Hany Abu-Assad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hany Abu-Assad (in arabo: هاني أبو أسعد‎‎, in ebraico: האני אבו אסעד; Nazareth, 11 ottobre 1961) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico palestinese con cittadinanza israeliana. naturalizzato olandese[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Nazareth, nel Distretto Nord di Israele, da una famiglia palestinese, emigra nei Paesi Bassi nel 1981, dove studia ingegneria ad Haarlem. Dopo alcuni anni di lavoro come ingegnere aeronautico nei Paesi Bassi, fonda una società di produzione cinematografica ed inizia a produrre programmi televisivi sugli immigrati. Dirige i primi cortometraggi nel 1992 e lungometraggi dal 1998.

Attualmente residente in Danimarca, tutti i suoi film hanno per argomento la coesistenza multi-culturale, sia in Europa sia in Medio Oriente. Nel 2006 il suo film Paradise Now, la storia di due palestinesi che preparano un attentato suicida in Israele, è stato candidato all'Oscar come migliore film straniero. Nel 2013 ottiene una seconda nomination all'Oscar con il film Omar, lavoro che si era aggiudicato il premio della giuria nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes 2013.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN29824957 · ISNI: (EN0000 0000 7826 1068 · LCCN: (ENno2006037688 · GND: (DE140240403 · BNF: (FRcb15092549x (data)
  1. ^ Hij wil gaan en hij gaat ook, NRC Handelsblad, 20 febbraio 2006. URL consultato il 26 gennaio 2014.
    «Hany Abu-Assad heeft een Israëlisch en een Nederlands paspoort, hij woont tegenwoordig in Los Angeles, maar, alle relativeringsvermogen en zelfspot ten spijt, hij is en blijft een Palestijn, geboren in Nazareth.».