Bud Spencer e Terence Hill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Noi siamo l'unica coppia cinematografica al mondo a non aver mai litigato.[1]»

(Bud Spencer e Terence Hill)
Bud Spencer e Terence Hill rispettivamente "Bambino" e "Trinità" nel film Lo chiamavano Trinità... del 1970.

Bud Spencer e Terence Hill (pseudonimi rispettivamente di Carlo Pedersoli e Mario Girotti) sono stati una coppia di attori cinematografici italiani attiva dal 1968 al 1985 e ancora per una volta nel 1994. Hanno interpretato insieme 18 film, dei quali 16 come coppia protagonista. Alcuni loro film hanno avuto incassi notevoli e hanno avuto sequel e epigoni.[2] A entrambi venne assegnato nel 2010 il premio David di Donatello per la carriera.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1960[modifica | modifica wikitesto]

I due recitarono senza mai incontrarsi e girando scene separate in Annibale (1959) di Carlo Ludovico Bragaglia ed Edgar G. Ulmer.[4][5] Nel film Vacanze col gangster di Dino Risi (1951), esordio di Terence Hill, Bud Spencer non compariva.[5] Si incontrarono per la prima volta in Spagna sul set del film Dio perdona... io no! del 1967. L'ex campione di nuoto Pedersoli, che aveva fatto la comparsa in alcune pellicole non aveva intenzione di fare l'attore a tempo pieno; quando poi il regista Giuseppe Colizzi lo contattò per offrirgli la parte, il colloquio non andò benissimo in quanto Pedersoli non parlava inglese e non sapeva andare a cavallo; inoltre chiese come compenso tre milioni di lire e Colizzi inizialmente rifiutò le richieste di Pedersoli, proponendogli al massimo 700/800 mila lire a causa del suo magro curriculum; tuttavia dopo due settimane di casting infruttuosi, il regista ricontattò Pedersoli e accettò di pagargli il compenso da lui richiesto. Girotti invece venne preso dopo che - come affermerà anni dopo egli stesso - il protagonista del film, Peter Martell, che nel privato litigava continuamente con la fidanzata una sera le tirò un calcio, ma lei si scansò facendogli colpire il muro e rompendosi così il piede durante i primi giorni di lavorazione del film;[6] Colizzi si vide così costretto a tornare a Roma da Almería, dove si girava il film, in cerca di un attore che lo sostituisse, e su consiglio del fratello di Mauro Bolognini trovò Girotti.[2] La prima scena che dovettero girare fu una scazzottata durante le riprese della quale Pedersoli ideò una gag che sarebbe divenuta celebre, il pugno a martello dall'alto verso la testa dell'avversario.[2]

Venne poi suggerito ai due attori di cambiare i propri nomi per cercare di sfondare a livello internazionale[2] e così Pedersoli scelse Bud Spencer come tributo al suo attore favorito, Spencer Tracy, e ad una birra che stava bevendo, una Bud[4] mentre Girotti scelse da una lista presentatagli la sera prima, diventando Terence Hill, ma anche grazie al suo amore per il commediografo Terenzio.[4][5] Il film ebbe un successo enorme (quarto maggior incasso del 1967)[7]; bastò poco al regista Colizzi, preso atto dei consensi subito raccolti dal pubblico, per rendersi conto del gigantesco potenziale della coppia, con cui tornò a collaborare alla realizzazione di due nuovi film.[2] Nel 1968 recitarono in I quattro dell'Ave Maria nel quale si iniziò a inserire nella trama una lieve ironia che sarebbe poi diventata sempre più consistente negli anni a venire; la coppia non è ancora protagonista ma ha comunque un ruolo centrale oltre a interpretare gli stessi personaggi del film precedente. I quattro dell'Ave Maria ottenne ancor più successo del primo film e fu sorprendentemente promosso anche dalla critica.[8] Nel 1969 fu la volta de La collina degli stivali sempre diretto da Colizzi ottenendo un incasso simile ai primi due; la coppia cominciò a mietere una risonanza mondiale.[2]

Anni 1970[modifica | modifica wikitesto]

Bud Spencer e Terence Hill in ...continuavano a chiamarlo Trinità.

Nel 1970 il direttore della fotografia E.B. Clucher scrisse un copione di un nuovo film, Lo chiamavano Trinità..., western ma con risvolti comici che inizialmente non trovò produttori fino a quando non convise Italo Zingarelli. Nelle intenzioni di Clucher i protagonisti sarebbero dovuti essere gli italiani George Eastman nella parte di Bambino e Peter Martell, o in alternativa Franco Nero, nel ruolo di Trinità. Una volta conclusa la collaborazione con Giuseppe Colizzi, Bud Spencer e Terence Hill si proposero come coppia protagonista a Clucher, che alla fine li prese entrambi. Il successo fu clamoroso raggiungendo tre miliardi di lire di incasso e si colloca al 42º posto dei film più visti alla loro uscita nelle sale. Il successo portò alla realizzazione l'anno successivo del sequel ...continuavano a chiamarlo Trinità, sempre diretto da Clucher e che raggiunse i sei miliardi di lire di introiti, posizionandosi al primo posto dei maggiori successi dell'anno.[9][10] Inoltre nel 2016, una lista contenente la classifica del numero di biglietti venduti lo posiziona quarto posto (14.554.172 spettatori).[11]

Nel 1972 girarono sempre con Colizzi ...più forte ragazzi! che vinse un Nastro d'argento per la migliore colonna sonora agli Oliver Onions, che da lì in avanti avrebbero collaborato a molte delle musiche dei film della coppia. Anche questo film riscosse l'apprezzamento del pubblico[2] diventando il quarto maggior incasso dell'anno.[12]

La "dune buggy rossa con cappottina gialla" Puma contesa in ...altrimenti ci arrabbiamo!.

In quello stesso periodo Clucher stava pensando a un terzo capitolo della serie di Trinità, dal titolo provvisorio ...e insistevano a chiamarlo Trinità, ma i due non vollero sfruttare troppo il genere decidendo di dedicarsi anche a progetti individualmente.[13] Bud Spencer quindi recitò nel frattempo in Anche gli angeli mangiano fagioli e Piedone lo sbirro, due dei maggiori successi cinematografici del 1973, mentre Terence Hill lavorò anche negli USA in produzioni come ...e poi lo chiamarono il Magnifico sempre diretto da Clucher, e in Il mio nome è Nessuno prodotto da Sergio Leone considerato l'ultimo celebre western all'italiana.

Bud Spencer mentre assesta il suo classico "piccione" allo stuntman Giovanni Cianfriglia in una scena del film ...altrimenti ci arrabbiamo!.

Tornarono in coppia nel 1974 con ...altrimenti ci arrabbiamo! diretti da Marcello Fondato. Le riprese vennero fatte a Madrid anche se le scene iniziali vennero girate a Roma. Una novità di questo nuovo capitolo fu il cast, tra cui spiccarono le presenze di John Sharp e Donald Pleasence ma il vero successo della pellicola è senz'altro dovuto al celebre motivo composto da Guido e Maurizio De Angelis: il brano, dal titolo appunto Dune buggy, divenne presto il marchio di riconoscimento della coppia, venendo spesso utilizzato nei programmi televisivi per introdurre il duo come ospite.[senza fonte] Gli incassi furono nuovamente elevati raggiungendo 6,4 miliardi di lire, riuscendo a battere molti kolossal del periodo come La stangata e Amarcord.[14] Il 1974 li vide di nuovo protagonisti con Porgi l'altra guancia diretto da Franco Rossi che divenne il terzo incasso della stagione.[15] Negli anni settanta seguono altri film non western, tutti di successo come I due superpiedi quasi piatti (1977), Pari e dispari (1978) e Io sto con gli ippopotami (1979)

Anni 1980[modifica | modifica wikitesto]

Bud Spencer e Terence Hill durante una caratteristica abbuffata in Non c'è due senza quattro (1984)

Nella prima metà degli anni ottanta, la coppia continuò a girare insieme in quattro pellicole: Chi trova un amico trova un tesoro (1981), Nati con la camicia (1983), Non c'è due senza quattro (1984) e Miami Supercops (I poliziotti dell'8ª strada) (1985). A questo punto, i due sembrarono terminare il loro sodalizio, continuando comunque a lavorare in progetti diversi, votati in particolare al piccolo schermo.[2]

Anni 1990[modifica | modifica wikitesto]

Terence Hill e Bud Spencer in una scena del film Botte di Natale (1994).

Nel 1994 la coppia ritornò sul set per un film western scritto da Jess Hill e diretto dallo stesso Terence Hill, Botte di Natale. A livello di incassi, però, non ebbe nulla da spartire con i precedenti.[senza fonte]

Anni 2000 e 2010[modifica | modifica wikitesto]

I due hanno espresso più volte il desiderio di tornare nel caso a lavorare su di un progetto degno di essere valutato, progetto che non avrebbe però niente a che fare con i film che li hanno resi famosi nelle sale di tutto il mondo, considerata l'età oramai avanzata[2]. A tal proposito Terence Hill, intervistato nel 2014 da Fabio Fazio per Che tempo che fa, dichiarò che il sodalizio con Bud Spencer si interruppe poiché il duo non era più in grado di recitare nelle classiche scene d'azione che lo resero celebre.

Il 27 giugno 2016 Bud Spencer muore, all'età di 86 anni, nella sua casa di Roma.

Impatto culturale[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Canonici[modifica | modifica wikitesto]

Non canonici[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

  • Terence Hill
    • Pino Locchi in Lo chiamavano Trinità..., ...continuavano a chiamarlo Trinità, ...più forte ragazzi!, ...altrimenti ci arrabbiamo!, Porgi l'altra guancia, I due superpiedi quasi piatti, Pari e dispari, Io sto con gli ippopotami, Chi trova un amico trova un tesoro, Nati con la camicia
    • Sergio Graziani in Dio perdona... io no!, I quattro dell'Ave Maria, La collina degli stivali
    • Michele Gammino in Non c'è due senza quattro, Miami Supercops (I poliziotti dell'8ª strada), Botte di Natale
    • Giancarlo Maestri in Il corsaro nero
    • Massimo Turci in Annibale
  • Bud Spencer
    • Glauco Onorato in Dio perdona... io no!, I quattro dell'Ave Maria, La collina degli stivali, Lo chiamavano Trinità..., ...continuavano a chiamarlo Trinità, ...più forte ragazzi!, ...altrimenti ci arrabbiamo!, Porgi l'altra guancia, I due superpiedi quasi piatti, Pari e dispari, Io sto con gli ippopotami, Chi trova un amico trova un tesoro, Nati con la camicia, Non c'è due senza quattro, Miami Supercops (I poliziotti dell'8ª strada)
    • Sergio Fiorentini in Botte di Natale
    • Roberto Villa in Il corsaro nero
    • Nino Pavese in Annibale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Criticon", critica cinematografica indipendente
  2. ^ a b c d e f g h i Spencer Bud, De Luca Lorenzo, De Filippi David (a cura di) - Altrimenti mi arrabbio: la mia vita, Alberti, (2010) capitolo: la coppia Bud & Terence
  3. ^ Bud Spencer, Campione di bravura, popolarità. E nella STORIA dello SPORT - Informazioni condivise, in Informazioni condivise, 31 ottobre 2017. URL consultato il 3 ottobre 2018.
  4. ^ a b c Intervista con Terence Hill e Bud Spencer, it.terencehill.com. URL consultato il 14 novembre 2012 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2008).
  5. ^ a b c Intervista con Terence Hill, it.terencehill.com. URL consultato il 14 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2009).
  6. ^ Intervista in cui Terence Hill racconta l'episodio, terencehill.it. URL consultato il 15 maggio 2014.
  7. ^ Hit Parade - Incassi 1967-1968
  8. ^ Morando Morandini, Luisa Morandini, Laura Morandini (collaboratore Mauro Tassi), Il Morandini 2010, Zanichelli, 2010, p. 1192, ISBN 978-88-08-30176-5.
  9. ^ Hit Parade - Incassi 1971-1972
  10. ^ Rivalutati secondo l'inflazione gli incassi sarebbero di 29,3 milioni di euro attuali.
  11. ^ Gabriele Niola, Altro che Zalone, è Bertolucci l'autore italiano più visto di sempre al cinema, badtaste.it, 20 gennaio 2016. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  12. ^ Hit Parade - Incassi 1972-1973
  13. ^ Bud e Terence, la storica intervista
  14. ^ Hit Parade - Incassi 1973-1974
  15. ^ Hit Parade - Incassi 1974-1975
  16. ^ Bud Spencer & Terence Hill: Slaps And Beans disponibile nella sezione Accesso Anticipato di Steam, in Multiplayer.it. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  17. ^ Bud e Terence: torna il festival di Masone, su genova.mentelocale.it. URL consultato il 10 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2016).
  18. ^ Masone, un festival per Bud Spencer e Terence Hill, su inchiostrofresco.it. URL consultato il 10 agosto 2016.
  19. ^ Masone e Rossiglione, festa Bud & Terence. Più la Vespa, su ilsecoloxix.it. URL consultato il 10 agosto 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema