Ghostbusters: Legacy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ghostbusters: Legacy
Ghostbusters Legacy.jpg
Gary Grooberson, Podcast e Phoebe Spengler in una scena del film
Titolo originaleGhostbusters: Afterlife
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2021
Durata125 min
Genereazione, fantascienza, commedia, thriller, fantastico, avventura
RegiaJason Reitman
SoggettoDan Aykroyd, Harold Ramis (personaggi)
SceneggiaturaGil Kenan, Jason Reitman
ProduttoreIvan Reitman
Produttore esecutivoDan Aykroyd, Michael Beugg, Jason Blumenfeld, Jason Cloth, Aaron L. Gilbert
Casa di produzioneColumbia Pictures, Ghost Corps, Bron Creative, The Montecito Picture Company, Right of Way Films, Brillstein Entertainment Partners
Distribuzione in italianoWarner Bros. Entertainment Italia
FotografiaEric Steelberg
MontaggioDana E. Glauberman, Nathan Orloff
MusicheRob Simonsen
ScenografiaFrançois Audouy
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Ghostbusters: Legacy (Ghostbusters: Afterlife) è un film del 2021 diretto da Jason Reitman.

Il cast della pellicola è composto da Mckenna Grace, Finn Wolfhard, Carrie Coon e Paul Rudd, a cui si vanno ad aggiungere gli attori dei precedenti capitoli Bill Murray, Dan Aykroyd, Ernie Hudson, Sigourney Weaver e Annie Potts, che riprendono i ruoli dei film originali. La pellicola è il sequel diretto di Ghostbusters - Acchiappafantasmi (1984) e Ghostbusters II (1989) ed è il terzo film dell'omonima serie escludendo il remake/reboot, del 2016, Ghostbusters, completamente slegato dal franchise originale.

Il film è dedicato a Harold Ramis che interpretava Egon Spengler nei primi due film della serie, deceduto nel 2014.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel pieno della notte nella sperduta città di Summerville, un uomo in fuga (che si scoprirà essere il dottor Egon Spengler) si rifugia nella sua cadente fattoria inseguito da una misteriosa entità; dopo aver cercato inutilmente di attivare una misteriosa apparecchiatura, nasconde una trappola per fantasmi in uno scomparto segreto sotto al pavimento ed estrae il suo misuratore PKE, modificato anche come arma, sedendosi in attesa dell'entità che lo uccide, riuscendo tuttavia a metterla in fuga.

In seguito la figlia del uomo, Callie, una madre single e i suoi due figli, la dodicenne Phoebe e il quindicenne Trevor, sono costretti a trasferirsi nella fattoria, essendo stati sfrattati. Trevor incontra una ragazza del posto, Lucky, e trova lavoro al ristorante dove lavora. Phoebe viene iscritta a un corso scolastico estivo nella scuola locale, dove fa la conoscenza del professore, nonchè sismologo e scienziato, Gary Grooberson e di Podcast, un suo coetaneo appassionato di misteri e soprannaturale, dai quali scoprirà dei continui e inspiegabili terremoti in città, della miniera abbandonata con strane rovine e che suo nonno si guadagnò il soprannome di "Zappaterra", dato che fece diversi scavi intorno alla fattoria, ma non piantò mai nulla e del sospetto che non sia morto di infarto come si crede.

In seguito Phoebe ritrova nella fattoria il misuratore PKE del nonno che le rivela la presenza di un fantasma invisibile che la conduce alla trappola nascosta nel paivmento, mentre Trevor trova ed inizia a riparare la Ecto 1. Lucky porta Trevor in una vecchia miniera con i suoi amici, dove assistono ad un'apparizione luminosa. Phoebe mostra la trappola a Podcast e Gary che rivela di essere un fan degli Acchiappafantasmi. Gary, Phoebe e Podcast aprono incautamente la trappola liberando l'entità, che fugge rifugiandosi nella miniera. Gary accompagna quindi a casa Phoebe dove conosce Callie, sua madre, e dove nota anche una mappa molto antica ancora prima della fondazione della città trovata in casa.

Nel frattempo il fantasma conduce Phoebe e Podcast in una tana sotterranea dove trova l'equipaggiamento degli acchiappafantasmi, capendo quindi che il fantasma che la sta aiutando è suo nonno, e con il suo aiuto ripara uno zaino protonico. Lei e Podcast lo provano il giorno successivo quando incontrano Muncher, un fantasma mangiatore di metalli che inizialmente sfugge alla cattura e si dirige in città, a loro si unisce Trevor che nel frattempo ha riparato la Ecto-1: il trio insegue Muncher e lo cattura con successo grazie anche alle inedite apparecchiature dell'auto, come il seggiolino da mitragliere e la trappola radiocomandata, prima che raggiunga la miniera verso cui stava scappando. Tuttavia, la polizia li arresta per gli ingenti danni che hanno causato in città durante l'inseguimento, confiscando l'Ecto-1 e l'attrezzatura. Phoebe chiama il numero degli acchiappafantasmi (trovato in un vecchio spot tv che ora circola online) e contatta il dottor Ray Stantz (che nel frattempo lavora ancora nella sua "occultoteca" vista nel film Ghostbusters II) che gli racconta di come, dopo la sconfitta di Vigo il Carpatico (il nemico affrontato dagli acchiappafantasmi sempre nel secondo film), i fantasmi iniziarono a scarseggiare e gli acchiappafantasmi si trovarono in difficoltà economiche; nonostante i problemi, Egon, convinto di un'imminente apocalisse, rubò l'auto e le attrezzature e si trasferì a Summerville. La ragazza riesce a far capire di essere la nipote di Egon prima che lo sceriffo chiuda la telefonata. I ragazzi vengono fatti uscire dal Callie e Gary, che nel frattempo erano usciti a cena insieme, nel mentre Trevor scopre che Lucky è la figlia dello sceriffo. Mentre Callie rientra alla fattoria con i ragazzi, Gary raggiunge un supermercato, dove incontra dei piccoli e pericolosi Omini dei Marshmallow e viene aggredito da un cane demoniaco, Vinz Clortho il Mastro di Chiavi.

Alla fattoria Phoebe scopre che la città e la miniera sono state costruite dall'architetto Ivo Shandor (la struttura portante del palazzo di New York epicentro dei fatti accaduti nel film Ghostbusters - Acchiappafantasmi e nel videogioco è stato realizzato proprio dal folle architetto con il selenio prelevato dalla miniera), quindi lei, Trevor, Podcats e Lucky accedono all'interno della miniera dove trovano Shandor (in animazione sospesa) e una struttura che funge da portale per i demoni proprio come lo era il palazzo di New York. Inoltre scoprono un dispositivo realizzato da Egon con gli zaini protonici, ad attivazione automatica, che crea una barriera per contenere le incursioni dei demoni di Gozer il Gozeriano, il semidio già affrontato dagli acchiappafantasmi negli anni 80, i cui tentativi di fuga stanno causando i terremoti. Phoebe capisce che il nonno ha sacrificato tutto per fermare gli spettri. Tornati a casa scoprono che Callie è posseduta da Zuul il Guardia di Porta, che scappa verso alla miniera, dove Gary, ora posseduto dallo spirito di Vinz distrugge la barriera di Egon, permettendo a Gozer di manifestarsi e a Shandor di risvegliarsi, venendo però quasi immediatamente ucciso dalla divinità che ha per così tanto tempo adorato, mentre Callie e Gary si trasformano nei mostruosi cani demoniaci (proprio come è successo a Dana Barrett e Louis Tully nel primo film). I ragazzi scoprono il piano di Egon per intrappolare Gozer, trovando diverse trappole nascoste intorno alla fattoria e, indossando le tute Ghostbusters, recuperano l'equipaggiamento e l'Ecto-1. Tornati alla miniera Phoebe distrae Gozer e Podcast intrappola Zuul grazie alla trappola radio comandata, liberando Callie e provocando l'ira del semidio che ora si trova indebolito. Il gruppo raggiunge la fattoria attirando Gozer per intrappolarlo, ma la trappola non funziona correttamente a causa della mancanza di energia, proprio come successo a Egon; gli Omini dei Marshmallow ne approfittano per sabotare l'equipaggiamento dell'Ecto-1, permettendo a Gozer di liberare Zuul che possiede Lucky e riacquista tutto il suo potere.

La situazione sembra disperata quando sopraggiungono gli acchiappafantasmi originali rimasti, il dottor Peter Venkman, Ray Stantz e Winston Zeddemore per aiutare il gruppo, ma Gozer sembra sopraffarli rompendo l'incrocio di flussi delle loro armi. Phoebe combatte da sola Gozer e il fantasma di Egon si materializza accanto a lei per aiutarla assieme agli altri acchiappafantasmi che trattengono Gozer mentre Trevor carica la trappola col flusso di protoni della Ecto-1 che Podcast ha riparato, Callie attiva le trappole, catturando e sconfiggendo definitivamente Gozer e i suoi cani demoniaci. Egon si riconcilia con la sua famiglia e i suoi amici prima di svanire nell'aldilà, mentre Lucky e Gary sono liberi dalla possessione. Dopo aver fatto conoscenza con il gruppo, i tre acchiappafantasmi originali sopravvissuti tornano a New York City con l'Ecto-1 e l'equipaggiamento.

In una sequenza a metà dei titoli di coda, Peter e Dana giocano con le carte ESP e la macchina shock dell'uomo (viste nel primo film), mentre una sequenza post-crediti rivela che Winston, diventato un imprenditore di successo, usa le sue risorse per mantenere la caserma degli acchiappafantasmi, dove La Ecto-1 viene portata a riparare. Nell'inquadratura finale, viene mostrata una spia lampeggiante sull'unità di ecto-contenimento, che lascia presagire nuove manifestazioni di fantasmi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Prima di dicembre 2019, al film era stato assegnato il titolo provvisorio di Ghostbusters 2020. Altre informazioni erano state fatte trapelare attraverso Vanity Fair il 6 dicembre 2019, rivelando ufficialmente il titolo Ghostbusters: Afterlife, mentre in Italia è stato intitolato Ghostbusters: Legacy.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Un primo teaser trailer breve era stato pubblicato il 16 gennaio 2019.[2] Il primo trailer ufficiale del film è stato diffuso il 9 dicembre 2019,[3] mentre un secondo trailer ufficiale è stato diffuso il 27 luglio 2021.[4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

L'uscita nelle sale statunitensi era prevista per il 10 luglio 2020, ma viene posticipata prima al 5 marzo 2021 a causa della pandemia di coronavirus[5], poi all'11 giugno 2021 fino all’11 novembre 2021.[6] Il film è uscito definitivamente il 18 novembre 2021.[7]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 5 dicembre 2021, Ghostbusters: Legacy ha incassato 102,2 milioni di dollari negli Stati Uniti e in Canada e 42,9 milioni di dollari in altri territori, per un totale mondiale di 145,1 milioni di dollari.[8][9]

Inizialmente si prevedeva che avrebbe incassato $ 28-35 milioni da 4.315 cinema nel suo weekend di apertura.[10] Dopo aver guadagnato $ 16,6 milioni nel primo giorno (inclusi $ 4,5 milioni dalle anteprime di giovedì sera, $ 1 milione in più rispetto al film del 2016), le proiezioni sono state aumentate a $ 40 milioni. Ha continuato a debuttare a $ 44 milioni, superando il botteghino.[11] Il film ha guadagnato $ 5,3 milioni il Giorno del ringraziamento e poi $ 24,2 milioni nel suo secondo fine settimana, finendo secondo dietro al nuovo arrivato Encanto.[12][13]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Su Rotten Tomatoes, il 63% di 254 recensioni è positivo, con una valutazione media di 6.1/10. Il consenso critico del sito web recita: "Ghostbusters: Legacy attraversa i flussi tra il revival del franchise e l'esercizio della nostalgia - e questa volta, il bustin' si sente per lo più bene."[14] Metacritic, che utilizza una media ponderata, ha assegnato al film un punteggio di 45 su 100 basato su 46 critici, che indica "recensioni contrastanti o medie".[15]

Sheri Linden di The Hollywood Reporter ha descritto il cast del film come "coinvolgente" e "[avendo] il fumetto picchia", e ha aggiunto: "interpretano anche persone più complete rispetto al primo film offerto, riflettendo l'interesse del regista per storie che guidano i personaggi." Ha anche notato alcune somiglianze che il film aveva con Stranger Things, Il mago di Oz e Incontri ravvicinati del terzo tipo.[16] Olly Richards di Empire ha dato al film un punteggio di quattro stelle su cinque, descrivendolo come "completamente adorabile" e concludendo che "stabilisce saldamente la propria nuova generazione" pur essendo "pieno di amore per gli originali".[17] Peter Debruge di Variety lo ha descritto come "un film non necessario ma divertente" e ha aggiunto: "La buona notizia per i fan di Ghostbusters è che questo non fa nulla per offuscare ciò che è successo prima".[18] William Bibbiani di TheWrap ha scritto che "i fan dell'originale, specialmente quelli che amano trovare le uova di Pasqua, saranno probabilmente soddisfatti", ma ha aggiunto: "Coloro che hanno apprezzato il film del 1984 e che in realtà volevano che una nuova puntata di Ghostbusters offrisse qualcosa di diverso … possono essere delusi, ma probabilmente possono accontentarsi dell'artigianalità chiara e diretta di Afterlife."[19] Scott Mendelson di Forbes ha dato al film un punteggio di 6 su 10, descrivendolo come un "fantastico e spiritoso fantasy di formazione incentrato sui bambini", ma ha criticato la sua dipendenza dal fanservice nostalgico "assecondante".[20] Kyle Smith di National Review ha descritto il film come "un film estivo accattivante per novembre, un ponte generazionale abilmente progettato".[21]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio italiano è stato curato dalla Iyuno-SDI Group, con la direzione di Fabrizio Pucci.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ian Spelling, ‘Ghostbusters: Afterlife’ Director Explains Why That Shocking Cameo Had to Happen, su Fatherly.com, 18 novembre 2021. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  2. ^ (EN) Exclusive: Watch the haunting teaser for Jason Reitman's secret 'Ghostbusters' movie, su EW.com. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  3. ^ (EN) Condé Nast, First Look at Ghostbusters: Afterlife, su Vanity Fair. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  4. ^ Pietro Ferraro, Ghostbusters: Legacy - nuovo trailer italiano (al cinema dall'11 novembre), su Cineblog, 27 luglio 2021. URL consultato il 28 luglio 2021.
  5. ^ Valentina D'Amico, MORBIUS, GHOSTBUSTERS: LEGACY; SONY FA SLITTARE L'USCITA AL 2021, su Movieplayer.it, 31 marzo 2020. URL consultato il 31 marzo 2020.
  6. ^ Andrea Francesco Berni, Ghostbusters: Legacy rinviato all’estate 2021, su badtaste.it, 21 ottobre 2020. URL consultato il 22 ottobre 2020.
  7. ^ "Ghostbusters: Legacy", al cinema dal 18 novembre, su LaPresse, 24 settembre 2021. URL consultato il 26 ottobre 2021.
  8. ^ (EN) "Ghostbusters Afterlife (2021)", su Box Office Mojo.
  9. ^ (EN) "Ghostbusters Afterlife (2021)", su The Numbers.
  10. ^ (EN) "Box Office: 'Ghostbusters: Afterlife' Targets $30 Million Debut, 'King Richard' to Serve Up $10 Million Start", su Variety.
  11. ^ (EN) "'Ghostbusters: Afterlife' Calls Up $44M Opening Weekend – Sunday AM Update", su Deadline Hollywood.
  12. ^ (EN) "'Encanto' & 'Ghostbusters: Afterlife' Split Families, 'House Of Gucci' Best Opening For Drama In Two Years – Thanksgiving Box Office, Sunday Update", su Deadline Hollywood.
  13. ^ (EN) "Domestic 2021 Weekend 48: November 26-28, 2021 – Thanksgiving 3-Day weekend (US)", su Box Office Mojo.
  14. ^ (EN) "Ghostbusters: Afterlife", su Rotten Tomatoes.
  15. ^ (EN) "Ghostbusters: Afterlife", su Metacritic.
  16. ^ (EN) "Carrie Coon and Paul Rudd in 'Ghostbusters: Afterlife': Film Review", su The Hollywood Reporter.
  17. ^ (EN) "Ghostbusters: Afterlife", su Empire.
  18. ^ (EN) "'Ghostbusters: Afterlife' Review: Ivan Reitman's Son and a Teen Cast Resurrect the Not-Quite-Dead Franchise", su Variety.
  19. ^ (EN) "'Ghostbusters: Afterlife' Film Review: Entertaining Sequel-Reboot Dazzles While Still Feeling Familiar", su TheWrap.
  20. ^ (EN) "'Ghostbusters: Afterlife' Review: Problematic Pandering Can't Derail Charming Kids Fantasy", su Forbes.
  21. ^ (EN) "Stay Puft, Marshmallow Man", su National Review.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema