11 settembre: Senza scampo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
11 settembre: Senza scampo
Titolo originale9/11
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2017
Durata90 minuti
Generedrammatico, azione
RegiaMartin Guigui
SoggettoPatrick Carson (testo teatrale)
SceneggiaturaMartin Guigui, Steven Golebiowski
ProduttoreDahlia Waingort, Warren Ostergard, Martin Sprock, Rodric David
Casa di produzioneSprockefeller Pictures, Sunset Pictures, Black Bear Pictures, Thunder Studios, The Film House, Vitamin A Films
Distribuzione in italianoAtlas Distribution Company
FotografiaMassimo Zeri
MontaggioEric Potter
MusicheJeff Toyne
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

11 settembre: Senza scampo è un film drammatico statunitense del 2017 diretto da Martin Guigui.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jeffrey Cage sta lavorando al World Trade Center (WTC) l'11 settembre 2001. Arriva alla Torre Nord con sua moglie Eve per firmare i documenti per il divorzio e i due sono in ascensore quando il Volo 11 dell'American Airlines si schianta contro l'edificio, provocando anche l'arresto dell'ascensore. Nell'ascensore ci sono anche Eddie, un addetto alla manutenzione; Tina, una donna che è venuta al WTC per rompere con il suo ricco amante e Michael, un fattorino. Tentano di aprire le porte dell'ascensore per fuggire ma non sono in grado di farlo.

Metzie è una dispatcher, che comunica con le persone bloccate all'interno dell'ascensore. Lei dice loro che hanno solo una scelta: aprire la porta dell'ascensore e inviare il manutentore nella sala macchine per ricablare l'ascensore. Il gruppo all'interno dell'ascensore inizia a escogitare piani per aprire la porta. All'inizio usano le mani, ma è troppo stretto, poi provano ad aprire l'albero di emergenza sopra il soffitto ma può essere aperto solo dall'esterno.

Metzie dice al gruppo che i vigili del fuoco non possono arrivare all'ultimo piano e devono aprire il meccanismo di blocco per aprire le porte. Alla fine aprono l'ascensore, sbloccano il meccanismo di bloccaggio e sfondano un blocco di muro a secco nella stanza di un bidello; solo Eve esce prima che i cavi di rottura dell'ascensore rendano impossibile la fuga degli altri. Jeffrey dice ad Eve che la ama e promette d'incontrarsi nella hall prima che tutti in ascensore si sdraino sulla schiena e si preparino all'impatto quando l'ascensore inizia a cadere. L'ascensore accelera fino al livello della lobby, ma tutti sopravvivono. Eve trova un vigile del fuoco che la aiuta ad aprire la porta dell'ascensore e tutti escono tranne Jeffrey, che rimane intrappolato nell'ascensore che a poco a poco si indebolisce. Tutti si mettono in fuga eccetto il vigile del fuoco, che cerca, in un ultimo disperato tentativo, di estrarre Jeffrey dalla cabina, sale in cima all'ascensore, riesce ad aprire il condotto di emergenza e afferra per la mano Jeffrey nel tentativo di tirarlo a sé. I due tuttavia non riescono a salvarsi poiché si ode in lontananza il crollo della torre che chiude la scena.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema