Wonder (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wonder
Wonder film.jpg
Jacob Tremblay in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2017
Durata113 min
Rapporto2,39:1
Generedrammatico
RegiaStephen Chbosky
Soggettodal romanzo di R. J. Palacio
SceneggiaturaStephen Chbosky, Steve Conrad, Jack Thorne
ProduttoreDavid Hoberman, Todd Lieberman
Produttore esecutivoJeff Skoll, Robert Kessel, R. J. Palacio, Qiuyun Long, Michael Beugg, Alexander Young
Casa di produzioneLionsgate, Mandeville Films, Participant Media, Walden Media
Distribuzione in italiano01 Distribution
FotografiaDon Burgess
MontaggioMark Livolsi
Effetti specialiKerry Phillips
MusicheMarcelo Zarvos
ScenografiaKalina Ivanov
CostumiMonique Prudhomme
TruccoBree-Anna Lehto, Darah Wyant
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Wonder è un film del 2017 diretto da Stephen Chbosky.

La pellicola, con protagonisti Jacob Tremblay, Julia Roberts e Owen Wilson, è l'adattamento cinematografico del romanzo omonimo del 2012 scritto da R. J. Palacio.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

August Pullman, detto Auggie, è un ragazzino di 10 anni con una grave malformazione cranio-facciale, causata dalla sindrome di Treacher Collins, che gli impedisce una vita normale. Per poter vedere, sentire e respirare normalmente ha dovuto subire 27 interventi chirurgici e, per paura sia di complicazioni sanitarie che delle reazioni degli altri bambini, non è mai andato a scuola in vita sua, ricevendo sempre lezioni private. Quando deve entrare in prima media i genitori decidono che è giunto il momento per lui di andare a scuola insieme agli altri bambini, presso la Beecher Prep School. Il preside, il signor Tushman, delega a tre studenti di nome Julian Albans, Jack Will e Charlotte il compito di fargli visitare la scuola. Julian si rivela diffidente ed antipatico e Charlotte mostra di riuscire a rendersi amichevole solo con un grande sforzo, mentre Jack prende subito Auggie in una sincera simpatia.

Una volta a scuola Auggie si rivela un ottimo alunno ma trascorre le giornate in solitudine. Persino durante la pausa pranzo, mentre tutti i tavoli sono affollati, al suo tavolo non si siede mai nessuno. Ad un certo punto Jack decide di avvicinarsi a lui e i due stringono un legame di amicizia. Nel frattempo Julian prende di mira Auggie con continue battute di cattivo gusto sul suo aspetto, tormentandolo insieme ad altri due compagni, Henry e Miles. Il giorno di Halloween Auggie, con indosso un costume, assiste ad una spregevole conversazione tra Jack ed altri compagni (che non lo riconoscono a causa del travestimento), sentendolo dire a Julian di stare solo fingendo di essere amico di Auggie per richiesta del preside e che si ucciderebbe piuttosto che avere una faccia come quella del compagno; Auggie, amareggiato, decide di non rivolgere più la parola a Jack.

Jack inizialmente non capisce come mai Auggie abbia iniziato ad evitarlo; in seguito, ripensando a ciò che aveva detto e fatto, si rende conto in cuor suo che l'amicizia che lo legava ad Auggie non era solo di facciata per accontentare il preside ma nasceva da un autentico sentimento personale; dopo aver capito che Auggie si era offeso perché aveva sentito le brutte cose che gli aveva detto alle spalle, si scusa scrivendogli tramite Minecraft e i due ritornano amici. Nello stesso periodo un'esperienza simile accade a Via, la sorella maggiore di Auggie, da poco fidanzata con un ragazzo, che riallaccia i rapporti con la sua storica migliore amica Miranda, da cui si era allontanata dopo un litigio. Intorno a Natale Auggie lega con una ragazzina di nome Summer.

Verso la fine dell'anno le classi organizzano una gita scolastica, a cui Julian non partecipa perché sospeso a causa del bullismo nei confronti di Auggie. Durante la gita, Auggie e Jack vengono aggrediti da tre ragazzi più grandi e, inaspettatamente, in loro aiuto arrivano proprio gli amici di Julian, Henry e Miles. Auggie, alla fine dell'anno scolastico, ottiene un importante riconoscimento dal preside: inizialmente deriso ed emarginato per il suo aspetto, è diventato un esempio ed ha stretto amicizia con tutti.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il budget del film è stato di 20 milioni di dollari.[1]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film viene diffuso il 24 maggio 2017.[2]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 17 novembre 2017,[2] ed in quelle italiane dal 21 dicembre dello stesso anno.[3]

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

Il film negli Stati Uniti è stato vietato ai minori di 10 anni non accompagnati da adulti per la presenza di "bullismo e linguaggio forte".[4]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato 132,4 milioni di dollari nel Nord America e 173,5 nel resto del mondo, per un totale di 305,9 milioni di dollari.[1]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve l'85% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 7,04 su 10 basato su 185 critiche,[5] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 66 su 100 basato su 33 critiche.[6]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2020 la LionsGate ha annunciato lo spin-off del film: sarà basato sul romanzo del 2014 A Wonder Story - Il libro di Julian, scritto sempre da R. J. Palacio, sarà sceneggiato da Mark Bomback e prodotto da David Hoberman e Todd Lieberman insieme allo scrittore Palacio.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Wonder, su Box Office Mojo, Amazon.com. URL consultato il 6 settembre 2018. Modifica su Wikidata
  2. ^ a b Filmato audio Lionsgate Movies, Wonder (2017 Movie) Official Trailer – #ChooseKind – Julia Roberts, Owen Wilson, su YouTube, 24 maggio 2017. URL consultato il 24 maggio 2017.
  3. ^ 01Distribution, Tratto all'omonimo #Bestseller di @RJPalacio che ha emozionato il mondo, il 21 dicembre arriva al #cinema #Wonder con #JuliaRoberts, #OwenWilson e #JacobTremblaypic.twitter.com/OeYuBWDOni, su @01Distribution, 7:00 AM - 22 Nov 2017. URL consultato il 23 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Parents Guide for Wonder, su imdb.com, Internet Movie Database. URL consultato il 24 maggio 2017.
  5. ^ (EN) Wonder, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 5 febbraio 2020. Modifica su Wikidata
  6. ^ (EN) Wonder, su Metacritic, Red Ventures. URL consultato il 5 febbraio 2020. Modifica su Wikidata
  7. ^ Marita Toniolo, Oscar 2018: annunciate le nomination, su bestmovie.it, Best Movie, 23 gennaio 2018. URL consultato il 23 gennaio 2018.
  8. ^ (EN) Alex Ritman, BAFTA Awards: 'Shape of Water,' 'Three Billboards,' 'Darkest Hour' Lead Pack of Nominations, su hollywoodreporter.com, The Hollywood Reporter, 8 gennaio 2018. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  9. ^ (EN) Steve Pond, 'Dunkirk,' 'The Shape of Water' Lead Satellite Award Nominations, su thewrap.com. URL consultato il 30 novembre 2017.
  10. ^ (EN) Pete Hammond, Critics’ Choice Awards Nominations: ‘The Shape Of Water’ Leads With 14; Netflix Tops TV Contenders, su deadline.com. URL consultato il 6 dicembre 2017.
  11. ^ (EN) Dave McNary, ‘Black Panther,’ ‘Walking Dead’ Rule Saturn Awards Nominations, su variety.com, Variety, 15 marzo 2018. URL consultato il 17 marzo 2018.
  12. ^ Matteo Tosini, Black Panther domina le vittorie alla 44ª edizione dei Saturn Awards, su badtaste.it. URL consultato il 28 giugno 2018.
  13. ^ Pierre Hombrebueno, Teen Choice Awards 2018, Avengers: Infinity War parte in pole position con 7 nomination, su bestmovie.it, Best Movie, 14 giugno 2018. URL consultato il 14 giugno 2018.
  14. ^ Angelica Arfini, Wonder: in arrivo il film spin-off tratto da “Il libro di Julian”, su badtaste.it. URL consultato il 30 ottobre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema