del razzismo nei confronti di Stephen da parte di alcuni abitanti del luogo, nonché delle relazioni passate di Hilary. In seguito si scopre che Hilary ha trascorso un periodo in un ospedale psichiatrico dove la sua depressione porta a sbalzi d'umore che la costringono ad assentarsi dal lavoro. La situazione culmina quando Hilary rivela la sua relazione con Donald alla moglie Brenda durante la proiezione di Chariots of Fire.

Stephen cerca di aiutare Hilary, ma la polizia fa irruzione nel suo appartamento e lei viene nuovamente ricoverata. Alla fine Hilary torna al lavoro, solo per assistere all'aggressione di Stephen da parte di tre membri del Fronte Nazionale e al suo ricovero in ospedale con gravi ferite. Hilary gli fa visita regolarmente durante la convalescenza e un'infermiera rivela che Stephen pensa spesso a lei. Non avendo mai visto un film completo al cinema Empire, Hilary chiede al proiezionista, Norman, di proiettare Being There per lei. Dopo essere stato dimesso dall'ospedale, Stephen viene ammesso a studiare architettura all'Università di Bristol. Hilary è riluttante a dirgli addio, ma all'ultimo momento lo abbraccia.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono iniziate il 7 febbraio 2022 nell'isola di Thanet.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film è stato diffuso il 24 agosto 2022.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata presentata il 3 settembre 2022 al Telluride Film Festival,[2] nello stesso mese al Toronto International Film Festival e distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 9 dicembre dello stesso anno,[3] mentre nelle sale italiane dal 23 febbraio 2023.[4]

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti il film è stato vietato ai minori di 17 anni non accompagnati da adulti per la presenza di "contenuto sessuale, violenza e linguaggio non adatto".[5]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 45% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 5,8 su 10 basato su 206 critiche,[6] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 58 su 100 basato su 16 critiche.[7]

Vanity Fair ha posizionato Empire of Light al terzo posto dei migliori film del 2022.[8]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filmato audio Searchlight Pictures, EMPIRE OF LIGHT - Official Teaser Trailer, su YouTube, 24 agosto 2022. URL consultato il 24 agosto 2022.
  2. ^ (EN) Scott Feinberg, Scott Feinberg, Telluride Awards Analysis: For ‘Empire of Light,’ Olivia Colman Poised to Land Fourth Nom in Five Years, su The Hollywood Reporter, 3 settembre 2022. URL consultato il 4 settembre 2022.
  3. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Searchlight Pictures Dates Sam Mendes’ ‘Empire Of Light’ For Q4, su Deadline Hollywood, 15 luglio 2022. URL consultato il 24 agosto 2022.
  4. ^ EMPIRE OF LIGHT, su Movieplayer.it. URL consultato il 24 agosto 2022.
  5. ^ (EN) Parents Guide, su Internet Movie Database. URL consultato il 24 agosto 2022.
  6. ^ (EN) Empire of Light, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 18 gennaio 2023. Modifica su Wikidata
  7. ^ (EN) Empire of Light, su Metacritic, Fandom, Inc. URL consultato il 6 dicembre 2022. Modifica su Wikidata
  8. ^ Luca Carbonaro, I 10 migliori film del 2022 secondo Vanity Fair America, su Movieplayer.it, 6 dicembre 2022. URL consultato il 6 dicembre 2022.
  9. ^ (EN) Hilary Lewis e Kimberly Nordyke, Oscars: Full List of Nominations, su The Hollywood Reporter, 24 gennaio 2023. URL consultato il 24 gennaio 2023.
  10. ^ (EN) Golden Globes 2023: Nominations for the 80th Golden Globes Have Been Announced, su Golden Globe, 12 dicembre 2022. URL consultato il 12 dicembre 2022.
  11. ^ (EN) Manori Ravindran, BAFTA Awards Nominations Unveiled: ‘All Quiet on the Western Front’ Leads Race, ‘Banshees’ & ‘Everything Everywhere’ Come Up Strong, su Variety, 19 gennaio 2023. URL consultato il 19 gennaio 2023.
  12. ^ (EN) Film Nominations Announced for the 28th Annual Critics Choice Awards, hosted by Chelsea Handler, su Critics' Choice Awards, 14 dicembre 2022. URL consultato il 14 dicembre 2022.
  13. ^ (EN) 2022 NOMINEES, su International Press Academy. URL consultato il 15 gennaio 2023.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema