Renato Polselli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Renato Polselli (Arce, 26 febbraio 1922Roma, 1º ottobre 2006) è stato un regista e sceneggiatore italiano.

Ha diretto oltre venti film tra il 1952 e il 2000. È stato anche sceneggiatore e ha recitato nel film western Mezzo dollaro d'argento (1965). Usava vari pseudonimi: Ralph Brown, Ralph Browne, Preston Leonide, Guglielmo Renato Polselli e Leonide Preston.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in filosofia, diresse alcuni melodrammi negli anni cinquanta prima di dedicarsi con un certo successo nel filone del gotico all'italiana con titoli come L'amante del vampiro (1960) e Il mostro dell'Opera (1964), alternandovi film drammatici (Solitudine, 1961), commedie (Avventura al motel con Franco e Ciccio) e musicarelli (Mondo pazzo... gente matta!, 1966)

Nei primi anni settanta si dedicò alla produzione di film visionari e trasgressivi, venati di psichedelia e di teorie libertarie parapsicologiche (La verità secondo Satana, 1970; Riti, magie nere e segrete orge nel trecento, 1971; Rivelazioni di uno psichiatra sul mondo perverso del sesso, 1971, Mania, 1974).

Nel 1980 venne faticosamente distribuito il film Oscenità, rimontaggio di un'opera girata da Polselli nel 1973 e bloccata dalla censura. Il successivo Marina e la sua bestia n. 2, con Marina Lotar, circolò esclusivamente nelle sale a luci rosse.

Negli ultimi anni, l'opera di Polselli è stata oggetto di rivisitazione da parte della critica, che si è soffermata soprattutto sulla sua produzione horror e su quella barocca ed eccessiva degli anni settanta, tanto da assegnargli la fama di "autore maledetto".

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Di Francesco e Giuseppe Pollicelli, Renato Polselli. Il cinema non è arte, in Nocturno n. 2 (nuova serie), Ed. Italiana Comunicazione, Torino dicembre 1996.
  • Manlio Gomarasca, Il mio cinema blasfemo. Intervista a Renato Polselli, prima parte, in Nocturno Book n. 7, Nocturno Edizioni, Milano settembre 2001.
  • Manlio Gomarasca, Il mio cinema blasfemo. Intervista a Renato Polselli, seconda parte, in Nocturno Book n. 8, Nocturno Edizioni, Milano ottobre 2001.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87576284 · ISNI (EN0000 0003 7419 8542 · SBN PUVV364866 · LCCN (ENnr00010415 · GND (DE1050606493 · BNE (ESXX1789316 (data) · BNF (FRcb16640915c (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr00010415