Idris Elba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Idris Elba nel 2014

Idris Elba, all'anagrafe Idrissa Akuna Elba (Londra, 6 settembre 1972), è un attore britannico. Elba è anche un DJ, noto nei club londinesi con lo pseudonimo DJ Big Driis/Big Driis the Londoner.

Ha recitato nelle serie televisive The Wire, Luther con cui vince un Golden Globe, The Office e in film come 28 settimane dopo, American Gangster, RocknRolla e Obsessed. Ha preso parte a blockbusters di successo come Pacific Rim e nel 2011 è entrato a far parte della saga del Marvel Cinematic Universe nel ruolo di Heimdall nei film incentrati su Thor. Nel 2016 vince lo Screen Actors Guild Award come miglior attore non protagonista per il film Beasts of No Nation, venendo nominato per la stessa categoria anche ai Premi BAFTA e ai Golden Globe.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Idris Elba agli American Music Awards del 2007.

Nato e cresciuto a Hackney, figlio unico di madre ghanese e padre originario della Sierra Leone,[1] fin da adolescente ha aspirazioni artistiche e grazie all'aiuto dello zio inizia ad esibirsi come disc jockey, suonando ai matrimoni; successivamente con un gruppo di amici fonda un collettivo di giovani disc jockey. Dopo aver vinto un concorso, a sedici anni entra al National Youth Music Theatre. Negli anni seguenti suona come DJ nei club londinesi con lo pseudonimo di DJ Big Driis[2] e continua a coltivare le sue aspirazioni attoriali sottoponendosi a numerose audizioni.

Negli anni novanta inizia a lavorare per svariate produzioni televisive britanniche, come Absolutely Fabulous, Ultraviolet e Dangerfield. Nel 2001 lavora negli Stati Uniti nel film Buffalo Soldiers, ritratto di soldati americani di stanza in Germania poco prima della caduta del muro di Berlino nel 1989. Appare in videoclip per artisti come Angie Stone e Fat Joe e continua la sua permanenza negli Stati Uniti partecipando ad un episodio di Law & Order - I due volti della giustizia, dopodiché entra nel cast della serie televisiva The Wire, dove dal 2002 al 2004 interpreta il personaggio di Russell "Stringer" Bell.

Nel 2006 Elba registra un EP contenente quattro canzoni e co-produce e partecipa all'intro dell'album di Jay-Z American Gangster. Nel maggio del 2007 viene inserito dalla rivista People tra le 100 persone più belle del mondo. Cinematograficamente parlando il 2007 è un anno importante: dopo aver partecipato al film di Tyler Perry Daddy's Little Girls, recita al fianco di Hilary Swank ne I segni del male e interpreta il Generale Stone nel film 28 settimane dopo. Sempre nel 2007 recita in American Gangster di Ridley Scott, nei panni di un boss mafioso.

Nel 2008 recita negli horror Che la fine abbia inizio e Il mai nato, fa parte del nutrito cast di RocknRolla di Guy Ritchie ed è protagonista al fianco della cantante Beyoncé Knowles del thriller Obsessed. Nel 2009, dopo aver partecipato a sei episodi di The Office, ottiene ruoli importanti nei film Takers e The Losers, del 2010. Da settembre 2009 Elba ha iniziato a lavorare in una serie televisiva della BBC intitolata Luther in onda dal 4 maggio 2010 su BBC One dove interpreta la parte del protagonista, il detective John Luther, ricoprendo il ruolo fino alla fine della serie nel 2015.

A partire dal 2011 prende parte alla saga del Marvel Cinematic Universe nel film Thor, in cui interpreta Heimdall,[3] ricoprendo lo stesso ruolo nei film Thor: The Dark World, Avengers: Age of Ultron e Thor: Ragnarok. Nel novembre 2012 Elba è comparso nel video dei Mumford & Sons Lover Of The Light, secondo singolo estratto dall'album Babel.[4] Nel 2014 ha preso parte al programma #IdrisElbaNoLimits (in Italia trasmesso da DMAX), in cui Elba partecipa a varie competizioni sportive (rally, volo acrobatico, ecc.) nonostante abbia solo poche settimane di allenamento.

Nel 2015 Elba è nel cast di Beasts of No Nation diretto da Cary Fukunaga[5], incentrato sulla vita dei bambini soldato nigeriani sfruttati dai signori della guerra locali. Per il ruolo vince lo Screen Actors Guild Award come miglior attore non protagonosta[6] e viene anche nominato per la stessa categoria anche ai Premi BAFTA[7] e ai Golden Globe.[8] Nel 2016 Elba viene scritturato dalla Disney per prendere parte al remake in live-action dell'omonimo e celebre classico Disney, Il libro della giungla, diretto da Jon Favreau; Elba presta la voce al feroce e spietato antagonista della storia, la tigre Shere Khan.[9] Sempre nel 2016 doppia il personaggio del Capitano Bogo nel film d'animazione Zootropolis e doppia il tricheco Fluke nel film Disney-Pixar Alla ricerca di Dory, sequel di Alla ricerca di Nemo.[10] Lo stesso anno interpreta il villain Krall in Star Trek Beyond.[11]

L'anno successivo è nel cast di due film presentati al Toronto Film Festival; Il domani tra di noi, dove recita accanto a Kate Winslet. La pellicola narra la storia di due estranei che, in seguito a un tragico incidente aereo, uniscono le loro forze per sopravvivere alle condizioni estreme di un massiccio montuoso innevato e lontano dalla civiltà.[12] La seconda pellicola è Molly's Game, dove interpreta il ruolo dell'avvocato Charlie Jaffey impegnato a difendere Molly Bloom, una giovane sciatrice olimpica arrestata dall'FBI in quanto diventata organizzatrice di un giro di poker clandestino.[13]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1997 al 2001 è stato sposato con l'attrice, scrittrice e ballerina liberiana Dormowa Sherman. La coppia ha avuto una figlia, Isan, nata nel 2002, dopo la fine della loro unione.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Idris Elba è stato doppiato da:

Come doppiatore, viene sostituito da:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per i servizi all'arte drammatica.»
— 31 dicembre 2015[15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Henry Fitzherbert, Idris Elba: Obama loves him and now he's playing Mandela, su Daily Express, 24 maggio 2012. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  2. ^ (EN) Idris Elba (Driis) Releases New Music Video "Secret Garden", in Hip-Hop Wired, 13 settembre 2011. URL consultato il 27 novembre 2017.
  3. ^ Idris Elba Joins the Cast of Thor, in ComicBookMovie, 19 novembre 2017. URL consultato il 27 novembre 2017.
  4. ^ Mumford And Sons - il video di Lover Of The Light. Nuovi biglietti per il tour in Italia, in Soundsblog.it, 28 novembre 2012. URL consultato il 27 novembre 2017.
  5. ^ Luca Ceccotti, Beasts of No Nation: Idris Elba potente signore della guerra nel nuovo, intenso trailer del film di Cary Fukunaga, in Best Movie, 04 settembre 2015. URL consultato il 27 novembre 2017.
  6. ^ a b Carlo Lanna, SAG 2016: trionfano Spotlight, Leonardo DiCaprio e Idris Elba, in Movieplayer.it, 31 gennaio 2016. URL consultato il 27 novembre 2017.
  7. ^ a b La lista dei candidati ai BAFTA, i premi britannici per cinema e tv, in Il Post, 8 gennaio 2016. URL consultato il 27 novembre 2017.
  8. ^ a b Golden Globe 2016, la lista dei candidati, in Il Post, 10 dicembre 2015. URL consultato il 27 novembre 2017.
  9. ^ Idris Elba nel Libro della giungla di Jon Favreau, su Film.it, 7 marzo 2014. URL consultato il 27 novembre 2017.
  10. ^ Mirko D'Alessio, Alla ricerca di Dory: Idris Elba e Dominic West si aggiungono al cast vocale, in BadTaste.it, 13 settembre 2014. URL consultato il 27 novembre 2017.
  11. ^ Andrea Bedeschi, Star Trek Beyond, Idris Elba esplora la complessità di Krall in una nuova featurette, in BadTaste.it, 12 luglio 2016. URL consultato il 27 novembre 2017.
  12. ^ Il domani tra di noi: featurette in italiano e nuova locandina del film con Idris Elba e Kate Winslet, su cineblog.it, 20 settembre 2017. URL consultato il 26 novembre 2017.
  13. ^ Jessica Chastain tra mafia russa e FBI: il trailer di Molly's Game, su quotidiano.net, 16 agosto 2017. URL consultato il 20 agosto 2017.
  14. ^ Federica Palladini, I vincitori dei Golden Globes 2016, in Elle.it, 11 gennaio 2016. URL consultato il 27 novembre 2017.
  15. ^ The London Gazette (PDF), nº 61450, 30 December 2015, p. N12.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN292144 · ISNI (EN0000 0001 2117 5270 · LCCN (ENno2005061684 · GND (DE140482083 · BNF (FRcb150336585 (data)