Jill Clayburgh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jill Clayburgh

Jill Clayburgh (New York, 30 aprile 1944Lakeville, 5 novembre 2010) è stata un'attrice statunitense.

Nel corso della sua carriera è stata candidata 2 volte all'Oscar alla miglior attrice per Una donna tutta sola ed E ora: punto e a capo. Ha vinto il Prix d'interprétation féminine al Festival di Cannes per Una donna tutta sola.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce e cresce a New York nell'Upper West Side di Manhattan, in una famiglia benestante di origine ebree, figlia di Julie e Albert, un venditore di prodotti tessili. Dopo aver frequentato alcune delle migliori e più esclusive scuole newyorchesi, tra cui il Sarah Lawrence College dove nel 1966 consegue una laurea in teatro, decide di diventare attrice[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Jill Clayburgh a Venezia nel 1983

Inizia la sua carriera calcando i palcoscenici teatrali di Boston e, nel 1968, debutta a Broadway al fianco di Jack Klugman in una poco fortunata rappresentazione di The Sudden and Accidental Re-Education of Horse Johnson che, a causa della scarsa affluenza di pubblico, rimane in cartellone solo per 5 serate. Avrà però presto modo di rifarsi, negli anni successivi e lungo tutta la sua carriera, lavorando in molte altre produzioni e musical di grande successo, tra cui Pippin (1973). La sua ultima apparizione teatrale è nel 2006, al Cort Theater di Broadway, in un revival della commedia A piedi nudi nel parco di Neil Simon.

Il suo esordio cinematografico risale invece al 1969 nel film Oggi sposi di Brian De Palma, in cui recita insieme al giovane Robert De Niro (film d'esordio degli stessi attore e regista). L'affermazione sul grande schermo giunge nel 1976 grazie alle interpretazioni in Wagons lits con omicidi, spassosa e brillante commedia gialla, in coppia con Gene Wilder, e in Quando passi da queste parti, film drammatico dove lavora insieme a Peter Falk. Tre anni più tardi ottiene la sua prima candidatura all'Oscar alla miglior attrice (premio che sarà infine assegnato a Jane Fonda) per il ruolo di Erica in Una donna tutta sola, film di Paul Mazursky che le farà vincere il premio per la miglior interpretazione femminile al Festival di Cannes[2].

L'anno seguente ottiene nuovamente una nomination all'Academy Award per il ruolo di Marilyn Holmberg in E ora: punto e a capo e, sempre nel 1979, è Caterina Silveri nel film La luna di Bernardo Bertolucci. La sua pluridecennale carriera artistica conta comunque una filmografia molto ampia, con film quali Una notte con vostro onore (1981) e I diffidenti (1987), in cui dà prova di grande talento sia nel genere brillante che in quello drammatico, a fianco di interpreti del calibro di Walter Matthau, Burt Reynolds, Michael Douglas.

Sin dai suoi esordi come attrice, vanta anche numerose interpretazioni in svariate serie televisive e film per la tv. Recita ad esempio in alcuni episodi di serie di successo come Law & Order - I due volti della giustizia, Ally McBeal, dove interpreta Jeannie, la madre di Ally, The Practice - Professione avvocati e Nip/Tuck. Proprio con Ryan Murphy, l'ideatore di Nip/Tuck, nel 2006 prende parte alla commedia amara Correndo con le forbici in mano, che segna l'esordio cinematografico del regista stesso e in cui Jill ha il ruolo della madre nella squinternata famiglia Finch. Nel 2008 torna a lavorare con il medesimo autore per il film Dirty Tricks, opera tuttora non uscita nelle sale, dove interpreta Pat Dixon, moglie di Richard Nixon.

Nel frattempo, tra il 2007 e il 2009, è una dei protagonisti nella serie tv della ABC Dirty Sexy Money, dove interpreta il ruolo di Letitia Darling, infelice matriarca della ricca famiglia Darling. Nel 2010 recita nel film Amore & altri rimedi di Edward Zwick.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver avuto una relazione durata cinque anni con Al Pacino, conosciuto nella compagnia teatrale di Boston con cui aveva esordito come attrice, nel 1978 si sposa con il commediografo e sceneggiatore David Rabe, dal quale avrà un figlio, Michael e una figlia, Lily; quest'ultima ha seguito le orme artistiche della madre[1]. È stata anche matrigna di Jason Rabe, figlio che il marito aveva avuto dal precedente matrimonio con Elizabeth Pan.

L'attrice muore il 5 novembre del 2010, all'età di 66 anni, nella sua casa di Lakeville, un villaggio della Contea di Litchfield nel Connecticut: la causa del decesso è una forma di leucemia linfatica cronica con la quale, dal 1989, ha dovuto convivere per 21 anni[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Broadway (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Jill Clayburgh è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Jill Clayburgh Dies at 66; Starred in Feminist Roles, New York Times, 6-11-2010. URL consultato il 6-10-2010.
  2. ^ (EN) Awards 1978, festival-cannes.fr. URL consultato il 18 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27326465 · ISNI (EN0000 0000 6301 8102 · LCCN (ENn94090845 · GND (DE134771974 · BNF (FRcb146551306 (data) · NLA (EN35356856 · WorldCat Identities (ENn94-090845