Michael Dunn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michael Dunn con Priscilla Pointer nella pièce teatrale The Inner Journey

Michael Dunn, nato Gary Neil Miller (Shattuck, 20 ottobre 1934Londra, 30 agosto 1973), è stato un attore e cantante statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sofferente di nanismo a causa di una displasia spondiloepifisaria congenita, ha vissuto solo 38 anni.

Nato in Oklahoma, da bambino si trasferì con la famiglia nel Michigan, dove trascorse la prima giovinezza. Nonostante l'infanzia segnata dalla malattia e da un grave infortunio ad una gamba, e malgrado la consapevolezza di non poter vivere molto a lungo, si laureò nel 1956. Mentre lavorava come giornalista, iniziò a cantare, a suonare e a recitare.

Dopo essere stato contattato per un ruolo a Broadway, apparve nella pièce The Ballad of the Sad Café, che gli valse la nomination al Tony Award nel 1964. Approdato al cinema, nel 1966 ottenne la candidatura al premio Oscar al miglior attore non protagonista per la sua interpretazione ne La nave dei folli.

Ha preso parte a diverse altre pellicole come La calata dei barbari (1968), Rapporto a quattro (1969), e Così nano, così perverso (1970), e alla serie TV Selvaggio West (1965-1968). Nel 1968 apparve nella serie classica di Star Trek, interpretando il ruolo del nano Alexander nell'episodio Umiliati per forza maggiore.

Morì a Londra nel 1973, durante le riprese del film La rinuncia (1974).

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 22341017 · LCCN: no2003017459 · BNF: cb14024828p (data)