Michael J. Pollard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Michael J. Pollard, nato Michael John Pollack, Jr. (Passaic, 30 maggio 1939), è un attore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Michael J. Pollard studiò recitazione all'Actor's Studio e fece il suo esordio a Broadway nel 1958 nella pièce Comes the Day, al fianco di George C. Scott[1]. La sua successiva apparizione sul palcoscenico fu l'anno seguente in A Loss of Roses, dove recitò accanto a Betty Field e Warren Beatty[1].

Dopo essere apparso in alcuni film negli anni sessanta, come Le avventure di un giovane (1962) di Martin Ritt e I selvaggi (1966) di Roger Corman, Pollard ebbe la grande occasione quando gli fu affidato il ruolo di Clarence W. Moss, il meccanico un po' idiota ma di buona indole che diventa complice dei rapinatori Clyde Barrow e Bonnie Parker (Warren Beatty e Faye Dunaway in Gangster Story (1967) di Arthur Penn[1]. Per la sua interpretazione, Pollard fu candidato al premio Oscar al miglior attore non protagonista[1], vincendo anche un BAFTA come Miglior esordiente.

Ottenne alcuni altri ruoli di rilievo, come quello del prigioniero di guerra che guida un gruppo di evasi attraverso le montagne austriache in La straordinaria fuga dal campo 7a (1969), e quello di Little Fauss, un ragazzo di campagna ed esperto meccanico, che viene sfruttato da un corridore sbruffone (Robert Redford) in Lo spavaldo (1970)[1]. Interpretò Billy the Kid, facendone un ritratto di psicopatico ma scervellato in Dirty Little Billy (1972)[1].

L'attore Michael J. Fox ha adottato la J. del suo nome in omaggio a Pollard[2].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, pag. 419
  2. ^ https://www.michaeljfox.org/foundation/michael-story.html?navid=michaels-story

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN24801035 · ISNI (EN0000 0001 0880 2479 · LCCN (ENn88226404 · GND (DE172681405 · BNF (FRcb140277431 (data) · WorldCat Identities (ENn88-226404