Paolo Carlini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Carlini in un fotogramma del film Blue Jeans (1975).

Paolo Carlini (Santarcangelo di Romagna, 6 gennaio 1922Roma, 3 novembre 1979) è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cominciò la carriera d'attore nel cinema a 18 anni con una parte secondaria in Addio giovinezza! (1940), al quale seguirono altri film, sempre in parti di non grande rilievo. Durante la seconda guerra mondiale fu volontario nelle brigate nere. Negli anni cinquanta passò al teatro, dove ottenne buone affermazioni.

La grande popolarità arrivò nel 1957 con la televisione, grazie allo sceneggiato Il romanzo di un giovane povero, tratto dall'omonimo romanzo di Octave Feuillet e diretto da Silverio Blasi. Per quella interpretazione ottenne il "Microfono d'argento". Da allora prese parte a numerosi sceneggiati televisivi di successo, anche se non sempre in ruoli di primo piano.[1][2][3]

Morì per emorragia cerebrale nel 1979, all'età di 57 anni.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1957 prestò la sua voce a una serie di sketch della rubrica pubblicitaria Carosello, che pubblicizzavano il sapone Palmolive.[4]

Prosa televisiva Rai[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dossier su un tentato ricatto a Paolo VI, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 20 maggio 2013 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2012).
  2. ^ Paolo VI aveva un amante, su voceditalia.it. URL consultato il 20 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2013).
  3. ^ Quando Paolo VI smentì di essere gay, su laRegione, 12 ottobre 2018. URL consultato il 21 agosto 2020.
  4. ^ Marco Giusti, Il grande libro di Carosello, II edizione, Sperling e Kupfer, ISBN 88-200-2080-7, p. 414

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN31750936 · ISNI (EN0000 0000 6161 8518 · SBN IT\ICCU\TO0V\405877 · LCCN (ENno2006062591 · GND (DE1096485559 · BNF (FRcb16639697p (data) · BNE (ESXX1273350 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2006062591