Tatti Sanguineti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gaetano Sanguineti, detto Tatti (Savona, 15 novembre 1946), è un critico cinematografico, giornalista, attore, autore televisivo, documentarista, sceneggiatore e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni Ottanta ha lavorato nel campo del cinema come organizzatore per la Mostra del Cinema di Venezia, Incontri Cinematografici di Salsomaggiore e Taormina Film Fest.

Come giornalista ha collaborato con La Repubblica, Panorama e L'Europeo.

Tra il 1986 e il 1993 ha partecipato a diverse trasmissioni di Raitre come Fuori orario. Cose (mai) viste, Va' pensiero e Fluff. Nel 1989 inizia la lunga collaborazione con Piero Chiambretti, come coautore e a volte spalla nei suoi programmi televisivi: Prove tecniche di trasmissione, Prove tecniche di Mundiàl, Goodbye Cortina, Il portalettere, Telegiornale zero e Chiambretti Night, dove ha interpretato il ruolo di "Guardia della garitta 17".

Ha inoltre recitato in alcuni film, è stato sceneggiatore e per un breve periodo conduttore del programma radiofonico Hollywood Party di Rai Radio 3.

È coordinatore del progetto di ricerca Italia Taglia, del Ministero dello Spettacolo e dall'Anica, sul tema della censura cinematografica in Italia: per esso ha anche pubblicato due volumi monografici dedicati a Totò e Carolina di Mario Monicelli e La spiaggia di Alberto Lattuada.

Negli anni Duemila ha curato alcune strisce tematiche per Sky Cinema, mentre dal decennio successivo è passato a Mediaset, occupandosi su Iris delle rubriche Storie di cinema[1] e Note di cinema[2].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Il cervello di Alberto Sordi. Rodolfo Sonego e il suo cinema, Milano, Adelphi, 2015, ISBN 9788845929779.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN10096696 · ISNI (EN0000 0001 1593 7435 · LCCN (ENn79017758 · BNF (FRcb145904774 (data)