Goksung - La presenza del diavolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Goksung - La presenza del diavolo
The wailing.jpg
Kwak Do-won e Chun Woo-hee
Titolo originale곡성
Gokseong
Lingua originaleGiapponese, Coreano
Paese di produzioneCorea del Sud
Anno2016
Durata155 minuti
Rapporto2.35:1
Genereorrore, thriller
RegiaNa Hong-jin
SoggettoNa Hong-jin
SceneggiaturaNa Hong-jin
ProduttoreKim Sung-hoo
Produttore esecutivoRobert Friedland
Casa di produzione20th Century Fox
Distribuzione in italianoEagle Pictures
FotografiaHong Kyung-pyo
MontaggioKim Sun-min
Effetti specialiKim Kwang-soo
MusicheDalpalan
ScenografiaCheong Jai-hoon
CostumiChae Kyung-hwa
TruccoHwang Hyo-kyun
Art directorLim Min-sub
Character designLee Hwo-kyoung
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Goksung - La presenza del diavolo (곡성?, GokseongLR, anche noto come The Wailing) è un film sudcoreano del 2016, diretto da Na Hong-jin.

Sin dalla sua uscita in Corea, il film ha riscosso successo sia tra la critica sia tra i fan dell'horror, per via dell'insolita struttura narrativa e della commistione di molti elementi cari al genere, come esorcismi, contagi, demoni, zombie e spiriti maligni.[1][2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel villaggio di Goksung in Corea del Sud, si stanno verificando alcuni casi di omicidio piuttosto violenti. È opinione comune all'interno del villaggio, che a causare tali disgrazie sia stato un uomo giapponese da poco arrivato in paese, a cui alcuni attribuiscono addirittura poteri maligni e sovrannaturali. Ad indagare è Jong-goo, un ufficiale della polizia locale. Nel frattempo accadono altri incredibili e inquietanti incidenti, come lo svilupparsi di una grave malattia contagiosa e soprattutto si presenta un caso di possessione demoniaca, ai danni proprio della figlia del poliziotto. Jong-goo scoprirà, a sue spese, che la causa di tutte queste disgrazie è davvero un'entità maligna.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

È stato presentato fuori concorso al Festival di Cannes 2016.

È stato presente nella sezione After Hours del 34° Torino Film Festival.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ottenuto un rating di 8,1 su 10 sul sito Metacritic, di 8,0 su 10 su Rotten Tomatoes.

Remake[modifica | modifica wikitesto]

Pochi mesi dopo l'uscita del film, è stato annunciato da Ridley Scott, per conto della Scott Free Productions, l'intenzione di acquistarne i diritti per poterne fare un remake.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema