Film erotico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Desiderando Giulia, esempio di pellicola a sfondo erotico.

Per film erotico si intende un genere cinematografico che traspone scene o trame softcore.

Non va confuso con il cinema pornografico, le cui sequenze sessuali sono esplicite.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi: dagli anni Dieci fino alla Seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

L'angelo azzurro

Intorno alla prima decade del XX secolo vengono commercializzati i primi filmati osé. Sono, essenzialmente cortometraggi clandestini, indirizzati ad un pubblico adulto.

Negli anni Venti, il regista Georg Wilhelm Pabst gira alcuni lungometraggi con protagonista Louise Brooks. Sono pellicole che sfruttano la bellezza e i canoni tipici di una delle più importanti sex symbol del cinema.

Nel 1930 esce L'angelo azzurro, famoso per mostrare alcuni momenti di varietà.

In Italia, la prima attrice a comparire sul grande schermo con il seno scoperto è Clara Calamai ne La cena delle beffe.

Gli anni Cinquanta e Sessanta[modifica | modifica wikitesto]

Faster, Pussycat! Kill! Kill!

Negli USA vengono editi i primi saggi di Alfred Kinsey. La Corte suprema degli Stati Uniti d'America, nel 1957, considera oscenità e sessualità come due elementi completamente distinti. Questi cambiamenti radicali portano alcuni produttori a finanziare opere audiovisive appartenenti alla cosiddetta ondata del sexploitation. L'immorale Mr. Teas è considerato il capostipite di tale genere.

Sempre in panorama americano, Andy Warhol è ritenuto l'iniziatore del movimento cinematografico underground. Molti dei suoi lavori sono noti per provocare il pubblico, con scene spinte ed erotiche. Fra i più importanti filmati dell'artista, merita particolare attenzione il cult movie Blow Job.

In Europa, bisogna aspettare Blow-Up di Michelangelo Antonioni per vedere il primo nudo integrale femminile.

Alla fine degli anni Sessanta, l'erotismo prende il sopravvento. Il cinema commerciale del vecchio mondo, approfittando del liberalismo statunitense, punta sempre di più a contenuti spinti. L'eros si fonde con la commedia (commedia sexy all'italiana), il thriller ammicca a scene osé (giallo all'italiana), l'horror attinge a contenuti sadomaso (vedi la filmografia di Jess Franco). Alcuni documentaristi si addentrano perfino in night club e riprendono la vita notturna senza tabù (per approfondire, mondo movie).

In Svezia diventa un caso mediatico Io sono curiosa. È un film che rompe definitivamente gli schemi del cinema passato. Alcune scene possono essere considerate come proto-pornografiche.

Gli anni Settanta[modifica | modifica wikitesto]

Il Decameron

Pier Paolo Pasolini realizza la trilogia della vita, un'allegoria che riflette sul concetto di eros e thanatos. I film in questione vengono censurati per oscenità. In Italia molte pellicole sono soggette sempre di più a processi giudiziari. Il caso più celebre è quello di Ultimo tango a Parigi. La Corte suprema di cassazione condanna, in via definitiva, Bernardo Bertolucci per offesa al comune senso del pudore. Nonostante ciò, il lungometraggio incassa, in tutto il mondo, più di 90 milioni di dollari.

Walerian Borowczyk gira La bestia, cult movie noto per alcune sequenze simulate di zoofilia. Sempre in Francia, Histoire d'O è tra i primi film a trattare, in modo esplicito, di sadomasochismo.

Emanuelle mette in luce Sylvia Kristel, sex symbol degli anni Settanta. L'opera genera il filone apocrifo di Emanuelle nera.

In Giappone, emerge una schiera di registi specializzati in cinema softcore. Fra i più celebri, Nagisa Oshima, vincitore, nel 1978, del Prix de la mise en scène al Festival di Cannes.

Paul Morrisey, stretto collaboratore di Andy Warhol, realizza lungometraggi controversi. Insieme a Joe Dalessandro, redige una dilogia horror-erotica.

Dagli anni Ottanta fino al XXI secolo[modifica | modifica wikitesto]

Tinto Brass

Spopola, in Italia e oltreoceano, il cinema di Tinto Brass. L'autore è ricordato, soprattutto, per il caso mediatico de La chiave.

In Spagna, Bigas Luna e Pedro Almodovar dirigono numerosi film osé. Sono i primi cineasti iberici a trattare, nel periodo post-franchista, di eros.

Negli USA, vengono prodotti numerosi blockbuster di genere spinto. Tra i più celebri, 9 settimane e mezzo e Basic Instinct.

Con l'avanzamento della industria pornografica, il genere erotico subisce un declino parziale. A partire dagli anni Duemila, sono sempre meno i film di tale genere. Fra i casi più emblematici, occorre citare il pluripremiato La pianista e La vita di Adele, lungometraggio imperniato su una storia saffica.

Registi[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni fra i registi più noti nel campo erotico sono:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Bertolotti, Guida al cinema erotico & pornografico, Odoya, 2017, ISBN 8862883331.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]