Egon Spengler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Egon Spengler
Egon Spengler nel primo film
Egon Spengler nel primo film
Universo Ghostbusters
Lingua orig. inglese
1ª app. 1984
Interpretato da Harold Ramis in due film e un videogame
Voce orig. Maurice LaMarche in The Real Ghostbusters
Voci italiane
Sesso Maschio

Egon Spengler è un personaggio immaginario apparso per la prima volta nel 1984, nel film Ghostbusters - Acchiappafantasmi, e nel suo sequel del 1989, Ghostbusters II. Raggiunse anche la popolarità con la serie televisiva a cartoni animati The Real Ghostbusters, spin-off del film. È interpretato da Harold Ramis. È doppiato da Mario Cordova nel primo film, nel secondo film e nelle prime due stagioni della serie animata The Real Ghostbusters, da Claudio Capone dalla terza stagione in poi della serie animata The Real Ghostbusters e da Enrico Bertorelli nella serie animata Extreme Ghostbusters.

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Egon Spengler è fisicamente alto e porta gli occhiali, mentre di carattere si presenta estremamente laconico. E' il più colto dei membri del team nel campo del paranormale. Egli, assieme a Ray Stantz è il creatore dell'equipaggiamento degli acchiappafantasmi, rendendolo il vero e proprio cervello del gruppo. Proprio per questa sua spiccata intelligenza, forse, Spengler non è particolarmente socievole, come dimostrato nelle sue brevi interazioni con la segretaria dei Ghostbusters, Janine Melnitz, e nelle sue risposte a Peter Venkman, il più chiacchierone del gruppo.

Spengler è il più serio e rigido membro del gruppo. Dei suoi hobbies Spengler parla proprio nel primo film dove attesta di collezionare "spore, muffe e funghi", aggiungendo nel secondo film che durante la sua infanzia l'unico gioco di cui disponeva era un "pezzo di molla" che però possedette per poco tempo perché lo fuse per estrarne del piombo. Come ricordato nel primo film, ha anche una grande pasione per i dolci e le caramelle. Secondo il videogioco della serie, Spengler dorme 14 minuti al giorno, il che gli lascia "molto tempo per lavorare."