...altrimenti ci arrabbiamo!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Altrimenti ci arrabbiamo" rimanda qui. Se stai cercando il programma televisivo, vedi Altrimenti ci arrabbiamo (programma televisivo).
...altrimenti ci arrabbiamo!
Altrimenti ci arrabbiamo.png
Terence Hill e Bud Spencer
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Spagna
Anno 1974
Durata 98 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere commedia, azione
Regia Marcello Fondato
Soggetto Marcello Fondato, Francesco Scardamaglia
Sceneggiatura Marcello Fondato, Francesco Scardamaglia
Produttore Mario Cecchi Gori
Fotografia Arturo Zavattini
Montaggio Sergio Montanari
Musiche Oliver Onions
Tema musicale Dune Buggy
Scenografia Francesco Vanorio
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

...altrimenti ci arrabbiamo! è un film del 1974 diretto da Marcello Fondato, con la coppia Bud Spencer e Terence Hill.

Il filo conduttore è una dune buggy rossa, modello costruito dalla Puma,[1] che assurge a "pomo della discordia" della vicenda.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ben e Kid sono un meccanico e un camionista accomunati dalla passione per le corse automobilistiche. Vincitori, a pari merito, di una frenetica gara di rallycross, ricevono in premio una dune buggy nuova. Non potendo dividerla, decidono di giocarsela. Kid propone una gara a birra e salsicce, così due vanno in un locale del vicino luna park per disputarsi il trofeo. La sfida viene però interrotta da una banda di scagnozzi al servizio de Il Capo, uno speculatore edilizio intenzionato a demolire il luna park per far posto alle sue costruzioni. Gli uomini distruggono il locale. Usciti, Ben e Kid si imbattono in uno dei malintenzionati, che sperona il veicolo facendolo incendiare.

Decisi a pretendere un nuovo Dune Buggy, Ben e Kid vanno al locale ristorante del Capo, che sembra propenso ad accordare la restituzione, ma viene dissuaso dal suo braccio destro, il Dottore: uno psicologo freudiano di origine tedesca.

Piuttosto che rendere la Dune Buggy, il Capo mette allora alle costole di Ben e Kid un suo tirapiedi, che li segue con due ragazze al luna park. Tuttavia i due se ne accorgono e, dopo averli seguiti all'interno di una palestra, i due stendono a cazzotti l'intera gang.

Il Capo fa quindi venire dagli Stati Uniti, Paganini, un taciturno e spietato killer per sbarazzarsi definitivamente dei due. Dopo aver provato inutilmente a sorprenderli in officina, Paganini segue i due in teatro, dove Ben sta tenendo le prove del coro dei pompieri, ma non riesce a tenere i due sotto tiro a causa di diversi ostacoli orditi da Kid. Dopo vari tentativi, sembra finalmente giunto il momento buono. Quando però Paganini apre la custodia del fucile, si rende conto che esso è stato sostituito con un vero violino. È stato Kid, che ora punta il vero fucile contro di lui.

La "dune buggy rossa con cappottina gialla" Puma contesa.

Mentre al ristorante il Capo e il Dottore festeggiano, certi di essersi sbarazzati dei due, arriva Paganini: il Capo va su tutte le furie. Il Dottore lo convince però che la vera mente che guida Ben e Kid è in realtà Geremia, un vecchietto che fa da aiutante a Ben e che, tempo prima, era stato cuoco nel ristorante, e che è quindi lui che bisogna attaccare. Quando Ben e Kid scoprono Geremia pesto e malconcio, corrono al ristorante del Capo, demoliscono il locale e prendono a pugni tutto il personale.

Il giorno dopo il Capo, sconfitto, consegna a Ben e Kid ben due Dune Buggy, dichiarando soddisfacente la soluzione. Nel frattempo, il vicino luna park riapre e ricomincia la propria attività: Kid e Ben decidono quindi di fare subito una corsa, distruggendo la macchina di Ben.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Una scena del film

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato fra Madrid, Poggio San Romualdo e Roma.[2]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Locandine[modifica | modifica wikitesto]

Le locandine e i manifesti utilizzati per la promozione del film, all'epoca della sua diffusione nelle sale italiane, sono opera dell'illustratore Renato Casaro[3]

Slogan[modifica | modifica wikitesto]

"Altrimenti? ...altrimenti ci arrabbiamo!" è lo slogan utilizzato per pubblicizzare il film all'epoca della sua programmazione nelle sale cinematografiche.[4]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nei cinema italiani a partire dal marzo del 1974.[5]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita internazionali nel corso dgli anni sono state:[6]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Gli attori John Sharp e Donald Pleasence sono doppiati entrambi da Oreste Lionello. Per distinguerne il timbro vocale, il doppiatore usò un tono più autoritario per il primo e uno più flebile per il secondo.[10]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Si è classificato al 1º posto tra i primi 100 film di maggior incasso della stagione cinematografica italiana 1973-1974 realizzando, al botteghino nazionale, un totale di 6.433.000.000 di lire.[11]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto recensioni di diverso genere ma è considerato, comunque, un prodotto ideale per tutta la famiglia.[12]

  • Anche se privo di particolari trovate è comunque ricco di acrobatiche corse in auto, in moto e di scazzottate ad opera di due protagonisti già collaudati in precedenti opere e che ora si presentano in un simpatico ruolo di castigamatti.[13]
  • È difficile comprendere quale possa essere l'idea di partenza nel realizzare un prodotto del genere, se non quella per scopi puramente commerciali, tradendo, nel caso di Marcello Fondato, anche precedenti opere da lui scritte e che avevano sicuramente un diverso spessore.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dune buggy Puma del 1972, BudTerence.tk. URL consultato il 27 settembre 2011.
  2. ^ ...altrimenti ci arrabbiamo!, BudTerence.tk. URL consultato il 27 settembre 2011.
  3. ^ ...altrimenti ci arrabbiamo! - Dettaglio scheda, internetculturale.it. URL consultato l'8 maggio 2016.
  4. ^ Spettacolo, cultura e varietà, in Stampa Sera, nº 72, 1974, pp. 6.
  5. ^ Cineriz - il machio verde dei grandi successi, in La Stampa, nº 64, 1974, pp. 6.
  6. ^ (EN) Release Info, IMDb. URL consultato l'11 febbraio 2014.
  7. ^ Cinema - Prime Visioni a Torino - ...altrimenti ci arrabbiamo!, in La Stampa, nº 65, 1974, pp. 6.
  8. ^ Schermi e ribalte a Roma, in L'Unità, nº 87, 1974, pp. 11.
  9. ^ (EN) The history of cinema chronological lists 1976 - May - Watch Out, We're Mad, beckerfilms.com. URL consultato l'8 maggio 2016.
  10. ^ ...Altrimenti ci arrabbiamo, ilsussidiario.net. URL consultato l'8 maggio 2016.
  11. ^ Stagione 1973-74: i 100 film di maggior incasso, hitparadeitalia.it. URL consultato l'8 maggio 2016.
  12. ^ Film per le famiglie, in Stampa Sera, nº 209, 1974, pp. 9.
  13. ^ ...Altrimenti ci arrabbiamo! - recensione, in Segnalazioni Cinematografiche, vol. 77, 1974.
  14. ^ Le prime - ...altrimenti ci arrabbiamo, in L'Unità, nº 88, 1974, pp. 11.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema