Joss Whedon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joss Whedon al Comic-Con 2010.

Joss Whedon, pseudonimo di Joseph Hill Whedon (New York, 23 giugno 1964), è un regista, sceneggiatore, fumettista, produttore televisivo, produttore cinematografico, compositore e montatore statunitense.

Deve gran parte della sua fama alla creazione della celebre serie televisiva Buffy l'ammazzavampiri e dei film The Avengers e Avengers Age Of Ultron, usciti rispettivamente nel 2012 e nel 2015, ma è autore di molte altre sceneggiature televisive, cinematografiche e di fumetti.

Nel 1997 ha fondato la casa di produzione cinematografica denominata Mutant Enemy che ha chiuso i battenti nel 2006. Lo stesso Whedon è uno dei co-fondatori della Bellwether Pictures insieme a sua moglie Kai Cole .

Come sceneggiatore è noto per i suoi dialoghi che dispongono di un secco umorismo. Il suo lavoro è permeato da temi riguardanti il femminismo, l'anti-autoritarismo, l'esistenzialismo e l'abnegazione. Spesso usa la misoginia come tratto saliente di un cattivo, e i suoi protagonisti tendono ad essere eroi che inizialmente sono impotenti ma poi prendono il controllo della comunità al fine di raggiungere un obiettivo oppure si sacrificano per salvare gli altri (la sua propensione ad uccidere i suoi personaggi è stata spesso bersaglio di numerose critiche[1][2]).

Whedon ha citato Ray Bradbury,[3] James Cameron,[4] Rod Serling,[5] William Shakespeare,[6] Stephen Sondheim,[7] Steven Spielberg,[8] Charles Dickens, Stan Lee, Robert Klein, Jerome Robbins, Frank Borzage, Steve Gerber, Steven Bochco, Frances Hodgson Burnett e John Williams come influenze.[5] Quando gli è stato chiesto dei suoi cinque film preferiti, Whedon ha citato The Matrix (1999), C'era una volta il West (1968), Il bruto e la bella (1952), Magnolia (1999) e Il giullare del re (1956).[9]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Joss Whedon è nato a New York City ed è uno sceneggiatore TV di terza generazione[10], essendo figlio di Tom Whedon, sceneggiatore per The Electric Company negli anni settanta e Cuori senza età negli anni ottanta, e nipote di John Whedon, uno degli sceneggiatori di The Donna Reed Show negli anni cinquanta[11]. La madre, Lee Stearns, era un insegnante alla Riverdale Country School. Joss è il fratello più giovane di Samuel e Matthew Whedon e fratello più grande di scrittori Jed e Zack Whedon[12].

Ha studiato in Inghilterra al Winchester College e ha conseguito nel 1987 una laurea in materie cinematografiche all'università Wesleyan, in Connecticut. Appassionato di fumetti, di cui è autore, fantasy e fantascienza, Whedon è ateo[13] e umanista.

Inizio carriera[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1989 Whedon comincia a lavorare come sceneggiatore per le sitcom Pappa e ciccia e Fra nonni e nipoti[14][15]. Come un addetto alla revisione delle sceneggiature, Whedon lavora come sceneggiatore accreditato su film come Getaway (1994), Speed e Waterworld (1995), Twister (1996), X-Men (2000) e Atlantis - L'impero perduto (2001)[16]. X-Men nel suo montaggio finale contenne solo due dialoghi scritti da Whedon[17], come successe anche con Speed[18]. Nello stesso periodo sceneggiò Buffy L'Ammazza Vampiri (1992) il film che avrebbe preceduto l'omonima serie e Alien - La clonazione (1997), e co-sceneggiò Toy Story (1995) e Titan A.E. (2000), il primo dei quali gli è valso la sua prima, e fino ad ora unica, nomination ai premi Oscar nella categoria per la migliore sceneggiatura originale[19][20][21]. Whedon ha spesso però espresso forte insoddisfazione per le versioni distribuite di molti di questi film[16][20][22].

Buffy l'ammazzavampiri[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997, Whedon creò il suo primo show televisivo, la già citata Buffy l'ammazzavampiri. La serie ha per protagonista Buffy Summers, interpretata da Sarah Michelle Gellar, ultima di una serie di giovani donne chiamate a combattere contro vampiri, demoni e altre forze delle tenebre. L'idea alla base del soggetto è venuta a Whedon direttamente dalla sua avversione per vedere la classica formula Hollywoodiana di "una bambina bionda che entra in un vicolo buio e viene uccisa" presente in ogni film horror[23]. Whedon aveva intenzione di sovvertire questo cliché[24].

La serie appartiene a diversi generi cinematografici, come horror, arti marziali, farsa, Screwball comedy, melodramma, romantico e anche musical (nell'episodio La vita è un musical). La trama di Buffy è raccontata sotto forma di serie televisiva, dove in ciascun episodio si sviluppa un intreccio indipendente, che generalmente si riallaccia a una trama più grande. A sua volta, la trama si divide in stagioni, contraddistinte dalla presenza e dall'eliminazione (non necessariamente la sua morte) di un grande antagonista, ogni volta diverso.

La serie ha ricevuto numerosi premi e nomination, tra cui una nomination per l'Emmy Award per l'episodio del 1999 L'urlo che uccide della quarta stagione[25]. L'episodio del 2001 Un corpo freddo della quinta stagione è stato nominato per un Premio Nebula nel 2002[26], e il già citato episodio musical del autunno dello stesso anno intitolato La vita è un musical, è stato nominato per i premi Best Dramatic Presentation ai Premi Hugo e Miglior sceneggiatura ai Premi Nebula[27][28]. L'episodio finale della serie è stato nuovamente nominato per il Best Dramatic Presentation ai Premi Hugo del 2003[29]. Tutti questi episodi sono stati tutti diretti e sceneggiati da Whedon stesso, e sono tuttora considerati alcuni degli episodi più efficaci e popolari che la serie in se stessa e che la TV statunitense in generale abbia mai prodotto[30][31].

Buffy l'ammazzavampiri è stata lodata in tutto il mondo per i suoi temi e l'impatto sulla cultura popolare[32][33][34]. Nel giugno 2012, la rivista Slate ha identificato come sulla serie siano stati scritti più testi di cultura pop rispetto a quasi qualsiasi altra cosa[35].

Angel[modifica | modifica wikitesto]

Come risultato del successo di Buffy, a Whedon è stato permesso uno spin-off della serie, Angel. David Greenwalt e Whedon collaborarono all'episodio pilota per The WB Network[36].

Quando Whedon con il suo team decise di creare Angel, aveva un’idea ben precisa di ciò che lo show sarebbe dovuto essere: uno spettacolo dark e maturo che avrebbe interessato un pubblico prettamente adulto, a differenza della serie madre Buffy, che aveva sempre conferito una certa leggerezza alle situazioni e che poteva essere definita più adolescenziale. Durante la lavorazione della serie la rete televisiva tuttavia ammorbidì molto i toni dell'intera opera mitigato il concetto originale di Whedon riguardo lo svilupparsi della storia[37]. Il secondo episodio della prima stagione, per esempio, avrebbe dovuto chiamarsi Corrotto, e doveva trattare diverse scene con prostitute ed altre di violenza sessuale, ma fu completamente abbandonato a causa dei contenuti e della tristezza insita nella sceneggiatura[37].

La premessa iniziale comunque fu nonostante tutto mantenuta e, proprio a causa di ciò, ci furono diversi problemi legati ai contenuti troppo espliciti del programma per via della rete The WB, nata principalmente come canale per adolescenti. Durante la produzione di altri dei primi episodi, ci furono diverse trame rifiutate dalla rete, che definiva "troppo pesanti e scabrose". Il tono è stato quindi ammorbidito stabilendo che il protagonista avrebbe aperto la Angel Investigations[37]. Ne consegue che Angel (interpretato da David Boreanaz), lavori come investigatore privato, al fine di "aiutare gli indifesi"[38]. Nonostante queste prime incomprensioni, la serie di Angel è andata avanti per cinque anni, senza che gli autori dovessero censurare la propria fantasia. Infatti, in Inghilterra, la prima stagione ha comunque un visto censura vietato ai minori di 18 anni, per via di un episodio che tratta di possessioni demoniache e rituali satanici. Nel corso della serie, vengono spesso mostrate scene splatter e di accentuata violenza, così come viene utilizzato un linguaggio piuttosto scurrile (soprattutto nella quarta stagione) e mostrate scene di natura sessuale. Per questo motivo in Italia sulle reti pubbliche, la messa in onda e le repliche di Angel furono trasmesse sempre in seconda serata.

La serie è stata elogiata per la presentazione di una versione unica e progressiva dell'archetipo eroistico-noir riplasmato in un detective vampiro simpatico[39][40][41], riuscendo anche a vincere il Saturn Award nella categoria Miglior serie televisiva[42] ed i tre episodi Dietro le quinte della terza stagione[43] L'ora del sorriso e Non svaniremo della quinta stagione furono tutti e tre nominati ai Premi Hugo nella categoria Best Dramatic Presentation, Short Form nel 2003 e 2005.[44]

La rete WB ha annunciato in data 14 febbraio 2004, che la serie non sarebbe stata rinnovata per una sesta stagione[45]. Riguardo questa cancellazione Whedon ha dichiarato: "È stato come 'se un ragazzo sano cadesse a terra per un attacco di cuore'. Credo che la ragione per cui Angel ha avuto problemi con la WB sia perché era l'unico show che cercava di non assomigliare a Buffy. Voleva essere uno spettacolo per adulti"[46]. La serie è nonostante tutto continuata attraverso un fumetto.[47]

Gli anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Firefly[modifica | modifica wikitesto]

Whedon, dopo la chiusura di Angel, creò la serie space western Firefly, con Nathan Fillion, Gina Torres, Alan Tudyk, Morena Baccarin, Adam Baldwin, Jewel Staite, Sean Maher, Summer Glau e Ron Glass. Ambientato nell'anno 2517, Firefly esplora le vite delle persone che, ai margini della società, si guadagnano da vivere come equipaggio della Serenity, una astronave classe "Firefly"[48]. L'idea fondamentale della serie arrivò a Whedon mentre questi leggeva un libro sulla Battaglia di Gettysburg[49].

Un elemento costantemente presente all'interno della serie è l'iniezione Whedoniana di anti-totalitarismo,[50] iscritto nell'analogia storica tra la realmente accaduta Battaglia di Gettysburg e l'immaginaria "Battaglia della Valle Serenity"[51] in cui due dei personaggi principali, Malcolm Reynolds e Zoe Washburne hanno combattuto dalla parte indipendentista che ha, nonostante tutto, perso[52][53][54][55]. Firefly è stata scritta con un attento studio sul carattere dei singoli personaggi[56], che nelle parole dello stesso Whedon rielabora il concetto di "nove persone guardando nel buio dello spazio e vedono nove cose diverse".[57]

Tim Minear, che aveva lavorato con Whedon in passato, fu scelto come showrunner della serie[58]. La fusione fra la frontiera americana e lo spazio profondo non è stata ben accolta dalla critica[59][60]. E nonostante la stessa critica ne lodi altri aspetti, lo spettacolo ebbe una media di 4.480.000 telespettatori al momento della messa classificandosi 125º in valutazioni di Nielsen, cosa che ha portato alla cancellazione della serie da parte della Fox[61]. Whedon pur di dare una degna conclusione alla storia si rivolse quindi alla Universal[62] creando Serenity, un film che si svolge dopo gli eventi di Firefly.[63] Questa sviluppo in franchise ha portato alla nascita di romanzi, fumetti e altri media tutti incentrati sull'universo narrativo dello show[64]. New Scientist magazine ha tenuto un sondaggio nel 2005 per trovare le migliori opere di sempre, in esso Firefly e Serenity presero rispettivamente il primo e il secondo posto.[65] Dalla sua la cancellazione, la serie ha acquisito lo status di cult[66].

Serenity[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che la Universal Pictures acquisì diritti dalla Fox, Whedon cominciò a scrivere la sceneggiatura di Serenity.[67] Il processo di trasformazione della storia da serie televisiva in un film fu commentato da Whedon: "... è stata la cosa più dura da scrivere che io abbia mai fatto..."[68][69] Il copione si basò su idee non utilizzate in Firefly e previste per la seconda stagione mai realizzata[63].

La colonna sonora venne composta da David Newman[70]. Nel film vengono utilizzati due piani sequenza lunghi diversi minuti e realizzati in steadicam che nelle parole del regista avrebbero dovuto dare un senso di sicurezza nello spazio.[71][72].

Serenity ha vinto i premi come film dell'anno del Film 2005[73] e FilmFocus.[74] Ha vinto inoltre i premi di IGN Film come miglior film di fantascienza, migliore storia e migliore trailer, concorrendo anche per il miglior film.[75] Ha vinto inoltre il Premio Nebula per la migliore sceneggiatura nel 2005, la settima edizione dei User Tomato Awards come miglior film di fantascienza del 2005 di Rotten Tomatoes, il premio Viewers Choice 2006 degli Spacey Award per il film preferito, il premio Hugo 2006 per la miglior presentazione drammatica in forma lunga[76] e il premio speciale Prometheus 2006.[77]

Nonostante le critiche generalmente positive e i buoni incassi al botteghino durante il primo fine settimana (oltre 10 milioni di dollari), al cinema il film ha ricavato meno delle aspettative, circa 39 milioni di dollari in totale, grossomodo pari ai costi di produzione, guadagnando solo con la vendita del DVD.

Per spingere la casa di produzione (la Universal) a considerare l'idea di un sequel, i fan di Firefly si sono mobilitati organizzando una campagna di acquisto del DVD il 23 giugno 2006, compleanno di Whedon, che in questo giorno ha raggiunto il secondo posto della classifica di Amazon.com.[senza fonte] In seguito il DVD USA è rimasto per parecchie settimane al primo posto nelle vendite di Amazon.[78] Ad aumentare le vendite del DVD hanno inoltre contribuito i numerosi premi di settore che sono stati assegnati al film.

Nel marzo 2007 un sondaggio online del sito della rivista britannica SFX ha inaspettatamente collocato Serenity come migliore film di fantascienza della storia, davanti a titoli decisamente più blasonati quali Guerre stellari, Blade Runner o 2001: Odissea nello spazio. Pur non avendo il sondaggio alcun valore statistico, la notizia ha suscitato un certo clamore, conquistando spazio su alcuni dei più importanti quotidiani internazionali e, di conseguenza, proiettando nuovamente verso l'alto le vendite del DVD del film.[79]

Altri lavori[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, essendo un grande fan della serie televisiva Veronica Mars, partecipa all'episodio 2x06, nel ruolo di Douglas.

Come guest director ha contribuito a due episodi del 2007 della serie The Office (rispettivamente il diciassettesimo della terza stagione e il sesto della quarta)[80] ed ad un episodio di Glee del 2010 (il diciannovesimo della prima stagione)[81].

Dr. Horrible's Sing-Along Blog[modifica | modifica wikitesto]

In risposta allo sciopero degli sceneggiatori (2007-2008)[82], Whedon ha diretto, co-sceneggiato assieme ai fratelli e prodotto Dr. Horrible's Sing-Along Blog[83]. In cui si racconta la storia di Dr. Horrible, un aspirante super-criminale, che condivide un amore per una ragazza di nome Penny con la sua nemesi, Captain Hammer[84]. Whedon è inoltre il finanziatore del progetto stesso con un investimento di poco più di 200.000 dollari[84] cosa che, grazie al successo della serie, gli ha fatto guadagnare persino di più rispetto al suo lavoro su The Avengers[85]. Joss ed il fratello Jed sono inoltre i compositori delle musiche della serie[86].

Whedon stato premiato come Miglior regista e Migliore sceneggiatore per una Web serie comica agli Streamy Awards[87]. Nel 2009 Dr. Horrible's Sing-Along Blog vince anche un premio Emmy pur rimanendo un'opera distribuita esclusivamente prima sul web e successivamente in DVD, nella categoria "Special Class – Short-format Live-Action Entertainment"[88], nello stesso anno Whedon dirige inoltre un episodio della prima stagione di Glee.

Dollhouse[modifica | modifica wikitesto]

Sempre nel 2009, Whedon crea la sua quarta serie televisiva, di cui da l'annuncio il 31 ottobre 2007, dal titolo Dollhouse che vede protagonista Eliza Dushku nei panni di Echo ed è trasmessa in Italia dall'emittente televisiva Fox.[89] Le riprese sono iniziate il 23 aprile 2008.[90]. Nonostante gli ascolti non molto alti della sua prima stagione, è stata rinnovata per una seconda e ultima stagione. Il seguito dei fan non è stato l'unico fattore della decisione, ma è stato considerato comunque sufficiente per proseguire con la serie; il presidente della sezione entertainement della FOX ha dichiarato: «Se avessimo cancellato lo show di Joss probabilmente avrei ricevuto 110 milioni di e-mail di protesta dai fan»[91][92].

Anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Quella casa nel bosco[modifica | modifica wikitesto]

Whedon quindi co-sceneggia e produce il film horror Quella casa nel bosco diretto da Drew Goddard. Whedon ha descritto il come un tentativo di rivitalizzare dell'orrore, definendolo un "lettera d'amore/odio" per il genere in cui il pensiero di Whedon emerge in quanto il film si distingue da altri horror in quanto, secondo lo stesso Whedon: "le persone non sono sacrificabili per il nostro divertimento"[93]. Egli ha però ribadito il suo odio verso le pellicole torture porn definendole "nichiliste e misogine"[94].

L'accoglienza critica di tutto il mondoal film è stata una delle più entusiaste per una pellicola horror degli anni 2000, tanto per la capacità di mescolare insieme orrore e comicità[95] in un modo unico e senza precedenti, quanto perché riesce a reinterpretare vividamente un gore[96] che sembrava oramai perduto e relegato alla zona dei B-movies. Ma la vera peculiarità di Quella casa nel bosco è il riuscire ad essere la prima pellicola che dando per assodato l'intero filone degli horror postmoderni, che culminava con Scream 4 di Wes Craven, portandoli alle estreme conseguenze e mostrandone i meccanismi elementari rende possibile una nuova forma di orrore che ritorna al tessuto della storia narrata.[97]

Di particolare interesse anche alcune analisi sui significati del film, in particolare come metafora di Hollywood e del mondo cinematografico e più specificatamente del rapporto spettatore-sceneggiatore-regista-produttore in relazione ai film horror.[98]

Marvel Studios[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2010, è stato confermato che Whedon avrebbe scritto e diretto The Avengers, un adattamento live-action del team di supereroi con lo stesso nome dei fumetti Marvel che avrebbe riunito in un unico film gli eroi presentati in varie pellicole prodotte dai Marvel Studios[99]. Il film con un incasso globale di oltre un miliardo e mezzo di dollari, The Avengers si è affermato come terzo maggiore incasso della storia del cinema.[100] ed ha generalmente ricevuto recensioni positive da parte della critica cinematografica. Il sito Rotten_Tomatoes ha riportato che il 93% delle 294 recensioni professionali ha dato un giudizio positivo sul film, con una media di voto di 8,1 su 10. Su Metacritic il film ha avuto un punteggio di 69 su 100 in base a 43 recensioni.[101] CinemaScore ha dato al film il voto A +.[102] Todd McCarthy di The_Hollywood_Reporter ha dato una recensione positiva del film ed ha elogiato particolarmente il regista Joss Whedon, definendolo "un talento straordinario nel portare equilibrio a questo circo sovrumano"[103]. Un cronista del The_Huffington_Post, Zaki Hasan, ha definito The Avengers come il miglior film dei supereroi dai tempi di Superman (1978).[104] La critica ha anche apprezzato gli sviluppi dei personaggi e i dialoghi presenti nel film. Per Associated Press, lo scrittore Christy Lemire ha scritto che il dialogo "brilla di luminosità come gli effetti speciali"[105], mentre il giornalista Anthony Oliver Scott afferma di trovare delle somiglianze fra questo film e Rio Bravo (1959).[106]

Nel 2013 Whedon torna a lavorare per la televisione creando per la Marvel la serie televisiva Agents of S.H.I.E.L.D. spin off di The Avengers per la ABC ed incentrata sul personaggio di Phil Coulson interpretato da Clark Gregg. La serie si sviluppa in continuità con la trama generale del Marvel Cinematic Universe con cui condivide personaggi ed eventi.

Dopo questa esperienza Whedon è tornato al cinema dirigendo e co-sceneggiando Avengers: Age of Ultron sequel di The Avengers che è risultato un altro successo al botteghino con un incasso totale complessivo di $1.143 miliardi[107] risultando l'ottavo maggiore incasso nella storia del cinema, e il terzo film dei Marvel Studios e l'ottavo film distribuito dalla Disney a superare il miliardo di dollari di incasso.[108] Il film è stato accolto in modo generalmente positivo dalla critica. Sull'aggregatore di recensioni Rotten_Tomatoes ha un indice di gradimento del 75%, con un voto medio di 6.7 basato su 240 recensioni;[109] sul sito Metacritic ha un voto medio di 66 su 100 basato su 49 recensioni.[110] Todd McCarthy dell'Hollywood Reporter ha scritto: "Avengers: Age of Ultron riesce nell'impresa di creare un degno avversario per i suoi supereroi e dare a questi ultimi qualche cosa di nuovo da fare, ma questa volta le scene d'azione non sono sempre all'altezza".[111] Peter Bradshaw del Guardian ha dato al film 4 stelle su 5, definendolo "esuberante, divertente e follemente esilarante [...] questo nuovo Avengers del regista-sceneggiatore Joss Whedon è una perfetta corsa sull'aspartame".[112] Helen O'Hara di Empire ha scritto che "Grazie a Whedon e al cast più carismatico e convincente di sempre, Age of Ultron ridefinisce la scala di quello che possiamo aspettarci dalle nostre epopee supereroistiche e allo stesso tempo inserisce nella sua enfasi il sentimento umano".[113] Jim Vejvoda di IGN ha dato al film un voto di 8.4 su 10, affermando che "Avengers: Age of Ultron non riesce a raggiungere il fascino e la maestosità del vedere riuniti per la prima volta gli eroi più potenti della Terra. Detto questo, offre comunque tanto divertimento, tanta azione e tanti bei momenti tra i personaggi".[114] In Italia Gabriele Niola di BadTaste.it ha scritto: "Age of Ultron ribadisce e perfeziona il predecessore, lima in meglio le scene d’azione pompando le vertigini di piacere cinetico contenute dalle elaborate e fluide coreografie in cui aumenta anche la componente di “gioco di squadra" e ha lodato l'abilità di Whedon di gestire più personaggi e le loro sottotrame.[115] Antonio Bracco di Comingsoon.it ha lodato Whedon, scrivendo che "l'equilibrismo è il talento innato o acquisito che il regista ha usato più di ogni altro per far sì che Avengers: Age of Ultron potesse, non solo reggersi in piedi, ma ergersi al di sopra del precedente film".[116]

In quanto supervisore del Marvel Cinematic Universe ha anche lavorato come consulente creativo sui film dei Marvel Studios precedenti ad Age of Ultron[117][118] riscrivendo, per esempio, alcuni dialoghi per Thor: The Dark World, dirigendo per Captain America: The Winter Soldier la scena dopo i titoli di coda e suggerendo che fosse James Gunn a dirigere Guardiani della Galassia. Nonostante tutto questo Whedon ha dichiarato che non dirigerà un nuovo capitolo degli Avengers.

Much Ado About Nothing[modifica | modifica wikitesto]

In contemporanea alla lavorazione di The Avengers Whedon ha sviluppato un altro film completamente indipendente intitolato Much Ado About Nothing trasposizione dell'omonima opera di William Shakespeare. Di questo film Whedon oltre che come regista viene accreditato anche come sceneggiatore, produttore, compositore e montatore. Le riprese del film iniziarono a metà ottobre del 2011[119] e si svolsero presso la residenza di Joss Whedon a Santa Monica in California fino al 23 ottobre.[120][121] Riguardo alla scelta della location, Whedon ha detto al programma radiofonico Studio 360: "Anzitutto, è mia moglie che ha costruito quella casa. Ed io ho saputo, fin dal primo momento che vi ho messo piede, che là avrei dovuto girare qualcosa. Poiché si trova tutto nello stesso luogo, quel posto ispira così tanto lo stato d'animo, le emozioni e l'aspetto del film, che mi sentivo veramente a mio agio".[122] Whedon e sua moglie, Kai Cole, hanno prodotto il film mediante la loro casa di produzione Bellwether Pictures.[123][124] Il film è stato girato interamente in bianco e nero in un periodo di dodici giorni, insieme al direttore della fotografia Jay Hunter.[125] Whedon lo ha girato mentre si trovava in un periodo di riposo contrattuale dopo la post produzione del film The Avengers.[126] Il progetto venne tenuto segreto fino alla fine della produzione: Joss Whedon chiese infatti sia al cast che alla troupe di non parlarne con nessuno fino a riprese finite.[127][128]

Whedon ha spiegato il suo interesse iniziale nel progetto dicendo: "Ero fissato sul concetto che le nostre idee sull'amore romantico sono in realtà create dalla società che ci circonda, e che la fuga da esso consiste nell'amore adulto, nel matrimonio, nell'amore maturo, con cui evadiamo dagli ideali di amore che ci viene chiesto di seguire." Egli ha sviluppato il concetto, dicendo: "Si tratta di un testo davvero romanticamente cinico, riguardo all'amore, a come ci comportiamo, e a come ci si aspetta che ci comportiamo. È una festa, ma c'è anche qualcosa di più oscuro e sinistro". Ispirato dalla natura descrittiva del mezzo cinematografico, Whedon ha deciso di inserire un motivo ricorrente legato alla sessualità, "...perché il cinema è un mezzo espressivo visuale. Puoi dire una cosa oppure puoi farla vedere. [...] C'è in esso un elemento di scostumatezza, che per un po' è stato divertente, ma che alla fine diventava solo un altro elemento di oscurità".[129] L'idea di Whedon di adattare l'opera per lo schermo ha avuto origine dalle "letture Shakespiriane" che si sono svolte a casa sua insieme a parecchi suoi amici qualche anno prima.[130]

Whedon e il suo direttore della fotografia Jay Hunter si sono avvantaggiati dell'illuminazione naturale per aumentare il senso di realismo, rilevando che "Il nostro parco luci sorgeva ad est e tramontava ad ovest",[131] facendo uso degli specchi, del vetro e delle finestre per filmarvi attraverso, come spiega: "è qualcosa che mi piacerebbe fare sempre, ma particolarmente in un film che è tutto incentrato sulle menzogne, sulla manipolazione e sulle incomprensioni. Più riesci ad alterare un po' un fotogramma, più esso ti racconta quello che sta succedendo".[131] Per espressa dichiarazione di Whedon, "solo una scena è stata girata in due giorni a causa della necessaria illuminazione, ma tutto il resto è stato girato in un solo giorno",[129] con una camera a mano, e digitalizzato con l'uso di diverse telecamere, in particolare una "Epic" della Red Digital Cinema Camera Company, e usando un teleobiettivo Lensbaby Composer con doppia lente su una Canon 7D per differenziare alcune scene.[132]

Much Ado About Nothing ha ricevuto recensioni generalmente positive dai critici, ottenendo l'84% di approvazione sul sito Rotten_Tomatoes con una media di voto di 7,5 su 10, basata su 153 recensioni. Il consenso generale del sito è che "Con una lievità fino all'eccesso, la gioiosa energia e l'intimo fascino di 'Much Ado About Nothing' danno vita a una divertente commedia romantica — e un adattamento Shakespiriano - a cui è difficile resistere".[133] Su Metacritic il film ha ottenuto un punteggio medio di 78 su 100 in base a 37 recensioni, il che significa "recensioni generalmente favorevoli".[134]

John DeFore, scrivendo sull'Hollywood Reporter, ha recensito positivamente il film, sottolineando che "...più di molti altri adattamenti, questo è un film fedele all'abitudine di Shakespeare di utilizzare ogni mezzo a disposizione per intrattenere il pubblico".[135] Tom Clift su Moviedex si è complimentato con l'uso da parte del regista di un sottile umorismo visivo,[136] mentre Lou Lumenick del New York Post ha commentato che "Il brillante e irriverente adattamento di Joss Whedon di 'Much Ado About Nothing' è un piccolo miracolo — il primo film di una commedia di Shakespeare veramente divertente da decenni", concludendo: "Questo 'Much Ado About Nothing' è un sogno di una notte di prima estate. Non perdetelo."[137] The_Guardian ha assegnato al film un punteggio di quattro stelle su cinque, definendolo "...il primo grande Shakespeare contemporaneo dopo il Romeo e Giulietta di Baz_Luhrmann".[138] Christopher Schobert ha scritto su IndieWire che "Il risultato è una gioia completa, il film di Whedon più emozionalmente risonante e pienamente realizzato fino ad oggi. E lo dico pur non appartenendo ai membri devoti dell'esercito di Whedon".[139] Sheila O'Malley del Chicago_Sun-Times ha assegnato al film quattro stelle su quattro, e ha esordito dicendo che "Nei primi dieci minuti di Much Ado About Nothing mi sono trovata a sorridere con eccitazione, ma anche a trattenere il respiro con ansia e nervosismo. Sarebbe riuscito il film a mantenere il suo tono maniacalmente sicuro di sé, il suo brillante umorismo, la sua profondità di caratterizzazione e l'uso innovativo del testo e dell'ambientazione? Avrebbe conservato la magia? Sì. Dal principio alla fine." e concludendo che "'Much Ado About Nothing' è uno dei migliori film dell'anno".[140] Mark Kermode su BBC_Radio_5_Live ha detto del film: "Una delle cose che riesce a fare è, anzitutto, rendere completamente comprensibile tutto il dialogo e il linguaggio". Ha proseguito affermando che "gli spettatori riescono a seguirne il senso. Penso che la commedia sia divertente, e non lo dico con leggerezza. [...] E alla fine, penso che sia veramente ben fatto per quanto riguarda il riferimento al problema dei rapporti tra i sessi. [...] È un obiettivo molto difficile da mettere a segno, e Whedon c'è riuscito in due settimane!"[141] Helen O'Hara sulla rivista Empire ritiene che, poiché il film mantiene una sensazione noir per compensare l'aspetto romantico, "è nell'equilibrio tra questi differenti elementi e personaggi che questa opera eccelle veramente".[142] Chris Packham sulla rivista The Village Voice ha detto che il regista "si accosta alla storia con una gioia tremenda".[143] Il recensore Jake Coyle dell'Associated_Press ha scritto che "i cinefili avranno ben poche opzioni migliori quest'estate per vedere una buona commedia romantica".[144] A. O. Scott del New York Times l'ha definito "il più allegro e puramente delizioso film che abbia visto quest'anno", elogiandolo alla fine per il suo "malizioso, intenso erotismo".[145] Andrew O'Hehir sulla rivista online Salon ha scritto che "il film possiede quella energia 'Whedonesca' da nerd, uno spumeggiante umorismo, erotismo, sbornie e più di un accenno di pericolo".[146] Kenneth Turan del Los Angeles Times ha affermato che il film è "amabile e senza pretese allo stesso tempo", lodando la sua rappresentazione visiva.[147] IGN ha assegnato un punteggio di 7,5 su 10, affermando che "tutti dovrebbero vedere questo film".[148] Joe Morgenstern del Wall_Street_Journal ha elogiato l'interpretazione di Fran Kranz, affermando che l'attore "rappresenta il personaggio di Claudio con una passione commovente", e relativamente al film sottolinea che "lo spirito gioioso dell'opera è stato conservato in questa produzione, pur così modesta e casereccia".[149] Il giornalista di Rolling Stone, Peter Travers, ha scritto che il film è "una miscela irresistibile di allegria e malizia".[150] Justin Chang di Variety ha sottolineato che il bianco e nero evoca un "romanticismo senza tempo", che viene intensificato dalla "lieve musica d'ambiente".[151] Chris Tookey sul Daily_Mail ha detto che questo è stato "il primo film a cinque stelle dell'estate".[152] Chris Nashawaty della rivista Entertainment Weekly, nonostante lo definisca favorevolmente "sia audace che deliziosamente insano" ammette che "il film non è così veloce e divertente come potrebbe essere".[153]

In Italia tra le prime critiche al film troviamo l'affermazione che "L’esattezza del testo originale contrasta con l’ambientazione contemporanea, il look casual e l’accento statunitense del cast. Ma questo piccolo esperimento è tutt’altro che minuscolo, anche perché il rispetto che il registra mostra nei confronti di Shakespeare include il desiderio di giocare con le sue convenzioni [...] con una professionalità ineccepibile, mescolata a un entusiasmo conviviale."[154]

In Your Eyes[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 è produttore e sceneggiatore del paranormal romance In Your Eyes diretto da Brin Hill, che narra una storia d'amore metafisica tra due persone apparentemente opposte che scopriranno essere in realtà profondamente connesse l'una all'altra e secondo lungometraggio della Bellwether Pictures[155][156]. La sceneggiatura di Whedon, originariamente concepita nei primi anni 90[157], marca il tema della connessione umana come la metafora del legame misterioso della coppia[158].

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Grande appassionato di comics scrive per la casa editrice Dark Horse Comics la miniserie Angel - Long Night's Journey e le avventure di Fray, la cacciatrice del futuro.

Dopo alcune storie ambientate nel buffyverse (Tales of the Vampires e Tales of the Slayers), ha ideato "Giant-Size X-Man" e, nel 2006, "Stan Lee Mets Spiderman #1", breve storia celebrativa di 10 pagine per il 65º anniversario di Stan Lee alla Marvel[159][160]; lo stesso anno realizza lo speciale per festeggiare i 20 anni della Dark Horse e un fumetto DC dedicato allo scomparso Sam Loeb.

Nel 2006 è anche subentrato a Brian K. Vaughan nella sceneggiatura di Runaways, che ha scritto a partire dal 25[161][162].

In seguito, la Marvel Comics gli affida il compito di sceneggiare una serie degli X-Men creata appositamente per lui, Astonishing X-Men, disegnata da John Cassaday.[163][164] Dopo aver sceneggiato 24 numeri della serie Whedon ne lascia le redini nel 2008 a Warren Ellis.[165] La serie di Whedon fu al tempo una delle testate Marvel maggiormente vendute e nominata per diversi Eisner Award fra cui quello nelle categorie Miglior serie regolare, Miglior nuova serie e Miglior scrittore, vincendo nella categoria Miglior serie regolare.[166][167] Una delle storyline di questa serie riguardante una cura alla mutazione divenne un elemento fondamentale nel terzo film degli X-Men, X-Men - Conflitto finale.[168][169] Nel febbraio 2009, Astonishing X-Men # 6, il numero che rappresentava il ritorno di Colosso nella serie e concludeva il primo arco di storia di Whedon è stato nominato dai lettori il 65° miglior albo Marvel di tutti i tempi nella classifica dei Top 70.[170]

Whedon è stato il creatore di dversi nuovi personaggi nell'universo Marvel come Ord[171], gli X-men Blindfold e Hisako Ichiki[172][173], i personaggi di Runaway Klara Prast e Abigail Brand[174][175] con l'organizzazione S.W.O.R.D.[176].

In collaborazione con Fábio Moon, Whedon ha creato il webcomic, miniserie in tre numeri, gratuito dal titolo Sugarshock!, come parte della rinascita di Dark Horse Presents, che è stato lanciato anche su Myspace[177]. Whedon ha poi prodotto un altro fumetto distribuito gratuitamente su Internet, Serenity: The Other Half[178].

Per la Dark Horse ha inoltre dato il via all'ottava stagione di Buffy a fumetti, prosecuzione su carta di quella serie televisiva che lo ha reso famoso.[179] Ha poi continuato a espandere il Buffyverse con la nona stagione di Buffy e, attualmente, è in fase di realizzazione la decima. Ha inoltre progettato gli spin-off a fumetti di Buffy Willow e Angel & Faith.

Dopo il successo della ottava stagione di Buffy a fumetti, la IDW Publishing ha avvicinato Whedon per avviare un progetto simile riguardo una eventuale sesta stagione di Angel[180][181]. Angel: After the Fall è stato così rilasciato in 17 volumi scritti da Brian Lynch[182]  e disegnati da Franco Urru. Whedon, in questo caso, ricopre il ruolo di supervisore della realizzazione generale e consulente per le trame.[183]

Il fumetto è infatti per Whedon il mezzo per continuare su carta suoi lavori e progetti, come Buffy e Angel.

Progetti mai realizzati[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della sua carriera, Whedon ha venduto due sceneggiature speculative che non sono mai state realizzate intitolate Suspension e Afterlife.

Ha venduto Suspension per 750 mila dollari, con un supplemento di $ 250.000 se la produzione fosse cominciata[184]. Nel settembre del 2014, la rivista Empire ha ventilato la notizia che il copione era stato scritto ed era stato scelto Liam Neeson come uno degli attori[185].

Il copione di Afterlife era stato, nel 1994, venduto per 1,5 milioni dollari, con ulteriori $ 500.000 se la produzione fosse cominciata. Nel 2000, Andy Tennant era in trattative per dirigerne la realizzazione[186]. In Afterlife erano precorsi i temi che Whedon avrebbe poi esplorare in Dollhouse ed avrebbe trattato di uno scienziato che si risveglia in un corpo che non è il suo.

Whedon ha avuto una serie di offerte per la realizzazione di spin-off di Buffy l'ammazzavampiri che però non sono mai stati realizzati. Tra questi sono degni di nota un progetto per una eventuale serie animata intitolata Buffy the Animated Series e Ripper, una serie BBC sul personaggio di Rupert Giles[187].

Nel 2005 era stata annunciata la realizzazione da parte di Whedon di un film intitolato Goner. Secondo la rivista Variety, si sarebbe trattato di un thriller fantasy in sviluppo grazie alla Universal Pictures, sotto la produzione di Mary Parent e Scott Stuber[188].

Whedon è stato assunto per scrivere e dirigere un adattamento per la Warner Bros. di Wonder Woman. Tuttavia, nel febbraio 2007, Whedon ha annunciato la sua uscita dal progetto[189]. Il nome Whedon era stato inoltre fatto per la sceneggiatura di Batman Begins[190][191].

La possibilità di realizzare un sequel di Dr. Horrible's Sing-Along Blog è stata accantonata in più occasioni. Nel 2009, tuttavia Whedon ha osservato la possibilità di proseguire il progetti di Dr. Horrible's Sing-Along Blog sotto forma di un'altra miniserie o di un film[192].

Il Whedonverse[modifica | modifica wikitesto]

 Il termine "Whedonverse" è spesso usato per identificare l'insieme delle opere di Joss Whedon.[193] Altri termini sono Jossverse e ME-verse; quest ultimo è per indicare le opere trasmesse dall'emittente televisiva Mutant Enemy.[senza fonte]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Internet[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Internet[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Internet[modifica | modifica wikitesto]

Montatore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Compositore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Internet[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Bandwagon (2004) (interpreta sé stesso)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Joss Whedon ha la consuetudine di lavorare con alcuni attori in modo ricorrente. La seguente tabella elenca le collaborazioni avute tra Whedon e alcuni attori e attrici.

Attore / Attrice Buffy - L'ammazza vampiri (1992) Buffy l'ammazzavampiri (19972003) Angel (19992004) Firefly (2002) Serenity (2005) Dr. Horrible's Sing-Along Blog (2008) Dollhouse (20092010) Glee* (2009) Quella casa nel bosco (2012) The Avengers (2012) Much ado about nothing (2012) Agents of S.H.I.E.L.D. (2013)
Amy Acker x x x x x
Adam Baldwin x x x
Felicia Day x x x
Alexis Denisof x x x x x
Eliza Dushku x x x
Nathan Fillion x x x x x
Summer Glau x x x x
Christina Hendricks x x
Carlos Jacott x x x
Fran Kranz x x x
Tom Lenk x x x x
Kal Penn x x
Mark Sheppard x x
Gina Torres x x x
Alan Tudyk x x x
Andy Umberger x x x
Jonathan M. Woodward x x x
Neil Patrick Harris x x
Seth Green x * x x
Chris Hemsworth x x
Clark Gregg x x x
Dichen Lachman x x

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Anno Premio Categoria Opera Risultato
1995 Premio Oscar Migliore sceneggiatura originale Toy Story Candidatura
1996 Saturn Award Migliore sceneggiatura Toy Story Candidatura
2000 Primetime Emmy Award Outstanding Writing for a Drama Series Buffy l'ammazzavampiri episodio L'urlo che uccide Candidatura
2002 Premio Nebula Miglior sceneggiatura Buffy l'ammazzavampiri episodio Un corpo freddo Candidatura
2003 Premio Nebula Miglior sceneggiatura Buffy l'ammazzavampiri episodio La vita è un musical Candidatura
2003 Premio Hugo Best Dramatic Presentation Short Form Angel episodio Dietro le quinte e Firefly episodio Serenity Candidatura
2004 Premio Hugo Best Dramatic Presentation Short Form Buffy l'ammazzavampiri episodio La prescelta Candidatura
2006 Premio Hugo Best Dramatic Presentation Long Form Serenity Vinto
2006 Eisner Award Miglior serie regolare Astonishing X-Men Vinto
2008 Eisner Award Miglior serie nuova Buffy – Stagione 8 Vinto
2008 Eisner Award Miglior fumetto digitale Sugarshock! Vinto
2009 Bradbury Award Outstanding Dramatic Presentation N.D. Vinto
2009 Daytime Emmy Award Writing For A Special Class Special Dr. Horrible's Sing-Along Blog Vinto
2009 Emmy Award Outstanding Short-Format Live-Action Entertainment Program Dr. Horrible's Sing-Along Blog Vinto
2013 Saturn Award Migliore sceneggiatura Quella casa nel bosco (divisa con Drew Goddard) Candidatura
2013 Saturn Award Miglior regista The Avengers Vinto
2013 Empire Awards Miglior regista The Avengers Candidatura

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Emmet O'Brien, The Ten Cruelest Things Joss Whedon Has Done To His Characters, comicbookresources.com, 21 maggio 2012. URL consultato il 12 luglio 2014.
  2. ^ Kristin M. Barton, Why does Joss Whedon always kill the characters we love?, io9.com, 27 aprile 2012. URL consultato il 12 luglio 2014 (archiviato il 30 aprile 2012).
  3. ^ Allison Flood, Ursula K Le Guin wins sixth Nebula award, guardian.co.uk, 28 aprile 2009. URL consultato il 18 settembre 2011 (archiviato il 18 febbraio 2011).
  4. ^ Germain Lussier, /Film Interview: Joss Whedon, Writer and Director of 'The Avengers', /Film, 23 aprile 2012. URL consultato il 16 luglio 2012 (archiviato il 26 aprile 2012).
  5. ^ a b Joss Whedon: Heroes And Inspirations, SFX.co.uk, 6 marzo 2012. URL consultato il 20 settembre 2012 (archiviato il 23 ottobre 2014).
  6. ^ Simon Lewsen, Shakespeare Helps Us Fumble Through Life, randomhouse.ca, 3 giugno 2013. URL consultato il 13 luglio 2014 (archiviato il 29 dicembre 2013).
  7. ^ Smith, Nigel M.,, Joss Whedon: 'I want to make things that are small, pure and odd.', IndieWire, 12 marzo 2012. URL consultato il 20 settembre 2012 (archiviato il 14 marzo 2012).
  8. ^ Gemma Kappala-Ramsamy, Joss Whedon: the film that changed my life su guardian.co.uk, 15 aprile 2012. URL consultato il 31 marzo 2013 (archiviato il 15 aprile 2012).
  9. ^ Grae Drake, Five Favorite Films with Joss Whedon, rottentomatoes.com, 14 giugno 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013 (archiviato il 17 giugno 2013).
  10. ^ Writer-director Joss Whedon su PBS. URL consultato il 12 luglio 2014.
  11. ^ Nussbaum, Emily, Must-See Metaphysics su nytimes.com, 22 settembre 2002. URL consultato il 16 aprile 2012.
  12. ^ Rochell D. Thomas. "Is Dollhouse a family affair?" TV Guide March 16, 2009; Page19
  13. ^ Nussbaum, Emily, Must-See Metaphysics su nytimes.com, 22 settembre 2002. URL consultato il 5 giugno 2013.
  14. ^ Russ Burlingame, Roseanne Barr Says Joss Whedon Will Have to Come to Her For Avengers 2, comicbook.com, 19 luglio 2013. URL consultato il 16 settembre 2013.
  15. ^ Graeme McMillan, Joss Whedon Wants To Buy Terminator – Someone Make This Happen, io9.com, 2 novembre 2009. URL consultato il 16 settembre 2013.
  16. ^ a b Tasha Robinson, Joss Whedon, avclub.com, 5 settembre 2001. URL consultato il 16 settembre 2013.
  17. ^ Matt Risley, The Avengers director's greatest scenes, characters and gags, totalfilm.com, 25 aprile 2013. URL consultato il 16 settembre 2013.
  18. ^ Kate O'Hare, Graham Yost, the 'Bus Guy,' triumphs with 'Boomtown'., highbeam.com, 24 maggio 2003. URL consultato il 16 settembre 2013.
  19. ^ Meredith Woerner, Why Titan A.E. is an Underappreciated Masterpiece, io9.com, 4 gennaio 2013. URL consultato il 16 settembre 2013.
  20. ^ a b Josh Wilding, Joss Whedon Reflects On What Went Wrong With ALIEN: RESURRECTION, comicbookmovie.com, 18 aprile 2013. URL consultato il 16 settembre 2013.
  21. ^ Francine Stock, Joss Whedon: A Life in Pictures, bafta.org, 17 giugno 2013. URL consultato il 16 settembre 2013.
  22. ^ Susana Polo, The Best of Joss Whedon's AMA: The Avengers, Doctor Horrible 2, and… Titan A.E.?, themarysue.com, 11 aprile 2012. URL consultato il 16 settembre 2013.
  23. ^ Chris Earl, Buffy the Vampire Slayer, starburstmagazine.com, 14 dicembre 2011. URL consultato il 9 maggio 2013.
  24. ^ Ted Scheinman, SXSW Critic's Notebook: Much Ado About What, Exactly? Joss Whedon's Progressive Bardolatry, lareviewofbooks.org, 5 aprile 2013. URL consultato il 9 maggio 2013.
  25. ^ Shane King, Buffy The Vampire Slayer, "Hush" – A Detailed Review, moviepilot.com, 12 aprile 2014. URL consultato il 13 luglio 2014.
  26. ^ 2002 Nebula Awards, locusmag.com. URL consultato il 9 maggio 2013.
  27. ^ 2002 Hugo Awards, thehugoawards.org. URL consultato il 9 maggio 2013.
  28. ^ 2003 Nebula Awards, locusmag.com. URL consultato il 9 maggio 2013.
  29. ^ Hugo Awards Nominations, locusmag.com, 10 aprile 2004. URL consultato il 13 luglio 2014.
  30. ^ Carley Tauchert, Top 10 Buffy The Vampire Slayer episodes, denofgeek.com, 23 luglio 2009. URL consultato il 9 maggio 2013.
  31. ^ Samuel Roberts, Top 10 Best Buffy The Vampire Slayer Episodes, scifinow.co.uk, 3 settembre 2012. URL consultato il 9 maggio 2013.
  32. ^ Richard Harrington, Joss Whedon's New Frontier, washingtonpost.com, 30 settembre 2005. URL consultato il 9 maggio 2013.
  33. ^ Borys Kit, Joss Whedon to helm 'Wonder Woman', today.com, 18 marzo 2005. URL consultato il 9 maggio 2013.
  34. ^ Todd VanDerWerff, 10 episodes that show how Buffy The Vampire Slayer blew up genre TV, avclub.com, 12 dicembre 2012. URL consultato il 9 maggio 2013.
  35. ^ Patricia Pender, Vampires beware: Buffy is the unslayable pop culture text in The Conversation, 19 giugno 2014. URL consultato il 21 giugno 2014.
  36. ^ Joyce Millman, City of Angel, salon.com, 4 ottobre 1999. URL consultato il 9 maggio 2013.
  37. ^ a b c Carol Pinchefsky, 7 Joss Whedon projects we'll never see (and 1 we eventually will), blastr.com, 19 gennaio 2011. URL consultato il 13 luglio 2014.
  38. ^ Juliette Harrisson, What Angel's first season did right, denofgeek.com, 12 marzo 2014. URL consultato il 13 luglio 2014.
  39. ^ Ken Tucker, Angel (1999–2004), ew.com, 30 ottobre 2001. URL consultato il 13 luglio 2014.
  40. ^ Television's Most Memorable Male Detectives Of All Time (PHOTOS), huffingtonpost.com, 12 marzo 2012. URL consultato il 13 luglio 2014.
  41. ^ Sarah Hughes, Buffy's creator makes his valley of the dolls, independent.co.uk, 15 maggio 2009. URL consultato il 9 maggio 2013.
  42. ^ BEST TELEVISION SERIES, saturnawards.org. URL consultato il 9 maggio 2013.
  43. ^ Hugo Award Nominees, sfsite.com. URL consultato il 10 maggio 2013.
  44. ^ Hugo and Campbell Awards Nominations, locusmag.com. URL consultato il 10 maggio 2013.
  45. ^ Breaking News: Angel to End After 5 Seasons UPDATED, ign.com, 13 febbraio 2004. URL consultato il 10 maggio 2013.
  46. ^ Jeff Jensen, The X Factor, ew.com, 21 maggio 2004. URL consultato il 10 maggio 2013.
  47. ^ Angel: After the Fall, idwpublishing.com. URL consultato il 10 maggio 2013.
  48. ^ Daniel Bettridge, Your next box set: Firefly, guardian.co.uk, 23 marzo 2012. URL consultato il 10 maggio 2013.
  49. ^ Scott D. Pierce, Scott Pierce: Fox's 'Firefly' takes flight, deseretnews.com, 19 settembre 2002. URL consultato il 10 maggio 2013.
  50. ^ K.M. Cone, Whedon's Themes: A Blueprint for Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D., culturemass.com, 11 aprile 2013. URL consultato il 10 maggio 2013.
  51. ^ Liz Ohanesian, Heroes of the Final Frontier: Top 5 Space Cowboys from TV and Film, laweekly.com, 17 dicembre 2008. URL consultato il 13 luglio 2014.
  52. ^ Steven Phelps, Sci-Fi Westerns, cowboysindians.com, July 2011. URL consultato il 10 maggio 2013.
  53. ^ Jennifer Bergen, 10 Extreme Cases of Nerd Rage, pcmag.com, 28 aprile 2012. URL consultato il 10 maggio 2013.
  54. ^ Neva Chonin, When Fox canceled 'Firefly,' it ignited an Internet fan base whose burning desire for more led to 'Serenity', sfgate.com, 8 giugno 2005. URL consultato il 10 maggio 2013.
  55. ^ Emily Nussbaum, Must-See Metaphysics, nytimes.com, 22 settembre 2002. URL consultato il 10 maggio 2013.
  56. ^ Gabriel Snyder, ‘Firefly’ feature alights, variety.com, 21 marzo 2004. URL consultato il 10 maggio 2013.
  57. ^ Bill Brioux, Firefly series ready for liftoff, canoe.ca, 22 luglio 2002. URL consultato l'11 maggio 2013.
  58. ^ Calvin Peat, How Tim Minear came aboard Joss Whedon's Firefly: A story of betrayal, spaceships, and Marti Noxon, shadowlocked.com, 14 luglio 2012. URL consultato l'11 maggio 2013.
  59. ^ Tim Goodman, Sci-fi 'Firefly' is a bonanza of miscues from 'Buffy' creator, sfgate.com, 20 settembre 2002. URL consultato l'11 maggio 2013.
  60. ^ Emily Nussbaum, A DVD Face-Off Between the Official and the Homemade, nytimes.com, 21 dicembre 2003. URL consultato il 24 maggio 2014.
  61. ^ Lia Haberman, Fox Squashes "Firefly", eonline.com, 13 dicembre 2002. URL consultato l'11 maggio 2013.
  62. ^ M.E. Russell, The Browncoats Rise Again, weeklystandard.com, 24 giugno 2005. URL consultato l'11 maggio 2013.
  63. ^ a b Steven Balbirnie, It's All Connected, universityobserver.ie, 12 novembre 2013. URL consultato il 13 luglio 2014.
  64. ^ John Parker, A Recap of Every 'Serenity' Comic (So Far), comicsalliance.com, 28 gennaio 2014. URL consultato il 13 luglio 2014.
  65. ^ Anna Gosline, The World's Best Space Sci-Fi Ever: Your verdict, newscientist.com, 26 ottobre 2005. URL consultato l'11 maggio 2013.
  66. ^ Esther Drown, Fans construct 'Firefly's' significance, statepress.com, 24 settembre 2012. URL consultato l'11 maggio 2013.
  67. ^ Brian Linder, Whedon's Serenity Flies at Uni, ign.com, 4 marzo 2004. URL consultato l'11 maggio 2013.
  68. ^ Joss Whedon on Serenity, film4.com. URL consultato l'11 maggio 2013.
  69. ^ Interview with Joss Whedon about Serenity, sffworld.com, 2 ottobre 2005. URL consultato l'11 maggio 2013.
  70. ^ Jon Burlingame, Outer Country, nytimes.com, 9 ottobre 2005. URL consultato il 13 maggio 2013.
  71. ^ Cindy Davis, Mindhole Blowers: 20 Facts About Serenity That Might Make You Crave a Fruity Oaty Bar, pajiba.com, 4 giugno 2012. URL consultato il 13 maggio 2013.
  72. ^ STEADICAM, steadivision.com. URL consultato il 13 maggio 2013.
  73. ^ Films Of The Year, BBC. URL consultato il 27 agosto 2006 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2006).
  74. ^ Serenity, FilmFocus. URL consultato il 27 agosto 2006.
  75. ^ The Best of 2005, IGN Film. URL consultato il 27 agosto 2006.
  76. ^ Hugo and Campbell Awards Winners su Locus Online, 26 agosto 2006. URL consultato il 27 agosto 2006.
  77. ^ M.E. Russell, The Browncoats Rise Again, The Daily Standard, 24 giugno 2006. URL consultato il 16 luglio 2006.
  78. ^ [That Went Well - Firefly - News]
  79. ^ (EN) Articolo su SFX
  80. ^ Carl Cortez, Exclusive: Joss Whedon to direct another episode of 'The Office', ifmagazine.com, 16 luglio 2007. URL consultato il 16 settembre 2013.
  81. ^ Michael Ausiello, 'Glee' exclusive: Joss Whedon to direct!, ew.com, 19 ottobre 2009. URL consultato il 16 settembre 2013.
  82. ^ Dave Itzkoff, Once More, With Feeling: Joss Whedon Revisits 'Dr. Horrible's Sing-Along Blog', nytimes.com, 18 aprile 2011. URL consultato il 28 settembre 2014.
  83. ^ Adam B. Vary, 'Dr. Horrible': An oral history, EW.com, 17 gennaio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  84. ^ a b Lisa Rosen, Meet Joss Whedon the Web Slayer., wga.org, January 2009. URL consultato il 28 settembre 2014 (archiviato il 2 febbraio 2009).
  85. ^ Ben Fritz, ‘Avengers: Age of Ultron’ Kicks Off the Summer, The Wall Street Journal, 23 aprile 2015. URL consultato il 24 aprile 2015 (archiviato il 24 aprile 2015).
  86. ^ Emily Nussbaum, Joss Whedon on 'Dr. Horrible,' Stephen Sondheim, and Bad Horse, vulture.com, 21 luglio 2008. URL consultato il 14 maggio 2013 (archiviato il 13 ottobre 2012).
  87. ^ 1st Annual Nominees & Winners, streamys.org. URL consultato il 5 giugno 2013 (archiviato il 19 ottobre 2012).
  88. ^ Un Emmy per Joss Whedon, Fantascienza.com, 15 settembre 2009. URL consultato il 16 settembre 2009.
  89. ^ Joss Whedon torna a lavorare in TV, BADtaste.it, 1º novembre 2007. URL consultato il 1º novembre 2007.
  90. ^ (EN) Whedon's ‘Dollhouse' To Begin Production in April, Geeks of Doom, 9 marzo 2008. URL consultato il 27 aprile 2008.
  91. ^ James Hibberd, Surprise: Fox RENEWS 'Dollhouse', hollywoodreporter.com, 15 maggio 2009. URL consultato il 6 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2015).
  92. ^ Kathie Huddleston, Fox execs explain why they kept Dollhouse and killed Sarah Connor, blastr.com, 18 maggio 2009. URL consultato il 6 giugno 2013 (archiviato il 13 marzo 2013).
  93. ^ Brian Salisbury, Joss Whedon on 'Cabin in the Woods': Femi-Nazis, 'Evil Dead,' and the Pains of Child Birth, hollywood.com, 10 aprile 2012. URL consultato il 6 giugno 2013 (archiviato il 14 luglio 2014).
  94. ^ Oliver Franklin, GQ&A: Joss Whedon, gq-magazine.co.uk. URL consultato il 6 giugno 2013 (archiviato il 30 marzo 2012).
  95. ^ (EN) The Cabin in The Woods - San Francisco Chronicle Review, 18 dicembre 2012. URL consultato il 16 febbraio 2013.
  96. ^ (EN) The Cabin in the Woods - Movie Reviews, 12 aprile 2012. URL consultato il 16 febbraio 2013.
  97. ^ Quella casa nel bosco - Recensione. URL consultato il 16 febbraio 2013.
  98. ^ Quella casa nel bosco: l'horror non abita più qui. URL consultato il 14 luglio 2013.
  99. ^ Devindra Hardawar, Joss Whedon Officially Directing The Avengers, slashfilm.com, 22 luglio 2010. URL consultato il 6 giugno 2013 (archiviato il 23 novembre 2010).
  100. ^ Pamela McClintock, Box Office Milestone: 'The Avengers' Becomes No. 3 Pic of All Time With $1.331 Billion su Hollywood Reporter, 2 giugno 2012. URL consultato il giugno 2012.
  101. ^ (EN) The Avengers, Metacritic. URL consultato il 7 maggio 2012.
  102. ^ (EN) The Avengers Makes $80.5 Million Its Opening Day!, ComingSoon.net, 5 maggio 2012. URL consultato il 5 maggio 2012 (archiviato il 5 maggio 2012).
  103. ^ (EN) Todd McCarthy, The Avengers: Film Review in The Hollywood Reporter, 20 aprile 2012. URL consultato il 19 aprile 2012 (archiviato il 20 aprile 2012).
  104. ^ (EN) Zaki Hasan, Zaki's Review: Marvel's The Avengers in The Huffington Post, 4 maggio 2012. URL consultato il 6 maggio 2012.
  105. ^ (EN) Christy Lemire, Review: Have a blast with 'Avengers' in The Daily Tribune, Associated Press, 24 aprile 2012. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato il 14 maggio 2012).
  106. ^ (EN) A. O. Scott, Superheroes, Super Battles, Super Egos in The New York Times, 3 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2012 (archiviato il 3 maggio 2012).
  107. ^ (EN) Avengers: Age of Ultron (2015) su Box Office Mojo. URL consultato il 3 maggio 2015.
  108. ^ (EN) Pamela McClintock, Box Office Milestone: 'Avengers: Age of Ultron' Joins the Billion-Dollar Club su The Hollywood Reporter, 15 maggio 2015.
  109. ^ (EN) Avengers: Age of Ultron (2015 su Rotten Tomatoes. URL consultato il 24 aprile 2015.
  110. ^ (EN) Avengers: Age of Ultron su Metacritic. URL consultato il 24 aprile 2015.
  111. ^ (EN) Todd McCarthy, 'Avengers: Age of Ultron': Film Review su The Hollywood Reporter, 21 aprile 2015.
  112. ^ (EN) Peter Bradshaw, Avengers: Age of Ultron review – Whedon's heroic cavalcade of fun su The Guardian, 22 aprile 2015.
  113. ^ (EN) Helen O'Hara, Avengers: Age Of Ultron (review) su Empire, 21 aprile 2015.
  114. ^ (EN) Jim Vejvoda, Marve's Avengers: Age of Ultron - Review su IGN, 21 aprile 2015.
  115. ^ Gabriele Niola, Avengers: Age of Ultron, la recensione su badtaste.it, 21 aprile 2015.
  116. ^ Antonio Bracco, Avengers: Age of Ultron - recensione del film Marvel che supera il precedente! su comingsoon.it, 21 aprile 2015.
  117. ^ Jen Yamato, Joss Whedon Q&A On Eve Of SXSW, Deadline.com, 7 marzo 2013. URL consultato il 21 aprile 2014 (archiviato il 21 aprile 2014).
  118. ^ Oliver Franklin, GQ&A: Joss Whedon on S.H.I.E.L.D., Shakespeare and Star Wars su GQ, 13 giugno 2013. URL consultato il 21 aprile 2014 (archiviato il 21 aprile 2014).
  119. ^ (EN) Kimberly Nordyke, Joss Whedon Teases Mysterious New Project 'Much Ado About Nothing' in The Hollywood Reporter, 23 ottobre 2011. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  120. ^ (EN) Dave Trumbore, Joss Whedon’s Much Ado About Nothing Picked Up by Lionsgate and Roadside Attractions in collider.com, 11 settembre 2012. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  121. ^ (EN) Joshua L. Weinstein, Joss Whedon Wraps Secret Shakespeare Movie Project (Exclusive) in thewrap.com, 23 ottobre 2011. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  122. ^ (EN) Kurt Andersen, Joss Whedon the Hollywood Slayer, studio360.org, 14 giugno 2013. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  123. ^ (EN) David Germain, 'Much Ado About Nothing': Joss Whedon's Film Picked Up By Lionsgate, huffingtonpost.com, 9 novembre 2012. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  124. ^ (EN) Joss Whedon’s Much Ado About Nothing adaption gets release date, moviescopemag.com. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  125. ^ (EN) Simon Fleischmann, Director of Photography Jay Hunter Talks Much Ado About Joss, whedonverse.net, 29 ottobre 2011. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  126. ^ (EN) Richard Corliss, Much Ado About Nothing: Joss Whedon’s House Party, time.com, 7 giugno 2013. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  127. ^ (EN) Adam B. Vary, Joss Whedon on his secret film of 'Much Ado About Nothing': 'This is the best vacation I've ever taken' -- EXCLUSIVE in Entertainment Weekly, 24 ottobre 2011. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  128. ^ (EN) Joshua L. Weinstein, Joss Whedon Wraps Secret Shakespeare Movie Project (Exclusive), thewrap.com, 23 ottobre 2011. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  129. ^ a b (EN) SXSW Film: Much Ado About Nothing Q&A, leakynews.com, 9 marzo 2013. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  130. ^ (EN) Jennifer Vineyard, Joss Whedon on Much Ado About Nothing, Shakespeare-Buffy Parallels, and Avengers 2, vulture.com, 7 giugno 2013. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  131. ^ a b (EN) Kirsty Leckie-Palmer, Joss Whedon on Much Ado About Nothing, theskinny.co.uk, 4 giugno 2013. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  132. ^ (EN) Keri Friedman, FILM & VIDEO: Jay Hunter, lensbaby.com, 3 giugno 2013. URL consultato il 6 gennaio 2014.
  133. ^ (EN) Much Ado About Nothing (2012), Rotten Tomatoes. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  134. ^ (EN) Much Ado About Nothing, Metacritic. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  135. ^ (EN) John DeFore, Much Ado About Nothing: Toronto Review in The Hollywood Reporter, 8 settembre 2012. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  136. ^ (EN) Tom Clift, Much Ado About Nothing (TIFF Review), Moviedex, 17 settembre 2012. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  137. ^ (EN) Lou Lumenick, It’s the Bard as you’ll love it in Joss Whedon’s hilarious ‘Much Ado About Nothing’ in New York Post, 6 giugno 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  138. ^ (EN) Catherine Shoard, Much Ado About Nothing – review in The Guardian, 13 settembre 2012. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  139. ^ (EN) Christopher Schobert, TIFF Review: Joss Whedon's 'Much Ado About Nothing' Is An Unexpected Delight, IndieWire, 10 settembre 2012. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  140. ^ (EN) Sheila O'Malley, Much Ado About Nothing, rogerebert.com, 21 giugno 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  141. ^ (EN) Mark Kermode reviews Much Ado About Nothing, BBC. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  142. ^ (EN) Helen O'Hara, Much Ado About Nothing in Empire. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  143. ^ (EN) Chris Packham, Joss Whedon Strips Much Ado About Nothing to His Signature Elements in The Village Voice, 5 giugno 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  144. ^ (EN) Jake Coyle, Review: Whedon's 'Much Ado' is charming if slight in AP News, Associated Press, 5 giugno 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  145. ^ (EN) A. O. Scott, Arguing Their Way Into Love in The New York Times, 6 giugno 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  146. ^ (EN) Andrew O'Hehir, Pick of the week: Joss Whedon does Shakespeare in Salon.com, 7 giugno 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  147. ^ (EN) Kenneth Turan, Movie review: 'Much Ado About Nothing' a tasty snack for Bard lovers in Los Angeles Times, 6 giugno 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  148. ^ (EN) Geoff Chapman, Much Ado About Nothing Review, IGN, 18 settembre 2012. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  149. ^ (EN) Joe Morgenstern, 'Much Ado About Nothing' in The Wall Street Journal, 9 giugno 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  150. ^ (EN) Peter Travers, Much Ado About Nothing in Rolling Stone, 6 giugno 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  151. ^ (EN) Justin Chang, Review: "Much Ado About Nothing" in Variety, 9 settembre 2012. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  152. ^ (EN) Chris Tookey, By my troth, the world's first romcom is summer's must-see movie: Chris Tookey explains why Much Ado About Nothing is a certain hit in Daily Mail, Londra, 11 giugno 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  153. ^ (EN) Chris Nashawaty, Much Ado About Nothing in Entertainment Weekly, 7 giugno 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  154. ^ Much Ado About Nothing, Joss Whedon 2012 in Memorie di un giovane cinefilo, 20 dicembre 2013. URL consultato il 5 gennaio 2014.
  155. ^ Matt Goldberg, Brin Hill to Direct Supernatural Romance IN YOUR EYES Written by Joss Whedon, collider.com, 31 ottobre 2011. URL consultato il 7 giugno 2013 (archiviato il 1º novembre 2011).
  156. ^ CB Droege, Joss Whedon reveals plans for next film, tgdaily.com, 1º novembre 2011. URL consultato il 7 giugno 2013 (archiviato il 19 gennaio 2015).
  157. ^ Fred Topel, Tribeca 2014: Zoe Kazan and Michael Stahl David on In Your Eyes, craveonline.com, 22 aprile 2014. URL consultato il 22 aprile 2014 (archiviato il 29 aprile 2015).
  158. ^ David Teich, 2014 Tribeca Film Festival Filmmaker Interview: Brin Hill (Director-'In Your Eyes'), indienyc.com, 24 aprile 2014. URL consultato il 25 aprile 2014 (archiviato il 27 aprile 2014).
  159. ^ Stan Lee meets: The Amazing Spider-Man #1, comicbookresources.com. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  160. ^ Giant-Size Astonishing X-Men (2008) #1, marvel.com. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  161. ^ Ritorna Thor e altre news Marvel, ComicUS, 12 settembre 2006. URL consultato il 30 agosto 2011.
  162. ^ From 'Buffy' to 'The Avengers': Joss Whedon's Best and Worst Projects, rollingstone.com. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  163. ^ Gavin Edwards, Whedon, Ink, nymag.com. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  164. ^ Cesar R. Bustamante Jr., Joss Whedon 101: Astonishing X-Men, popmatters.com. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  165. ^ Warren Ellis, ASTONISHING X-MEN: SECOND STAGE, warrenellis.com, 5 agosto 2007. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  166. ^ Dean Brookstone, Graphic Weekends: Astonishing X-Men, vancitybuzz.com, 2012. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  167. ^ Rick DeMott, Astonishing X-Men Wins Top Eisner Award, awn.com, 25 luglio 2006. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  168. ^ George A. Tramountanas, "X-Men: The Last Stand" – Dave Gorder – The Super-Associate Producer, comicbookresources.com, 23 febbraio 2006. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  169. ^ Scott Chitwood, X-Men: The Last Stand, comingsoon.net. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  170. ^ Marvel's Top 70, archive.is. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  171. ^ Ord, marvel.com. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  172. ^ Blindfold, marvel.com. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  173. ^ Armor, marvel.com. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  174. ^ Klara Prast, comicvine.com. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  175. ^ Abigail Brand, comicvine.com. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  176. ^ S.W.O.R.D., comicvine.com. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  177. ^ "Sugarshock": A free Whedon comic book to brighten your Monday, afterellen.com, 13 agosto 2007. URL consultato il 17 settembre 2013.
  178. ^ Serenity: The Other Half, darkhorse.com, 3 novembre 2010. URL consultato il 17 settembre 2013.
  179. ^ She's back!!! L'ottava stagione di Buffy a fumetti, Fumetti di carta, aprile 2007. URL consultato il 2 novembre 2007.
  180. ^ ‘Angel’ Returns for Season Six … But Not on TV, vulture.com, 18 settembre 2007. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  181. ^ Angel: After the Fall Rises to the Top for IDW, idwpublishing.com, 28 novembre 2007. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  182. ^ Angel: Angel: After the Fall, idwpublishing.com. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  183. ^ La sesta stagione di Angel sarà a fumetti, Comicsblog.it, 1º agosto 2007. URL consultato il 27 aprile 2008.
  184. ^ John Brodie, 'Suspension' toll: $ 1 mil from Largo, Variety, 25 giugno 1993. URL consultato il 15 dicembre 2009 (archiviato il 9 novembre 2012).
  185. ^ Chris Hewit, Liam Neeson Is Up For Suspension, empireonline.com, 19 settembre 2014. URL consultato il 19 settembre 2014 (archiviato il 29 novembre 2014).
  186. ^ Claude Brodesser e Paul F. Duke, Helmer Tennant believes in an 'Afterlife' with Sony, Variety, 14 marzo 2000. URL consultato il 15 dicembre 2009 (archiviato il 9 novembre 2012).
  187. ^ IGN Staff, IGN: SDCC 07: Whedon Says Buffy Spinoff Ripper Still Planned, Tv.ign.com, 28 luglio 2007. URL consultato il 20 ottobre 2008 (archiviato il 15 aprile 2012).
  188. ^ Michael Fleming, Whedon's a goner for U, Variety, 23 settembre 2005. URL consultato il 6 febbraio 2007 (archiviato il 9 dicembre 2009).
  189. ^ Jennifer Vineyard, Joss Whedon Won't Write, Direct 'Wonder Woman' — Despite Doing 'A Lot Of Legwork', mtv.com, 2 febbraio 2007. URL consultato il 13 luglio 2014 (archiviato il 7 ottobre 2014).
  190. ^ Casey Seijas, Joss Whedon Talks About His 'Batman' Movie That Never Was, MTV, 11 agosto 2008. URL consultato il 1º maggio 2015 (archiviato il 10 ottobre 2014).
  191. ^ Kirsten Acuna, Here’s the Batman movie script 'Avengers' director Joss Whedon wrote and Warner Bros. shot down, Business Insider, 29 aprile 2015. URL consultato il 1º maggio 2015.
  192. ^ Joss & Co. reveal plans for a Dr. Horrible sequel: Maybe a movie?, Blastr, 15 aprile 2009. URL consultato il 21 aprile 2015 (archiviato il 28 aprile 2014).
  193. ^ Whedonverse - Wiktionary.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN69129615 · LCCN: (ENn94098094 · ISNI: (EN0000 0001 2027 9465 · GND: (DE131714961 · BNF: (FRcb140324316 (data)