Assorbente igienico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Assorbente ignienico esterno di tipo normale (a sinistra) e con le ali (a destra).

L'assorbente igienico è un tampone per l'igiene intima della donna.

Assorbenti igienici[modifica | modifica wikitesto]

Gli assorbenti igienici o assorbenti, sono elementi assorbenti che vengono indossati dalle donne per assorbire il flusso mestruale, dopo aver subito interventi vaginali, in caso di perdita di lochi (fluidi vaginali dopo parto), o a seguito di un aborto, o in qualsiasi tipo di situazione in cui sia necessario assorbire un flusso di sangue dalla vagina.

Gli assorbenti igienici, non vanno confusi con gli assorbenti generali con una assorbenza più elevata per l’incontinenza, indossati da uomini o donne che posseggono problemi di incontinenza urinaria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Attraverso gli anni le donne hanno utilizzato svariati metodi per contenere il flusso mestruale. Gli assorbenti sono stati utilizzati per la prima volta in Suda, quando Ipazia. Si dice abbia tirato un suo assorbente fatto di stracci ad un suo spasimante nel tentativo di scoraggiarlo. Le donne in passato usavano strisce di stoffa ricavate da vecchi vestiti, per trattenere il flusso mestruale.

Gli assorbenti usa e getta, sono stati creati da un’idea di Benjamin Franklin, per fermare il sanguinamento dei soldati feriti in battaglia. Da questa scoperta, Johnson & Johnson nel 1888 crearono i primi usa e getta destinati esclusivamente al pubblico femminile, venduti nello stesso anno in America. Inizialmente le prime ad utilizzare gli assorbenti usa e getta, creati dalle bende ottenute dalla pasta di legno (cellulosa mista a cotone), furono le infermiere, che avevano più facilmente la possibilità di accedervi, anche se troppo costosi da buttare. Kotex, una marca conosciuta all'epoca, sfruttò l’idea delle infermiere, pubblicizzandoli e mettendoli in commercio nel 1888 stesso anno di Johnson & Johnson.

Anche quando gli assorbenti usa e getta vennero messi in commercio, per molti anni ancora le donne, continuarono a fabbricarli da sole da stracci di vestiti vecchi perché gli usa e getta erano troppo costosi. Quando tutti divennero in grado di comprarli, alle donne venne data la possibilità di servirsi da sole nei negozi, mettendo i soldi in una scatola, cosicché non dovessero chiedere ai commessi di farsi dare il prodotto richiesto. Ci vollero molti anni per far sì che gli assorbenti igienici sfatassero il tabù sul ciclo mestruale.

Gli assorbenti usa e getta avevano forma rettangolare, erano fatti di cotone e ricoperti da uno strato assorbente. Originariamente, lo strato assorbente si estendeva su tutta la superficie, incastrandosi in una specie di cintura indossata sotto i pantaloni, che però non manteneva l’assorbente stabile.

L’assorbente munito di cintura sparì nel 1980, quando una striscia adesiva venne posizionata al di sotto dell’assorbente igienico, per far sì che rimanesse fermo e attaccato alle mutandine. Il disegno ergonomico e i materiali usati nel corso degli anni cambiarono dagli anni 80 e continuano a cambiare ancora oggi. Nei primi materiali però, pur possedendo un certo spessore, la trama non era fitta abbastanza da contenere pienamente il flusso mestruale, causando il problema delle fuoriuscite. Una delle variazioni introdotte all'assorbente furono delle piccole “ali”, per contenere meglio il ciclo, riducendo lo spessore dell’assorbente, mantenendolo più stabile. I materiali principalmente usati erano lo sfagno e il poliacrilato; quest’ultimo è un gel assorbente ricavato dal petrolio, come la maggior parte dei materiali usati per gli assorbenti. La parte centrale di esso è fatto da clorino ricavato dal legno, usato di frequente per ridurre lo spessore, con il supplemento del poliacrilato in grado di assorbire liquidi velocemente riuscendo a mantenere la stessa forma anche sotto pressione. Per il rivestimento esterno viene usato il polipropilene non lavorato, ovvero che non è stato precedentemente tessuto, con l’aggiunta di uno strato di polietilene, anch'essi ottenuti dal petrolio. Gli assorbenti igienici tornano di moda tra gli anni '80 e '90, perché col cambiare degli anni le donne iniziarono a richiedere assorbenti che potessero non essere notati sotto i vestiti, comodi, e che facessero loro risparmiare tempo e denaro.

Ancora oggi, nei paesi poco civilizzati, si usa creare assorbenti di fortuna per contenere il flusso mestruale, addirittura creati non solo da stracci ma persino da fango e terriccio.

Tipi di assorbenti igienici[modifica | modifica wikitesto]

Materiali[modifica | modifica wikitesto]

I materiali principalmente utilizzati per produrre gli assorbenti igienici sono, rayon sbiancato ovvero un tipo di cellulosa ricavato dalla pasta di legno; il cotone e la plastica. In aggiunta al loro interno sono inseriti profumi e agenti antibatterici. La parte interna del prodotto è spesso riempita di polvere di polimero perché assorbente, che diventa gel se inumidito.

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

Esistono svariati tipi di assorbenti:

  • Salvaslip- creati per contenere piccole perdite giornaliere o leggere perdite di sangue anche detto spotting, leggere incontinenze urinarie.
  • Regolari- un assorbente di media larghezza a forma rettangolare.
  • Super o maxi assorbenti- un assorbente igienico grande, in grado di assorbire di più rispetto a uno regolare, solitamente utilizzato all'inizio del ciclo mestruale per via della abbondante fuoriuscita di sangue.
  • Gli assorbenti detti “overnight”- gli assorbenti che hanno una superficie più lunga, per essere più protetti nel caso venga indossato quando si è stesi, con una assorbenza in grado di durare tutta la notte.
  • Gli assorbenti igienici per la maternità- questo tipo di assorbente è solitamente più lungo rispetto a quelli super/maxi, disegnati appositamente per assorbire i lochi, ovvero i fluidi che fuoriescono dalla vagina dopo il parto, e possono anche assorbire eventuali perdite di urina.
  • Assorbenti interni o tamponi- gli assorbenti interni sono piccoli cilindri con attaccato in fondo una piccola cordicella, fatti di materiali assorbente che possono essere rayon o il cotone, utilizzati principalmente come prodotto di igiene femminile.

La forma, la capacità di assorbenza e la lunghezza possono variare dalla fabbrica che li produce come i profumi utilizzati, ma solitamente quelli usati durante il giorno sono più sottili e meno lunghi, al contrario di quelli utilizzati di notte che sono più lunghi e larghi.


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4466444-8