Daffy Duck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daffy Duck
Duffy Duck.png
Daffy Duck
Universo Looney Tunes
Nome orig. Daffy Duck
Lingua orig. Inglese
Autore Tex Avery
1ª app. 1937
1ª app. in Caccia alle anatre
Voci orig.
Voci italiane
Specie Anatra Nera Americana
Sesso Maschio
Etnia Americana
Abilità
  • Arguzia
  • Semi-invulnerabilità
  • Volo (in alcuni corti)
  • Grande trasformista
  • Bravo pilota e nuotatore

« Sei un essere spregevole! »

(Tipica frase di Daffy, rivolta quasi sempre a Bugs)

Daffy Duck è un personaggio animato che appartiene alla "scuderia" della Warner Brothers.

Daffy Duck appare per la prima volta in Caccia alle anatre (Porky's Duck Hunt) del 1937 insieme a Porky Pig. Successivamente appare quasi sempre con Elmer Fudd, Bugs Bunny, Porky Pig e Speedy Gonzales.

Il nome "Daffy" deriva da una malattia mentale ("daffy" in inglese significa pazzo), caratteristica che verrà esaltata nelle sue apparizioni come una sorta di sdoppiamento della personalità: se in un primo momento è "maniacalmente folle", nel secondo è "spregevolmente depresso".

Daffy è raffigurato come una tipica anatra nera, con la caratteristica striscia bianca sul collo e il becco e le zampe arancioni. È un personaggio vanitoso, egocentrico, disonesto, mattacchione, egoista, insensibile e avido di soldi, ma (nonostante i fallimenti e i maltrattamenti che subisce) non si arrende mai e talvolta riesce a risultare simpatico.

Le sue diverse interpretazioni[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni di Daffy: 1937-1940[modifica | modifica wikitesto]

Tex Avery e Bob Clampett crearono la versione originale di Daffy nel 1937. Daffy in acqua, saltellava e urlava: "Woo-hoo! Woo-hoo! Woo-hoo! Woo-hoo! Woo-hoo !". Animatore Bob Clampett immediatamente prese il personaggio dell’anatra Daffy e lo gettò in una serie di cartoni animati negli anni 1930 e 1940. Nei primi corti Daffy era selvaggio e demenziale e rimbalzava intorno allo schermo gridando "Hoo-hoo! Hoo-hoo!" (Nella sua autobiografia, Mel Blanc ha dichiarato che il comportamento demenziale è stato ispirato dallo slogan di Hugh Herbert , che è stato portato all’estremo per Daffy.) Clampett fisicamente ha ridisegnato il personaggio, rendendolo più alto e arrotondando i piedi. Egli era stato spesso associato con Porky Pig come si può vedere nella sua prima apparizione ufficiale ovvero in Caccia alle Anatre.

Il papero spaziale e gli altri personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Nel cortometraggio del 1953 Duck Dodgers nel XXIV secolo e mezzo, diretto da Chuck Jones, il papero appare nei panni di Duck Dodgers, un ipotetico (e parodico) eroe del futuro. Il nome fa un ovvio riferimento a "Capitan Rogers nel XXV secolo".

Negli anni ottanta, il personaggio viene ripreso in uno spin-off: ritorna l'eroe futuristico del XXIV secolo e 1/2, e il suo assistente Porky Pig, cadetto spaziale ingenuo e combinaguai. Nel 2003 il personaggio ottiene una sua serie vera e propria. Duck Dodgers è uno speciale "successore" di Daffy Duck che rappresenta il sogno che Daffy si porta fin da bambino.

Degni di nota sono anche lo sceriffo degli anni novanta, Daffy Scerlock, Duck Twacy (parodia di Dick Tracy), il giullare di corte e il cantante country che rimane senza suono.

Anni recenti[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie degli anni novanta Tiny Toon Adventures, della Acme Looneyversity è il miglior mentore e idolo di Duca Duck (che ha come amico-nemico Buster Bunny). La serie Loonatics Unleashed del 2005 presenta un altro discendente di Daffy, Danger Duck che conserva comunque molte delle caratteristiche di Daffy. Una versione bambina di Daffy appare in Baby Looney Tunes. Fa la sua attuale ultima apparizione cinematografica nel corto Daffy's Rhapsody, in cui è visto per la prima volta con una grafica 3D. In seguito riappare nella serie Bugs! A Looney Tunes Prod..

The Looney Tunes Show[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 Daffy torna su Cartoon Network in The Looney Tunes Show , doppiato da Jeff Bergman. La sua caratterizzazione qui sembra incorporare alcuni elementi di Clampetti e disegni Jones, dandogli un aspetto allegro anche se con una stupida personalità. Nello show, si è trasferito in città ed abita con Bugs. A differenza di Bugs e i loro vicini, Daffy non ha modo di guadagnare denaro e per questo vive e mangia a casa di Bugs. Ha provato in numerose occasioni per arricchirsi rapidamente, ma non ha mai raggiunto il suo intento. Daffy un possiede una carro allegorico di cartapesta, che è il suo principale mezzo di trasporto. È stato distrutto da un incidente autolavaggio, ma è stato riparato poco dopo. Il suo artista preferito è il canto Elton John . Anche se l'avidità e la gelosia nei confronti di Bugs rimane, sembra essere meno antagonista in questa versione, e in un episodio, Bugs dice che Daffy, nonostante i suoi difetti, è il suo migliore amico.

Apparizioni al cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nome[modifica | modifica wikitesto]

In un episodio diretto da Chuck Jones, La maschera scarlatta, quando Daffy legge il copione da lui scritto si legge il suo nome completo «Daffy Dumas Duck», mentre nei Baby Looney Tunes, nell'episodio Non si fa la spia, nonna Granny lo chiama Daffy Orazio Tiberius Duck, dopo averlo avvisato di non prendere le forbici della cucina (perché avrebbe fatto del male agli altri o a sé stesso). Nella serie The Looney Tunes Show, invece, si afferma che il suo secondo nome è Sheldon. Da notare che il nome Daffy è in realtà un aggettivo che sta a significare «pazzo/folle» (questo perché nei suoi primi cartoni era molto burlone e iperattivo), e Duck significa «anatra», quindi la giusta traduzione del suo nome originale in italiano sarebbe «Anatra Pazza».

Cartoni essenziali[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio italiano[modifica | modifica wikitesto]

Daffy Duck ha avuto diversi doppiatori italiani. Voci principali:

Altre voci:

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Warner Bros. Entertainment Inc., Animation Art, la storia, i personaggi, I disegni originali..., EdiCart, Legnano. ISBN 88-474-2650-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2148631069230410191
Animazione Portale Animazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animazione