Italo Zingarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo giornalista, vedi Italo Zingarelli (giornalista).

Italo Zingarelli, noto anche con lo pseudonimo di Ike Zingarmann (Lugo, 15 gennaio 1930Roma, 28 aprile 2000), è stato un produttore cinematografico, regista, sceneggiatore e imprenditore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrato nel cinema per la sua prestanza fisica (fu stuntman in Quo Vadis?), dopo alcuni anni di produzioni cinematografiche del filone mitologico (Le legioni di Cleopatra - 1960, Il gladiatore invincibile - 1961 e I sette gladiatori - 1962) e spaghetti-western (fra i quali Sfida a Rio Bravo - 1964, L'uomo dalla pistola d'oro - 1965 e Un esercito di cinque uomini - 1969), avendo sotto contratto i due attori Bud Spencer e Terence Hill e intuendone la portata comica, produsse Lo chiamavano Trinità (1970), un copione già più volte rifiutato dagli altri produttori che, invece, cercavano di inserirsi nel filone dei film "alla Sergio Leone". Il film ottenne uno dei maggiori incassi della storia del cinema italiano.

Il successo, inatteso, rese la coppia di attori molto popolare e diede inizio ad una serie, che proseguì con: ...continuavano a chiamarlo Trinità (1971), ...più forte ragazzi! (1972) e Io sto con gli ippopotami (1979), quest'ultimo scritto e diretto dallo stesso Zingarelli[1].

Ritiratosi temporaneamente dal mondo del cinema nel 1972, fondò nel 1973 Rocca delle Macie, azienda vinicola nel Chianti[2].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Italo Zingarelli, su budterence.tk. URL consultato il 19 giugno 2020.
  2. ^ Bud Spencer e il Chianti: una storia legata a Rocca delle Macie, su wechianti.com. URL consultato il 19 giugno 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN66674050 · ISNI (EN0000 0000 7840 9245 · SBN IT\ICCU\SBNV\009631 · GND (DE141364076 · BNF (FRcb141472646 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-66674050