Film politico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Per film politico (anche film civile[1] o film d'impegno civile[2]) si intende un'opera cinematografica, sia di finzione che documentaria, che si ispira a una realtà sociale, politica, culturale o religiosa, allo scopo di analizzarla o denunciarne specifiche problematiche.

Registi principali[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni registi che hanno portato avanti un cinema di questo tipo sono il greco Costa-Gavras (Z - L'orgia del potere, 1969), il francese Jean-Luc Godard (Lotte in Italia, 1970), l'olandese Joris Ivens (L'Italia non è un paese povero, 1960), il britannico Ken Loach (Terra e libertà, 1995), gli italiani Elio Petri (La classe operaia va in paradiso, 1971) e Francesco Rosi (Il caso Mattei, 1971), gli statunitensi Michael Moore (Fahrenheit 9/11, 2004) e Oliver Stone (JFK - Un caso ancora aperto, 1991), il sudamericano Fernando Ezequiel Solanas (Sur, 1988).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il cinema civile di Ferrara che raccontò la Sicilia del falso boom - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 23 ottobre 2016.
  2. ^ Il cinema dell'impegno civile - Cineteca di Bologna, su www.cinetecadibologna.it. URL consultato il 23 ottobre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]