Patrick Macnee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Patrick Macnee nella serie televisiva Colombo (1975)

Patrick Macnee, nome completo Daniel Patrick Macnee, (Londra, 6 febbraio 1922Rancho Mirage, 25 giugno 2015), è stato un attore britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Patrick Macnee era di origine scozzese, essendo suo bisnonno, Sir Daniel Macnee, ritrattista scozzese. È stato l'unico figlio dell'allenatore di fantini Daniel Shrimp Macnee e di Dorothea May Henry, che era imparentata con gli Earls di Huntingdon. Per questa parentela materna, Macnee ha a lungo lasciato intendere di poter essere un lontano discendente di Robin Hood[1]. Talvolta ha detto di essere stato una pecora nera della famiglia Huntingdon[senza fonte].

I suoi genitori divorziarono dopo che la madre dichiarò la propria omosessualità, e Macnee ebbe in "zia Evelina" (come riportato nelle sue memorie) colei che lo aiutò pagandogli gli studi[2].

È noto per la sua partecipazione al telefilm Agente speciale (The Avengers), accanto a Diana Rigg nel ruolo di Emma Peel. Dal 1961 al 1969 Macnee interpretò il ruolo del protagonista della serie, John Steed, impersonando la quintessenza dell'icona british, sempre inappuntabile con il suo cappello a bombetta, l'immancabile ombrello e l'abito di classico stile sartoriale[1]. L'attore riprese il personaggio di John Steed un decennio più tardi, nella serie Gli infallibili tre, che andò in onda nella stagione 1976-1977[1].

Nel 1985 prese parte al film di James Bond 007 - Bersaglio mobile, accanto a Roger Moore, con il quale aveva già lavorato nel film d'avventura L'oca selvaggia colpisce ancora (1980).

Nel 1986 apparve più volte (mediante fotomontaggio) insieme alla cantante Chrissie Hynde nel videoclip del brano Don't Get Me Wrong dei Pretenders.

Nel 1996 appare nel video della canzone Don't Look Back in Anger degli Oasis[1].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Serialmania - Stelle e meteore dei telefilm cult, Vol. I, Sagoma s.r.l., 2010, pag. 14
  2. ^ Blind in One Ear: The Avenger Returns, autobiografia di Patrick Macnee

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN19710129 · LCCN: (ENn88263645 · ISNI: (EN0000 0000 8098 4230 · GND: (DE118925830 · BNF: (FRcb121168176 (data)