Un caso di coscienza (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un caso di coscienza
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1970
Durata 113 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Giovanni Grimaldi
Soggetto Leonardo Sciascia (dall'omonimo racconto)
Sceneggiatura Giovanni Grimaldi
Produttore Maurizio Lodi Fe'
Casa di produzione Mars Film
Distribuzione (Italia) Paramount Pictures
Fotografia Aldo Greci
Montaggio Dolores Tamburini
Musiche Riz Ortolani
Scenografia Vincenzo Del Prato
Costumi Giulia Mafai
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Un caso di coscienza è un film girato da Giovanni Grimaldi nel 1969 ed uscito nel 1970.

Il racconto di Leonardo Sciascia che è alla base del film è stato pubblicato in volume da Einaudi, insieme ad altre storie di ambiente siciliano, con il titolo Il mare colore del vino.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Salvatore Vaccagnino un giovane avvocato del piccolo comune catanese, chiamato Maddà. Legge su un rotocalco femminile, nella rubrica di corrispondenza tenuta da un sacerdote - la lettera, naturalmente anonima, di una sua concittadina, che confessa d'aver tradito il proprio marito, con un parente "di mezzo sangue ". L'avvocato, sicuro della fedeltà della propria moglie. Mostra la rivista, agli amici del suo club, frequentato per lo più, dai più rispettabili cittadini di Maddà. In men che non si dica, tutti si domandano, chi possa essere la donna dell'articolo. Ognuno di loro è sicuro della propria moglie, ma più di uno..... riceverà una spiacevole rivelazione.

Location[modifica | modifica wikitesto]

Il paese siciliano di Maddà non esiste nella realtà ma quello che ha fatto da sfondo al film è quello della provincia catanese di Zafferana Etnea.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]