The Witch (film 2015)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Witch
The Witch (film 2015).png
Una scena del film
Titolo originale The Witch
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna
Anno 2015
Durata 92 min
Genere orrore, thriller, drammatico
Regia Robert Eggers
Soggetto Robert Eggers
Sceneggiatura Robert Eggers
Produttore Daniel Bekerman, Lars Knudsen, Jodi Redmond, Rodrigo Teixeira, Jay Van Hoy
Produttore esecutivo Thomas Benski, Jonathan Bronfman, Chris Columbus, Eleanor Columbus, Julia Godzinskaya, Alexandra Johnes, Sophie Mas, Lon Molnar, Lucas Ochoa, Michael Sackler, Alex Sagalchik, Lourenço Sant'Anna
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Fotografia Jarin Blaschke
Montaggio Louise Ford
Musiche Mark Korven
Scenografia Craig Lathrop, Mary Kirkland
Costumi Linda Muir
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Witch (stilizzato come The VVitch[1] e sottotitolato Vuoi ascoltare una favola?, in inglese A New-England Folktale[2]) è un film horror-storico del 2015, diretto da Robert Eggers.[3]

La pellicola – una co-produzione internazionale di Stati Uniti e Canada – venne presentata per la prima volta al Sundance Film Festival 2015 e divenne una wide release il 19 febbraio 2016, per conto della A24. Nella parte finale si legge che il film è derivato direttamente da «giornali, diari e resoconti giudiziari del tempo (XVI secolo)».[4][5]

Ha ricevuto il plauso della critica e ha incassato oltre 40 milioni di dollari, a fronte di un budget di 3 milioni.[6]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

New England, primi del '600. William, religioso predicatore, insieme alla moglie e ai cinque figli, viene allontanato dalla comunità puritana in cui vive per il suo estremismo nell'interpretazione della parola di Dio.[5] Si reca così nei pressi di un bosco – nella speranza di vivere in modo umile e sereno – praticando agricoltura e allevamento per sfamare la propria famiglia. Tuttavia, qualcosa di sinistro è in agguato ad attenderli. Un giorno Samuel – il bambino più piccolo, neonato, affidato alla sorella – scompare improvvisamente e, nonostante le ricerche, non viene più ritrovato.[2]

Questa tragedia innesca in modo progressivo l'odio tra i membri della famiglia, che vengono messi l'uno contro l'altro da bugie, omissioni, superstizioni, reciproche accuse.[7] William (il padre) è sempre più in conflitto con la moglie Katherine. Thomasin (la figlia adolescente) è insofferente con i due fratelli minori gemelli, Mercy e Jonas, e per spaventarli racconta loro di essere una strega e di aver sacrificato Samuel al diavolo. Caleb (il fratello minore) nota lo sviluppo sessuale della sorella (e forse ne è inconsciamente attratto) ma deve sempre reprimere i suoi desideri per non farsi scoprire.

Una mattina Caleb si reca nel bosco a cavallo con la sorella e scorge una lepre la cui presenza era stata già notata nei giorni precedenti. Il cane e Caleb si lanciano all'inseguimento e Thomasin, lasciata sola, viene disarcionata dall'animale inspiegabilmente imbizzarrito e perde i sensi. Una volta ripresa conoscenza, riesce per caso a ritrovare la via di casa.

Nel frattempo il ragazzo si imbatte nel corpo sventrato del cane e, ormai sperduto nel cuore della foresta, giunge fino a una capanna coperta di muschio, dalla quale esce una donna misteriosa, avvolta in una mantella rossa, che lo seduce e lo bacia, cingendogli la testa con una mano grinzosa a rivelarne la vera età. Nonostante gli sforzi del padre, il raccolto va male e gli animali si comportano in modo strano: la capra non dà latte ma sangue, e i due gemelli affermano di poter comunicare col caprone, chiamato Black Phillip.[2][4]

Uno dopo l'altro, i personaggi vanno incontro alla morte: Caleb viene ritrovato da Thomasin di notte, nudo e quasi svenuto, e spira nei giorni seguenti in preda ad una crisi mistico-epilettica. La sorella – in seguito alla dipartita di Caleb – viene utilizzata come capro espiatorio e imputata di stregoneria dai due gemelli, da lei reciprocamente accusati di aver stretto un patto col demonio nelle sembianze di caprone. A questo punto il padre – esasperato e confuso – non sa più a chi credere e decide di rinchiudere i figli nella stalla insieme a Black Phillip.

Durante la notte Thomasin e i gemelli vengono destati dalla presenza di una vecchia intenta ad abbeverarsi dalle mammelle sanguinanti della capra, mentre Katherine vive l'allucinazione di Samuel e Caleb che la convince a porre la sua firma sul libro del diavolo. Quando la madre offre il suo seno per placare i vagiti del bimbo, serena e ignara di cosa stia veramente accadendo, questo si rivela essere un corvo che le ferisce il petto a beccate.

La mattina seguente, il padre trova la piccola stalla distrutta, Thomasin svenuta, le capre squartate e i gemelli svaniti nel nulla, e viene incornato dal caprone che lo uccide.

Thomasin – recandosi in soccorso al padre – viene aggredita da Katherine, ormai fuori di sé e – nel tentativo di difendersi – la ragazza ne causa involontariamente la morte. Rimasta completamente sola e senza speranze per il suo futuro, decide di parlare anch'essa col caprone – che si rivela essere il Diavolo – il quale la alletta con promesse di meravigliose novità e piaceri, persuadendola infine a firmare il manoscritto maledetto.[2]

Spogliata di tutti gli abiti e della fede, la ragazza si reca nel bosco e qui trova una congregazione di streghe danzanti attorno al fuoco. Quando tutte le fattucchiere si sollevano in aria, Thomasin, in preda a un'inquietante euforia, inizia a levitare a sua volta e la trasformazione è dunque completa.[8]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti è stato distribuito il 19 febbraio 2016 (wide release), mentre in Italia il 18 agosto dello stesso anno.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salvatore Piombino, The VVitch: alle origini del male nei boschi del New-England, in ArtsLife, 13 maggio 2016. URL consultato il 23 agosto 2016 (archiviato il 23 agosto 2016).
  2. ^ a b c d (EN) Forrest Wickman, All The Witch’s Most WTF Moments, Explained: A Spoiler-Filled Interview With the Director, in Slate, 23 febbraio 2016. URL consultato il 26 agosto 2016 (archiviato il 26 agosto 2016).
  3. ^ (EN) The Witch, in British Board of Film Classification, 2016. URL consultato il 23 agosto 2016 (archiviato il 23 agosto 2016).
  4. ^ a b (EN) Jeffrey Bloomer, Why Are Goats Associated With the Devil, Like Black Phillip in The Witch?, in Slate, 26 febbraio 2016. URL consultato il 26 agosto 2016 (archiviato il 26 agosto 2016).
  5. ^ a b (EN) David Ehrlich, The Witch Finds Rapture in the Darkness, in Slate, 18 febbraio 2016. URL consultato il 26 agosto 2016 (archiviato il 26 agosto 2016).
  6. ^ (EN) The Witch, in Box Office Mojo, 2016. URL consultato il 23 agosto 2016 (archiviato il 23 agosto 2016).
  7. ^ (EN) Rebecca Onion, The Most Accurate Part of The Witch? It Nails the Desperate, Crazed Mindset of Early American Settlers, in Slate, 29 febbraio 2016. URL consultato il 26 agosto 2016 (archiviato il 26 agosto 2016).
  8. ^ (EN) Katy Waldman, Critics Love the Horror Film The Witch. Why Don’t Viewers Think It's Scary?, in Slate, 22 febbraio 2017. URL consultato il 26 agosto 2016 (archiviato il 26 agosto 2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema