Antoine Fuqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antoine Fuqua nel 2016

Antoine Fuqua (Pittsburgh, 19 gennaio 1966) è un regista e produttore cinematografico statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto a Pittsburgh in Pennsylvania, si è diplomato alla Taylor Allderdice High School nel 1983. Ha iniziato come regista di video musicali, lavorando per artisti come Toni Braxton, Coolio, Stevie Wonder, Queen Latifah, Usher e molti altri.

Dal 9 aprile 1999 si è sposato con l'attrice Lela Rochon, da cui ha avuto due figli: Asia Rochon Fuqua, nata nel 2002, e Brando, nato nel 2004.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Debutta sul grande schermo nel 1998 con il lungometraggio Costretti ad uccidere con Chow Yun-Fat e Mira Sorvino. Nel 2001 dirige Ethan Hawke e Denzel Washington in Training Day, mentre nel 2004 ha diretto King Arthur.

Ha inoltre diretto The Call, uno spot/cortometraggio della Pirelli, con protagonisti Naomi Campbell e John Malkovich.

Nel giugno 2010, parlando a Ditigal Spy, Fuqua ha confermato il suo ingaggio come regista in un film biografico sul cantante rap Tupac Shakur,[1] scritto da Stephen J. Rivele e Christopher Wilkinson, le cui riprese dovrebbero iniziare entro novembre.[2][3][4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antoine Fuqua conferma il biopic su Tupac. DelCinema, 03-06-2010 (ultimo accesso il 03-06-2010).
  2. ^ (EN) Claude Brodesser-Akner. A New Tupac Shakur Biopic Will Answer Why He Was Killed, If Not By Whom. New York Magazine, 26-08-2010 (ultimo accesso il 16-09-2010).
  3. ^ (EN) Jayson Rodriguez. Tupac Biopic Gains Oscar-Winning Screenwriters. MTV, 31-08-2010 (ultimo accesso il 16-09-2010).
  4. ^ Raimondo Pugioni. Sceneggiatori da Oscar per un film sul rapper Tupac. Viva Cinema, 30-08-2010 (ultimo accesso il 18-09-2010).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN18389642 · ISNI: (EN0000 0001 1468 4798 · LCCN: (ENno2002079083 · GND: (DE132600420 · BNF: (FRcb144492150 (data)