The Midnight Man (film 2016 Zariwny)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Midnight Man
Titolo originaleThe Midnight Man
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2016
Durata95 min
Rapporto2.35 : 1
Genereorrore
RegiaTravis Zariwny
SoggettoTravis Zariwny
SceneggiaturaTravis Zariwny
ProduttoreFrankie Lindquist
Produttore esecutivoHoracio Altamirano
FotografiaGavin Kelly
MontaggioKyle Tekiela
MusicheOlaf Pyttlik
ScenografiaMelanie Rein
CostumiPatricia J. Henderson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Midnight Man è un film horror del 2016 scritto e diretto da Travis Zariwny ed interpretato da Gabrielle Haugh, Lin Shaye e Grayson Gabriel.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

1953. Nella soffitta di una vecchia casa tre bambini evocano per gioco un essere spettrale, l'Uomo di Mezzanotte, restando al riparo di un cerchio protettivo tracciato con il sale. La piccola Anna è l'unica a sopravvivere all'ordalia con il mostro, che ama barare al gioco.

Molto tempo dopo, nella stessa casa un'anziana Anna, bisognosa di cure perché affetta da un inizio di demenza senile e rimasta sola dopo la morte del marito, è accudita dalla giovane nipote Alex. La nonna è un po' svanita, straparla, cambia umore, a volte è gentile e grata, altre brusca e impositiva. A un certo punto manda Alex a cercare un vecchio specchietto che si trova in un baule in soffitta. Mentre è lì, Alex è raggiunta dall'amico Miles, venuto a trovarla. La ragazza trova lo specchietto e una scatola chiusa. Ovviamente, la scatola viene aperta e dentro ci sono gli oggetti utilizzati dai ragazzini del prologo per il loro macabro gioco, foglio con le regole compreso. La nonna, spaventata, li vede e, prima di crollare svenuta, li accusa di aver aperto il gioco. Viene convocato il vecchio dottor Harding che visita la nonna e tranquillizza Alex: se la caverà. Nonostante tutto, quando il dottore se n'è andato, Alex e Miles non trovano di meglio che attivare il rituale del gioco, cui partecipa poi anche la loro amica Kelly, nel frattempo intervenuta. L'Uomo di Mezzanotte non vedeva l'ora.

Durante il gioco, vengono a galla — per via dell'Uomo di Mezzanotte — tutte le fobie dei giocatori: Alex ha paura del sangue e l'Uomo di Mezzanotte trasforma l'acqua del bagno in sangue ed immerge Alex all'interno; Miles ha paura del dolore e l'Uomo di Mezzanotte simula di rompergli l'osso del collo; Kelly ha paura del senso di colpa — da bambina aveva tagliato la gola ad un coniglio innocente. L'Uomo di Mezzanotte si finge il coniglio e la aiuta a sgozzarsi: il gioco per lei è finito. Alex e Miles contattano il dottor Harding, che gli rivela la vera natura e le origini del rituale: non è un gioco innocuo (contrariamente a come pensavano), ma un rituale pagano usato per punire chiunque avesse osato disubbidire agli dèi e che all'Uomo di Mezzanotte non piace perdere: farà di tutto pur di vincere, e in modo o nell'altro tutti i giocatori moriranno, a qualunque età. L'Uomo di Mezzanotte causa diverse allucinazioni ad Alex e Miles, dopo che scoprono il cadavere di Kelly. Alex si ricorda di quando sua madre, dopo aver giocato al Gioco di Mezzanotte, si suicidò impiccandosi, sotto i suoi occhi. Successivamente si scopre che la nonna Anna voleva che i due aprissero il gioco perché potessero provare le stesse cose che provò lei e cosa si prova a veder morire delle persone davanti a sé. Quando il dottor Harding prova a ragionare con Anna, questa lo assale e lo massacra a pugni, mentre Alex è costretta a sparare a sua nonna.

Nel frattempo l'orologio segna le 3:33 del mattino, orario in cui l'Uomo di Mezzanotte se ne sarebbe andato. Conscio di aver perso e arrabbiato, l'Uomo di Mezzanotte cambia manualmente la posizione delle lancette, riportandole alle 3 e 30. Miles, che era uscito dal cerchio di sale, si accorge che in realtà mancano ancora tre minuti alla fine del gioco e non fa in tempo a ritornare nel cerchio di sale disegnato insieme ad Alex che il demone lo uccide trafiggendolo alla faccia, e poi si rivolge ad Alex dicendo che il gioco per lei è finito.

Nella scena finale gli oggetti appartenuti alla nonna vengono disposti nell’ingresso in una sorta di mercatino. L’assistente del dottor Harding è lì insieme al figlio che trova la scatola del gioco e la porta a casa: gli eventi sono destinati a ripetersi.

Accoglienza e critiche[modifica | modifica wikitesto]

Per capire di cosa parla The Midnight Man bisogna sapere cosa sono le creepypasta, che i più giovani ovviamente conoscono benissimo. Sono in pratica la variante internet delle vecchie leggende metropolitane o dei campfire tales, i racconti paurosi che si facevano intorno al fuoco durante i campeggi. Dai siti, blog e forum dedicati a questo genere, spesso - come nel caso del personaggio di Slenderman, nato da un photocontest - sono venuti fuori i nuovi spauracchi dell'immaginario horror giovanile.

È da una di queste storie, il "gioco di mezzanotte", che nasce il film di Travis Zariwny, a sua volta remake di un low budget irlandese del 2013, Midnight Man di Rob Kennedy. Su Rotten Tomatoes, il film ha una valutazione "marcio" del 33% basata su 6 recensioni, per il pubblico il gradimento è stato maggiore.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima mondiale in Canada il 30 settembre 2016, ma non è stato pubblicato nella maggior parte dei mercati fino al 2018. È un rifacimento di un film del 2013 con lo stesso nome.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema