Allegro squadrone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Allegro squadrone
Silvana Pampanini Allegro squadrone.png
Silvana Pampanini
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1954
Durata90 min
Generesatirico
RegiaPaolo Moffa
SoggettoGeorges Courteline (romanzo)
SceneggiaturaSuso Cecchi d'Amico, Alessandro Continenza, Michel Audiard, Marcel Camus
ProduttoreFilm Costellazione, Zebra Film, Les Film Rives (Parigi)
Distribuzione (Italia)CEI INCOM
FotografiaVáclav Vích, Enzo Barboni
MontaggioEraldo Da Roma
MusicheAnnibale Bizzelli
ScenografiaGianni Polidori
CostumiMarilù Cartney
TruccoLeandro Marini
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Allegro squadrone è un film comico del 1954 diretto da Paolo Moffa.

Il film vede come interpreti, fra gli altri, Paolo Stoppa, Vittorio De Sica, Alberto Sordi e Silvana Pampanini. Il film è stato girato negli stabilimenti di Cinecittà, con pellicola a colori Ferraniacolor, ed ha una durata di 90 minuti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tratto dal romanzo di ambiente militare L'allegro squadrone di Georges Courteline (1886)[1], il film si presenta come una serie di bozzetti caricaturali dei militari di uno squadrone di cavalleria francese alla fine del XIX secolo. Gli ufficiali superiori impartiscono ordini, spesso ambigui o di difficile esecuzione, i quali vengono trasmessi in ordine gerarchico inverso agli ufficiali inferiori, da questi ai sottufficiali (in particolare al burbero maresciallo Flik, interpretato da Paolo Stoppa) e quindi alla truppa che ne subisce le conseguenze. In particolare l'arrivo inaspettato di un folto gruppo di civili richiamati, alla vigilia dell'ispezione da parte di un generale dello Stato maggiore, viene risolto mandando tutto lo squadrone in prigione, con motivazioni evidentemente futili o inventate, per ospitare i richiamati nella camerata ormai libera e dare una parvenza di ordine ed efficienza durante l'ispezione del generale. La disciplina spinta all'eccesso e il conflitto dei poteri genera invece ingiustizia e anarchia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Georges Courteline, Les Gaietés de l'escadron, Paris: Marpon-Flammarion, 1886; edizione italiana: L'allegro squadrone; trad. di Luciano Cortevesio, Milano: Mursia, 1992, Collana GUM n. 224, ISBN 88-425-1292-3)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema