Sylvia Kristel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sylvia Kristel nel 1973

Sylvia Kristel (Utrecht, 28 settembre 1952Amsterdam, 17 ottobre 2012) è stata una modella, attrice e cantante olandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Piet e di Jean Nicholas, campione di tiro a volo e gestore di un albergo a Utrecht, ricevette una severa educazione cattolica e a 17 anni, forse per allentare il rigore della famiglia, decise di intraprendere la carriera di indossatrice. Nel 1973 si iscrisse al concorso di bellezza Miss Tv Europea: la vittoria conseguita le aprì le porte del cinema, dove esordì nello stesso anno con l'erotico L'amica di mio marito. In quel periodo conobbe lo scrittore belga Hugo Claus e fece molti viaggi in giro per l'Europa che le permisero di apprendere l'inglese, il francese, il tedesco e l'italiano.

Sylvia Kristel al Festival di Cannes del 1990

Notata dal regista Just Jaeckin, accettò il ruolo di protagonista del suo film Emmanuelle, cult movie dell'erotismo che la fece diventare una star. Tuttavia, secondo alcuni critici, accettando quella parte la Kristel non si sarebbe più liberata dallo stereotipo del personaggio sexy, impedendole in futuro di partecipare a film più importanti: l'attrice olandese non ascoltò quei moniti ed entrò nel cast di Emmanuelle l'antivergine (1975); Goodbye Emmanuelle (1977) e Emmanuelle 4 (1983).

Musa ispiratrice di Roger Vadim nel suo Una femmina infedele del 1976, dopo Il margine di Walerian Borowczyk, altro film erotico d'autore, partecipò a due pellicole italiane: Letti selvaggi (1979) di Luigi Zampa e Un amore in prima classe (1980) di Salvatore Samperi. Nel 1981 fu poi protagonista de L'amante di Lady Chatterley.

Nel 1981 girò anche il film più controverso della sua carriera, ovvero Lezioni maliziose. La pellicola narra la storia di una badante francese (da lei interpretata) chiamata da un ricco imprenditore affinché educhi sessualmente il figlio. Essendo presenti nel film numerose scene di sesso tra la trentenne Kristel ed il sedicenne Eric Brown, l'attrice ed il regista furono accusati di corruzione di minore. Sylvia deluse inoltre i suoi fan, visto che si scoprì che per le scene di nudo era stata usata una controfigura, l'americana Judy Sheldon. Nel 1984 la Kristel recitò in Un corpo da spiare, biografia semipornografica della spia Mata Hari.

Negli ultimi anni ridusse la sua presenza sul grande schermo, pur senza disdegnare la partecipazione in numerosi lavori erotici, come il nostalgico Emmanuelle 7, altrimenti conosciuto come Emmanuelle forever (2001). Si trasferì ad Amsterdam e diede alla luce un figlio di nome Arthur, diventato anch'egli attore. Nel settembre del 2006, in contemporanea con il compimento dei suoi 54 anni, pubblicò in Francia la sua autobiografia, Nue (Nuda). Il libro uscì in Italia un anno più tardi col titolo Svestendo Emmanuelle. Nel 2009 lavorò a Torino nel film Tv Le ragazze dello swing, interpretando la parte della madre delle tre sorelle olandesi Lescano. Il film venne trasmesso nel settembre del 2010 su Rai Uno in due puntate.

Ammalata di tumore da tempo, il 12 giugno 2012 fu vittima di un ictus e venne ricoverata in ospedale ad Amsterdam in condizioni critiche. Morì quattro mesi dopo, nella notte tra il 17 e 18 ottobre 2012, sempre ad Amsterdam, all'età di 60 anni. È sepolta ad Utrecht, sua città natale[1][2].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sylvia Kristel nel 2007

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1973 - Hey, A Letter Came Today
  • 1975 - Emmanuelle 2

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Svestendo Emmanuelle

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Sylvia Kristel è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Mort de l'actrice Sylvia Kristel, alias "Emmanuelle", atlantico.fr, 18 ottobre 2012. URL consultato il 13 settembre 2014.
  2. ^ Morta Sylvia Kristel, l'Emmanuelle del cinema, repubblica.it. URL consultato il 13 settembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN5126085 · LCCN: (ENnr2001046202 · ISNI: (EN0000 0000 6635 8276 · GND: (DE133345769 · BNF: (FRcb139775490 (data)