Uno sceriffo extraterrestre... poco extra e molto terrestre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Uno sceriffo extraterrestre... poco extra e molto terrestre
Uno sceriffo extraterrestre poco extra e molto terrestre - Film 1979.jpg
Titoli di testa del film
Titolo originale Uno sceriffo extraterrestre... poco extra e molto terrestre
Paese di produzione Italia
Anno 1979
Durata 89 min
Genere commedia, fantascienza
Regia Michele Lupo
Soggetto Marcello Fondato, Francesco Scardamaglia
Sceneggiatura Marcello Fondato, Francesco Scardamaglia
Produttore Elio Scardamaglia
Fotografia Franco Di Giacomo
Montaggio Eugenio Alabiso
Musiche Guido De Angelis, Maurizio De Angelis e Cesare De Natale
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Uno sceriffo extraterrestre... poco extra e molto terrestre è un film del 1979 diretto dal regista Michele Lupo. La pellicola è una commedia fantascientifica interpretata da Bud Spencer e dal piccolo attore Cary Guffey, già noto al grande pubblico per aver preso parte a Incontri ravvicinati del terzo tipo del 1977.

Ha avuto un seguito, Chissà perché... capitano tutte a me (1980), diretto sempre da Michele Lupo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A Newnan, una cittadina della Georgia (Stati Uniti d'America), il massiccio sceriffo Scott Hall non crede ai dischi volanti che tutti vedono nei cieli. Quando troverà un bambino che dice di chiamarsi H7-25 e che sostiene di venire dallo spazio, non gli crede, ma quando questi dimostra poteri non-umani (fa ballare i vecchietti, le giostre si animano da sole, i pesci saltano letteralmente in braccio ai pescatori ed altro) comincia a nutrire seri dubbi. Quando poi un comandante di una base militare rapisce due volte il bambino per impossessarsi della sua favolosa arma che comanda a piacimento gli oggetti e le persone, il buon sceriffo interviene per salvarlo a suon di scazzottate. Alla fine il bambino viene recuperato dall'astronave del padre, ma decide di tornare per restare con lo sceriffo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La scena del primo incontro fra lo sceriffo ed il piccolo alieno venne girata presso il Six Flags Over Georgia, ad Austell, un parco di divertimenti.[senza fonte]

La scena della "pesca miracolosa" venne girata presso il Lago di Martignano in provincia di Roma.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 13 settembre 1979.[1]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola si è classificata al 29º posto tra i primi 100 film di maggior successo della stagione cinematografica italiana 1979-1980.[2]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Minnini considera la cornice fantascientifica accessoria perché alla fine sono soltanto i cazzotti e la simpatia di Bud Spencer che contano, però ritiene che la ricetta inizia ad avere ingredienti troppo prevedibili. Morando Morandini, invece, la considera come una favola piena di risse bonarie e fracassone, tagliata su misura per Bud Spencer. Inoltre apprezza molto la presenza del piccolo Cary Guffey, che già in Incontri ravvicinati del terzo tipo era parso eccezionalmente spontaneo come attore.[3]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

In film ha avuto un seguito nel 1980, sempre per la regia di Michele Lupo: Chissà perché... capitano tutte a me.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Spettacolo , cultura e varietà - Oggi in prima - Uno sceriffo extraterrestre... poco extra e molto terrestre, in La Stampa, nº 207, 1979, p. 16.
  2. ^ Stagione 1979-80: i 100 film di maggior incasso, hitparadeitalia.it. URL consultato il 23 settembre 2016.
  3. ^ Scheda Film - Uno sceriffo extraterrestre... poco extra e molto terrestre, ilsole24ore.com. URL consultato il 23 settembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]