The 100

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The 100
The 100.png
Immagine tratta dalla sigla della serie televisiva
Titolo originale The 100
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2014 – in produzione
Formato serie TV
Genere fantascienza post-apocalittica, distopico, drammatico, azione
Stagioni 4
Episodi 58
Durata 40 min (episodio)
Lingua originale inglese
Rapporto 16:9
Crediti
Ideatore Jason Rothenberg (serie) Kass Morgan (romanzo)
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore esecutivo Jason Rothenberg, Leslie Morgenstein, Matt Miller, Gina Girolamo, Bharat Nalluri
Casa di produzione CBS Television Studios, Warner Bros. Television, Alloy Entertainment
Prima visione
Prima TV originale
Dal 19 marzo 2014
Al in corso
Rete televisiva The CW
Prima TV in italiano
Dal 1º ottobre 2014
Al in corso
Rete televisiva Premium Action

The 100 (pronunciato The Hundred) è una serie televisiva statunitense creata da Jason Rothenberg, in onda dal 19 marzo 2014 su The CW.[1]

La serie viene trasmessa in italiano per la prima volta a partire dal 1º ottobre 2014 sul canale Premium Action[2] e, in chiaro, a partire dal 19 maggio 2015 in seconda serata su Italia 1.[3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

97 anni dopo che una guerra nucleare globale ha sconvolto il pianeta Terra, del genere umano rimane solo una stazione spaziale, l'arca, un complesso di 12 stazioni spaziali minori che si trovavano in orbita al momento del disastro. L'Arca ha leggi molto severe per mantenere l'ordine: chi trasgredisce viene punito con la morte per espulsione nel vuoto. Ma ora, l'arca sta morendo con l'aumento della popolazione e con il rapido deteriorarsi degli impianti di riciclo. I membri del Consiglio decidono di inviare sulla Terra cento delinquenti minorenni per verificare se il pianeta è nuovamente abitabile. Questi giovani ragazzi intraprenderanno un viaggio molto pericoloso su un pianeta per loro affascinante ma sconosciuto e dovranno trovare un modo per superare le differenze, unire le forze e creare un nuovo inizio sulla Terra che ormai è completamente cambiata: è selvaggia, primitiva e piena di insidie.

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di The 100 (prima stagione).

Clarke Griffin è una ragazza di quasi diciotto anni, che si trova in carcere perché avrebbe voluto aiutare il padre a comunicare alla popolazione dell'arca la sua scoperta: l'imminente esaurimento dell'ossigeno e delle altre risorse. A causa del tradimento della stessa madre di Clarke, Abby, il Cancelliere Jaha viene a sapere delle loro intenzioni e ciò porta alla conseguente morte del marito e all'arresto della figlia. Dopo un anno di isolamento, Clarke viene scelta insieme ad altri novantanove detenuti per essere mandata sulla Terra e constatarne le condizioni in modo tale che la razza umana vi possa tornare a vivere. Ai cento si aggiunge Bellamy, fratello di Octavia che fa parte dei 100. Dopo aver scoperto che l'atmosfera non è tossica e che la Terra è nuovamente abitabile, i Cento devono iniziare a fare i conti con le minacce che incombono in ogni momento. Scopriranno di non essere soli su un pianeta che credevano totalmente disabitato e cercheranno in tutti i modi di restare vivi: saranno messi alla prova dalla Terra, dai segreti che nasconde; ma soprattutto si metteranno alla prova a vicenda, cercando in ogni modo di sopravvivere, lontano dalle leggi dell'arca, in un luogo in cui non c'è legge. Intanto sull'arca la situazione precipita in fretta; il Cancelliere Jaha e i suoi consiglieri Marcus Kane e Abby Griffin, cominciano a cercare una soluzione che possa salvare la loro gente. Abby invia sulla Terra Raven, un brillante meccanico per scoprire cosa è accaduto ai 100 che dal momento dell'atterraggio sembrano scomparsi. L'ultima nave Exodus viene rubata durante un colpo di stato e parte alla volta della Terra lasciando l'arca in condizioni di energia ed ossigeno critiche. Jaha sacrificando se stesso riesce a dividere l'arca e inviare sulla Terra quel che resta del suo popolo. Durante l'atterraggio l'arca si dividerà nelle stazioni originarie che atterreranno in punti diversi degli Stati Uniti.

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di The 100 (seconda stagione).

In seguito all'attacco dei terrestri, che viene momentaneamente interrotto dalla pioggia di detriti provenienti dall'arca, i sopravvissuti dei 100 (48, tra cui Clarke, Jasper e Monty) vengono rapiti e portati a Mount Weather, che avrebbero dovuto raggiungere al loro atterraggio. Le persone che abitano nel bunker di questa montagna si presentano a loro come dei salvatori riuscendo a convincere tutti, tranne Clarke, che riesce a scappare e a raggiungere i sopravvissuti dell'arca. In realtà gli uomini della montagna rapiscono i terrestri e il popolo del cielo ed utilizzano il loro sangue per curare le ferite da radiazioni che i loro corpi ricevono quando sono esposti. Clarke, anche se con qualche difficoltà, riesce a prendere le redini della situazione formando un'alleanza tra il suo popolo e quello dei terrestri, guidato dal comandante Lexa. L'alleanza guidata da Clarke e Lexa attacca Mount Weather grazie al sabotaggio interno di Bellamy che riesce ad infiltrarsi all'interno della montagna. Al culmine della battaglia però, Lexa stringe un patto con gli uomini della montagna, riuscendo a portare in salvo il suo popolo e lasciando Clarke e Bellamy disperati per i propri amici ancora prigionieri della montagna. Abbandonati e senza più un esercito, Clarke e Bellamy con l'aiuto di Monty e Octavia, riescono a salvare dalla morte gli altri ragazzi imprigionati nella montagna irradiando tutti gli abitanti della montagna. Sentendosi in colpa per ciò che è successo, Clarke decide di abbandonare la sua gente. Intanto il cancelliere Jaha riesce a raggiungere la Terra all'interno di un missile e parte con un gruppetto di suoi seguaci alla ricerca della "Città della Luce", che non sarà affatto ciò che si aspettava.

Terza stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di The 100 (terza stagione).

Tre mesi dopo Mount Weather, Clarke è in fuga in quanto ricercata. Catturata da Roan, principe esiliato della nazione del ghiaccio viene portata al cospetto di Lexa, nella capitale Polis, con la quale stringe nuovamente un'alleanza, facendo entrare Il popolo del cielo nella coalizione dei 12 clan terrestri. Intanto il Campo Jaha, ora rinominato "Arkadia", è stato riorganizzato. Durante una missione di ricognizione, i membri di Arkadia scoprono che ci sono altri sopravvissuti dell'arca, provenienti dalla stazione agricola. Uno di questi, Charles Pike, ex insegnante e mentore dei Cento, riesce a prendere il potere e farsi nominare cancelliere al posto di Kane. Pike dà inizio un nuova politica di ostilità contro i terrestri, mettendo a rischio la tanto agognata alleanza, nonostante quest'ultima sembri rafforzata dal fatto che il popolo del cielo è diventato ufficialmente il tredicesimo clan terrestre. La coalizione e la vita di tutti viene messa in pericolo dall'accidentale morte di Lexa. Il caos generato favorisce l'ex cancelliere Jaha e l'intelligenza artificiale A.L.I.E., che riescono con ogni mezzo a popolare la Città della Luce. I pochi che non sono stati corrotti da Jaha (Clarke, Bellamy, Octavia, Monty, Raven, Murphy) capiscono quindi di doversi alleare contro A.L.I.E., che sembra essere diventata il nemico comune della razza umana. Trovare un modo per distruggerla non è affatto facile. Luna, l'ultima Natblida (Sanguenero), è l'unica a poter utilizzare la chiave per accedere ad A.L.I.E. 2 e così distruggere A.L.I.E. 1. Dietro ad A.L.I.E. si nasconde, infatti, la verità sulla guerra nucleare che ha distrutto il mondo. La dottoressa Becca, Becca Pramheda (primo Comandante) per i terrestri, è la scienziata che ha creato A.L.I.E. per individuare le cause della progressiva morte del pianeta Terra e studiare le soluzioni a tale infausto evento. A.L.I.E. ritiene che il problema sia il sovraffollamento globale. La dottoressa Becca si trova sulla stazione Polaris a lavorare proprio ad A.L.I.E. 2 quando A.L.I.E. 1 bombarda la Terra. Tornerà sulla terra dopo i bombardamenti grazie al sangue nero (di sua invenzione) e diventerà appunto il primo Comandante dei sopravvissuti al disastro, con il chip di A.L.I.E. 2 impiantato nella nuca. Il chip sarà tramandato al comandante più forte tra i Natblida come Lexa, e secondo la tradizione contiene lo spirito di tutti i comandanti che sono succeduti a Becca pramheda. Infine, Clarke riesce a distruggere A.L.I.E., ma non prima che questa le abbia svelato il motivo per il quale ha creato la Città della Luce: i reattori nucleari che hanno resistito alla catastrofe che ha distrutto il mondo si stanno fondendo, e una nuova ondata di radiazioni si abbatterà molto presto sul 96% della Terra, distruggendo ogni forma di vita presente.

Quarta stagione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di The 100 (quarta stagione).

Polis si risveglia dal controllo di A.L.I.E.. Nella confusione e nell'incertezza, i guerrieri di Azgeda, guidati provvisoriamente da Echo (ex prigioniera di Mount Weather e alleata di Bellamy in quel frangente), imprigionano e sono pronti ad uccidere gli Skaikru ancora presenti nella capitale (Clarke, Bellamy, Kane, Abby, Murphy, Jaha, e Octavia). Re Roan viene curato dalle ferite e una volta ripresosi ascolta le motivazioni di Clarke, decidendo di mantenere la Coalizione di Lexa per permettere agli Skaikru di trovare una soluzione. Inoltre, Clarke accresce il suo potere affidandogli la fiamma (il chip di A.L.I.E. 2 che contiene lo spirito dei comandanti) e quindi il controllo sulla futura Ascensione, in attesa di un altro natblida che possa succedere a Lexa. Kane e Octavia restano nella capitale per proteggere la pace del re; mentre Clarke, Bellamy e gli altri tornano ad Arkadia per cercare una soluzione che possa salvare tutti. Luna arriva con ciò che resta del suo popolo decimato dall'esposizione acuta alle radiazioni. L'unica a sopravvivere sarà la ragazza stessa, grazie al suo Sanguenero: Clarke ed Abby capiscono quindi che può rappresentare la loro salvezza. Seguendo le indicazioni di Jaha e guidati da Emori -la ragazza terrestre di Murphy-, Abby, Raven e Luna, con un manipolo di guardie, partono alla volta dell'isola dove è ubicato il laboratorio di Becca. Qui Raven scopre come Becca ha creato il Sanguenero: nello spazio, perciò, dopo aver scoperto che nel laboratorio è nascosta una navicella spaziale, decide di adoperarsi per farla partire e sintetizzare la pozione che potrebbe salvare tutti dalle radiazioni. Intanto, Clarke e Bellamy portano avanti il piano B: riparare ciò che resta dell'Arca per difendersi dall'ondata di radiazioni. Roan scopre di non essere stato informato su questo progetto, per cui decide di rompere l'alleanza con gli Skaikru e i Trikru loro alleati. Piano B che ha però vita breve. Ilian, terrestre appartente ai Trishanakru, da la colpa agli Skaikru per le azioni riprovevoli che ha commesso sotto l'influenza di A.L.I.E.. Introdottosi ad Arkadia, Ilian fa esplodere quello che resta dell arca, attirando l'ira funesta degli Skaikru, i quali vogliono ucciderlo, ma grazie all'intervento di Jaha e Kane riuscirà a salvarsi. Octavia, a capo della rivolta contro Ilian, decide di lasciare nuovamente gli Skaikru. Nel frattempo Clarke, Bellamy e Roan trasportano le taniche di benzina necessarie per il decollo e l'atterraggio della navicella trovata da Raven a Polis.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 13 2014 2014
Seconda stagione 16 2014-2015 2015
Terza stagione 16 2016 2016
Quarta stagione 13 2017 inedita

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di The 100.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto fu presentato per la prima volta ai vertici di The CW nell'ottobre 2012,[5] mentre l'episodio pilota è stato ordinato a gennaio 2013.[6] La serie fu ordinata ufficialmente il 9 maggio 2013 durante gli upfront e sette giorni più tardi è stata programmata per essere trasmessa a metà stagione.[7]

L'8 maggio 2014 la serie è stata rinnovata per una seconda stagione.[8] L'11 gennaio 2015 la serie è stata rinnovata per una terza stagione.[9] L'11 marzo 2016 la serie è rinnovata per una quarta stagione[10]. Il 10 marzo 2017 la serie è stata rinnovata per una quinta stagione.[11]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Emmy Awards
  • E! Online Best. Ever. TV. Awards[12]
    • 2015 – Miglior bacio a Eliza Taylor e Alycia Debnam-Carey
    • 2015 – Miglior guest star a Alycia Debnam-Carey
    • 2015 – Candidatura per il miglior combattimento a Eliza Taylor e Dichen Lachman
    • 2015 – Candidatura per la serie più sottovalutata
    • 2015 – Candidatura per il miglior binge-watch
    • 2015 – Candidatura per il miglior cast sui social media
    • 2015 – Candidatura per il miglior fandom
  • Golden Reel Awards
    • 2015 – Candidatura per il miglior montaggio sonoro negli effetti sonori per l'episodio Noi siamo terrestri - Parte 2
    • 2016 – Candidatura per il miglior montaggio sonoro nel dialogo per l'episodio La selezione della razza
  • MTV Fandom Awards[13]
    • 2015 – Candidatura per la coppia dell'anno a Eliza Taylor e Alycia Debnam-Carey
    • 2016 – Candidatura per la coppia dell'anno a Eliza Taylor e Alycia Debnam-Carey
    • 2016 – Fan Freakout of the Year a Alycia Debnam-Carey
  • Saturn Awards
    • 2015 – Miglior serie televisiva per giovani
    • 2016 – Candidatura per la miglior serie televisiva di fantascienza
  • Teen Choice Awards
    • 2015 – Candidatura per la miglior serie TV fantasy/sci-fi
    • 2015 – Candidatura per il miglior attore in una serie TV fantasy/sci-fi a Bob Morley
    • 2015 – Candidatura per la miglior attrice in una serie TV fantasy/sci-fi a Eliza Taylor
    • 2016 – Candidatura per la miglior attrice in una serie TV fantasy/sci-fi a Eliza Taylor
    • 2016 – Candidatura per la miglior intesa in una serie TV a Eliza Taylor e Bob Morley
  • The Joey Awards[14]
    • 2014 – Candidatura per il miglior attore emergente in una serie drammatica a Spencer Drever
  • TV Scoop Awards[15]
    • 2016 – Miglior attrice in una serie drammatica a Eliza Taylor
    • 2016 – Momento più sexy a Eliza Taylor e Alycia Debnam-Carey
    • 2016 – Female Breakout Star a Alycia Debnam-Carey
    • 2016 – Addio più doloroso a Eliza Taylor e Alycia Debnam-Carey
    • 2016 – Miglior combattimento a Alycia Debnam-Carey e Zach McGowan
    • 2016 – Miglior bacio a Eliza Taylor e Alycia Debnam-Carey
    • 2016 – Momento che ti ha fatto venire voglia di buttare la TV per l'episodio Tredici
    • 2016 – Miglior guest star a Alycia Debnam-Carey
    • 2016 – Miglior fandom (Clexa)
    • 2016 – Candidatura per la miglior serie drammatica
    • 2016 – Candidatura per il miglior attore in una serie drammatica a Bob Morley
    • 2016 – Candidatura per la miglior attrice in una serie drammatica a Lindsey Morgan
    • 2016 – Candidatura per la miglior coppia a Eliza Taylor e Alycia Debnam-Carey
    • 2016 – Candidatura per il miglior cattivo a Erica Cerra
    • 2016 – Candidatura per il miglior cast sui social media

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: The 100 (serie di romanzi).

La serie è basata sull'omonimo romanzo scritto da Kass Morgan, pubblicato il 3 settembre 2013[16] e in Italia il 28 gennaio 2016[17]. Il 16 settembre 2014 è stato pubblicato il secondo romanzo, Day 21[18], in lingua originale, mentre in Italia il 15 settembre 2016. Il 24 febbraio 2015 è stato pubblicato il terzo romanzo, Homecoming[19], in Italia il 9 febbraio 2017. Il 6 dicembre 2016 è stato pubblicato Rebellion, quarto romanzo della serie[20]. La serie televisiva ed i romanzi seguono due trame differenti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) CW orders 3 new sci-fi shows, in ew.com, 9 maggio 2013. URL consultato il 1º febbraio 2014.
  2. ^ The 100, la nuova serie The CW da questa sera su Premium Action, su Everyeye.it. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  3. ^ The 100, da questa sera su Italia1 la nuova serie The CW, su Everyeye.it. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  4. ^ Kelly Hu viene accreditata come membro regolare solo nell'episodio pilota.
  5. ^ (EN) Alloy Sells Post-Apocalyptic Drama To CW, deadline.com. URL consultato il 1º febbraio 2014.
  6. ^ (EN) Alloy Sells Post-Apocalyptic Drama To CW, deadline.com. URL consultato il 1º febbraio 2014.
  7. ^ (EN) The CW Announces 2013-2014 Fall Schedule, thefutoncritic.com. URL consultato il 1º febbraio 2014.
  8. ^ (EN) Michael Slezak, Carrie Diaries, Tomorrow People and One More Cancelled, Three Others Renewed by The CW, su TVLine, 8 maggio 2014. URL consultato il 5 settembre 2016.
  9. ^ (EN) The CW renews 8 shows for next season, Entertainment Weekly. URL consultato il 25 marzo 2015.
  10. ^ (EN) ‘The Flash,’ ‘The 100’ and even ‘Crazy Ex-Girlfriend’ renewed: All 11 CW series picked up for 2016-17, tvbythenumbers.zap2it.com. URL consultato l'11 marzo 2016.
  11. ^ The 100: la serie è stata rinnovata per una quinta stagione!, in GingerGeneration.it - Le Teen News più rosa della Rete, 10 marzo 2017. URL consultato l'11 marzo 2017.
  12. ^ (EN) And the Winners Are... from Best. Ever. TV. Awards 2015: And the Winners Are!, su E! News. URL consultato l'11 maggio 2016.
  13. ^ (EN) mtv, su mtv.tumblr.com. URL consultato l'11 maggio 2016.
  14. ^ (EN) The Joey Awards, su joeyawards.com. URL consultato l'11 maggio 2016.
  15. ^ (EN) TV Scoop Awards 2016: And the Winners Are..., su E! News. URL consultato il 15 maggio 2017.
  16. ^ (EN) The 100 - Hachette Book Group, su hachettebookgroup.com. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  17. ^ The 100 - Kass Morgan - Rizzoli, su RCS Libri. URL consultato il 5 febbraio 2016.
  18. ^ (EN) Day 21 - Hachette Book Group, su hachettebookgroup.com. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  19. ^ (EN) Homecoming - Hachette Book Group, su hachettebookgroup.com. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  20. ^ (EN) Kass Morgan writing fourth 'The 100' book: 'Rebellion', su Entertainment Weekly's EW.com. URL consultato l'11 maggio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]