Chrissie Hynde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chrissie Hynde
Chrissie Hynde 1cropped.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Rock
New wave
Periodo di attività musicale 1978 – in attività
Strumento voce, chitarra
Gruppo attuale The Pretenders
Gruppi precedenti Sat. Sun. Mat., The Frenchies, Masters of the Backside, The Clash, Superfan, Mr. Stress Blues Band, Johnny Moped
Album pubblicati 3
Studio 3
Live 0
Raccolte 0
Sito ufficiale

Chrissie Hynde, all'anagrafe Christine Ellen Hynde (Akron, 7 settembre 1950), è una cantante statunitense, nota per essere leader del gruppo The Pretenders.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di una segretaria e di un dirigente delle Yellow Pages, si diploma alla Firestone High School di Akron, in Ohio[1]. Si interessa alla cultura hippy e al misticismo orientale e, durante gli anni alla Kent State University's Art School, entra a far parte di un gruppo musicale chiamato Sat. Sun. Mat., che include anche Mark Mothersbaugh dei Devo. È presente il giorno della Sparatoria della Kent State, durante la quale gli agenti di polizia uccidono alcuni studenti aderenti alla protesta, tra cui un amico della Hynde.

Nel 1973 si trasferisce a Londra, dove incontra il critico della rivista musicale NME, Nick Kent, che la aiuta a trovarsi un lavoro come giornalista. L'interesse non dura molto, e poco dopo viene assunta come commessa nel negozio di abbigliamento "Sex", gestito da Malcolm McLaren e Vivienne Westwood. Qui conosce Sid Vicious, che cercherà di convincere a firmare un matrimonio di convenienza per ottenere un permesso di lavoro. Nel 1975 la Hynde farà ritorno a Cleveland.

Nel 1976 torna in Europa, in Francia, dove sostituisce il cantante del gruppo The Frenchies. Successivamente torna a Londra, allora nel pieno del movimento punk 77, in cerca di un gruppo in cui suonare.[2] Malcolm McLaren la aiuta ad entrare nei Masters of the Backside come chitarrista, ma verrà esonerata quando cambieranno genere diventando The Damned. Successivamente viene ingaggiata nel gruppo di Mick Jones, The Clash, come chitarrista per un tour, dopo il quale lascerà di nuovo, in cerca di una sua band.[1][3]

Nel 1978 spedisce un demo a Dave Hill, proprietario dell'etichetta discografica Real Records. Hill accetta di farle da manager mettendole a disposizione uno studio di registrazione a Covent Garden, a Londra, e la sollecita a formare un gruppo. Nella primavera dello stesso anno la Hynde incontra il bassista Pete Farndon, col quale formerà un gruppo insieme al chitarrista James Honeyman-Scott e al batterista Martin Chambers. Il nome del gruppo, The Pretenders, è ispirato alla canzone The Great Pretender de The Platters.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Chrissie Hynde ha due figlie, Natalie Rae Hynde[4], nata nel 1983 dal rapporto con l'allora cantante dei Kinks, Ray Davies, e Yasmin Kerr, nata nel 1985 dal matrimonio col cantante dei Simple Minds, Jim Kerr. I due divorzieranno nel 1990, e la Hynde si risposerà nel 1997 con l'artista Lucho Brieva, dal quale si separa nel 2002.

Vive a Londra. È vegetariana, attivista dei diritti degli animali e sostenitrice della PETA. Era proprietaria di un ristorante ad Akron, in Ohio, suo luogo di origine, chiamato VegiTerranean, ora chiuso, è rimasto aperto per quattro anni, dal 2007 al 2011.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Discografia con i Pretenders[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio

Album dal vivo

Raccolte

EP

Discografia solista[modifica | modifica wikitesto]

Album

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) K. Loder, Pretenders, in Rolling Stone, 29 maggio 1980, p. 13.
  2. ^ (EN) 999: A History (Part One), su A history of UK Punk Rock from 1976-79.
  3. ^ Documentario No Turn Left Unstoned, contenuto negli speciali del DVD The Pretenders Greatest Hits.
  4. ^ (EN) Pretenders News, su pretenders.org. (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN84509208 · LCCN: (ENn95063678 · ISNI: (EN0000 0000 7829 0619 · GND: (DE134413652 · BNF: (FRcb139408365 (data)