Blue Jeans (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blue Jeans
Blue jeans film.jpg
Il titolo del film
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1975
Durata 100 min
Colore Colore
Audio sonoro
Genere drammatico, erotico
Regia Mario Imperoli
Soggetto Mario Imperoli
Sceneggiatura Mario Imperoli,
Piero Regnoli
Casa di produzione Roma Cinematografica
Fotografia Romano Albani
Montaggio Carlo Broglio
Musiche Nico Fidenco
Scenografia Francesco Calabrese
Costumi Valeria Valenzia
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Blue Jeans è un film del 1975 diretto da Mario Imperoli.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Daniela, prostituta diciassettenne detta Blue Jeans, viene fermata per atti osceni in luogo pubblico e dichiara alla polizia d'essere orfana di madre e d'ignorare le sorti del padre. Dopo alcune ricerche, l'autorità individua Carlo Anselmi, un restauratore, come padre di Daniela. Carlo deve quindi occuparsi di lei finché non saranno concluse le pratiche causate dal reato commesso da Blue Jeans. L'ingresso di Daniela nella vita del restauratore comporta non poche conseguenze: la compagna di Carlo, in preda alla gelosia, abbandona il castello dove la coppia alloggia mentre Carlo restaura alcuni affreschi.
Tra Daniela e Carlo si crea un rapporto di gentilezza e affetto, ma questo equilibrio viene scosso dall'arrivo di Sergio, un ragazzo muto che salva Daniela dal morso d'una serpe. Per sdebitarsi, Carlo gli offre vitto e alloggio in cambio di qualche mansione.
Sergio però si rivela l'ex "protettore" di Daniela, che intende sfruttare questa situazione per uccidere Anselmi e fare ereditare a Daniela tutto il suo denaro. Daniela però s'è troppo affezionata a Carlo e lo salva dalla trappola preparata da Sergio. Questi, in preda all'ira, si procura una pistola e, sorpreso da Carlo mentre abusava di Daniela, spara al restauratore, ferendolo a morte. La ragazza lo vendica facendolo precipitare nella stessa trappola che aveva preparato per Carlo. Avendo perso gli unici legami che aveva, Daniela torna alla vita di strada.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]