Richard Marquand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Richard Marquand (Cardiff, 22 settembre 1937[1]Tunbridge Wells, 4 settembre 1987) è stato un regista britannico, noto soprattutto per aver diretto il terzo film della saga di Guerre stellari (sesto secondo la cronologia interna all'opera, più cara ai fan), Il ritorno dello Jedi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Marquand nacque a Cardiff, da Rachel E. Rees e Hilary Marquand, membro del parlamento inglese.[1] Frequentò la Emanuel School, l'università d'Aix-Marseille, a Marsiglia e il King's College, a Cambridge. Nel 1970, inizia a sceneggiare e dirigere film per la televisione e il cinema, tra cui La cruna dell'ago (1981) e Doppio taglio (1985).

Marquand fu poi scelto da George Lucas, che lo notò dopo aver visto La cruna dell'ago, per dirigere l'episodio finale della saga fantascientifica Guerre stellari - Il ritorno dello Jedi. Marquand è stato l'unico regista non americano a dirigere un film di Guerre stellari.

Nel 1987, Marquand diresse Hearts of Fire, film incentrato sull'icona della musica Bob Dylan. Il film fu accolto tiepidamente da critica e pubblico, e fu riciclato come direct-to-video in gran parte del mondo (ad eccezione dell'Inghilterra, dove fu distribuito nei cinema).[2] Nel 1987, Marquand morì di ictus nel Kent, a 49 anni.

Il figlio James è diventato a sua volta un regista, e prenderà parte alla nuova serie televisiva di Guerre stellari.[3]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Richard Marquand Biography (1937-), su Filmreference.com. URL consultato il 25 agosto 2008.
  2. ^ (EN) Hearts of Fire, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 14 dicembre 2008.
  3. ^ (EN) Greg O'Keeffe, Jim Marquand: Star Wars memories and a Scouse sense of humour, in Liverpool Daily Post, 28 febbraio 2008. URL consultato il 20 luglio 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN49418585 · LCCN: (ENno98067275 · ISNI: (EN0000 0000 8128 1545 · GND: (DE121335267 · BNF: (FRcb13996526h (data)