Un caso di coscienza (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un caso di coscienza
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1970
Durata113 min
Generecommedia
RegiaGiovanni Grimaldi
SoggettoLeonardo Sciascia (dall'omonimo racconto)
SceneggiaturaGiovanni Grimaldi
ProduttoreMaurizio Lodi Fe'
Casa di produzioneMars Film
Distribuzione (Italia)Paramount Pictures
FotografiaAldo Greci
MontaggioDolores Tamburini
MusicheRiz Ortolani
ScenografiaVincenzo Del Prato
CostumiGiulia Mafai
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Un caso di coscienza è un film girato da Giovanni Grimaldi nel 1969 ed uscito nel 1970.

Il racconto di Leonardo Sciascia che è alla base del film è stato pubblicato in volume da Einaudi, insieme ad altre storie di ambiente siciliano, con il titolo Il mare colore del vino.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Salvatore Vaccagnino è un giovane avvocato del piccolo comune catanese di Maddà, che esercita a Roma dove ha un'amante. Un giorno, sul treno di ritorno verso il suo paese, legge su un rotocalco femminile una lettera, non firmata, di una sua concittadina che "confessa" d'aver tradito il marito con un "mezzo parente". L'avvocato, sicuro della fedeltà della propria moglie, mostra la rivista agli amici del circolo - che raccoglie tutti i notabili del paese - per provocarne la reazione e divertirsi alle loro spalle. In men che non si dica, i signori coinvolti iniziano a formulare tra loro divertite e velenose ipotesi sull'identità dell'autrice della lettera ma sospettando, in privato, ognuno della propria consorte.

Location[modifica | modifica wikitesto]

Il paese siciliano di Maddà è immaginario ma le riprese sono state fatte nella cittadina catanese di Zafferana Etnea.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]