Mario Giuliacci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mario Giuliacci

Il colonnello Mario Giuliacci (Città della Pieve, 29 novembre 1940) è un meteorologo, personaggio televisivo e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver conseguito la maturità classica e aver lavorato per breve tempo come barbiere nel negozio paterno, si laurea in Fisica presso l'Università degli Studi La Sapienza a Roma ed entra nel Servizio meteorologico dell'Aeronautica Militare.

Dal 1983 al 1990 dirige, come colonnello, la stazione meteorologica di Milano Linate, uno dei principali centri meteorologici dell'Aeronautica Militare.

Dal 1992 al 2010 si occupa della rubrica meteorologica sui quotidiani Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport.

Dal 1994 al 1996 e dal 2008 al 2010 è docente del corso di Fisica dell'atmosfera presso l'Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Nel 1992 contribuisce alla fondazione del Centro Epson Meteo, con il quale collabora fino al 2010 occupandosi delle previsioni meteorologiche per i telegiornali Mediaset e per diversi siti internet. In questa veste, dal 1997 al 2010 conduce le previsioni del tempo del TG5 delle ore 8 e delle ore 20, venendo affiancato dal figlio Andrea a partire dal 2002.

Dal 2005 cura per la rivista Dipiù Tv le previsioni del tempo e dal 2008 al 2010 partecipa alla trasmissione Mattino Cinque.

Ad aprile 2011 firma un contratto televisivo in esclusiva con LA7 e dal 9 aprile 2011 conduce ogni weekend il meteo alle 7:30 e alle 9:30[1][2].

Da dicembre 2011 gestisce il sito web meteorologico Meteo Giuliacci.

Attualmente è docente di meteorologia presso l'Istituto Aeronautico Antonio Locatelli di Bergamo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha pubblicato numerosi libri sulla meteorologia, come unico autore o in collaborazione con altri meteorologi, tra i quali:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Giuliacci (Sette – aprile 2011)
  2. ^ TGCom: PanoramaZapping, su blog.panorama.it. URL consultato il 19/12/2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN66557377 · ISNI (EN0000 0000 0052 3080 · BNF (FRcb12428617v (data)