Gianfranco De Bosio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gianfranco De Bosio

Gianfranco De Bosio (Verona, 16 settembre 1924) è un regista, sceneggiatore, impresario teatrale, docente ed ex partigiano italiano È chiamato il sergente di ferro del teatro italiano per la grande tempra e per il suo indire giornate lavorative di sedici ore[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Resistenza, a Verona, fu un esponente di spicco della lotta contro il nazifascismo e fu uno dei componenti del CLN provinciale al comando di Renato, ossia Otello Pighin. Ha iniziato la sua attività da studente, presso il teatro dell'Università degli Studi di Padova, da lui fondato, legando il proprio nome alla riscoperta del Ruzante e alla presentazione delle sue opere in edizioni filologicamente attendibili. Si laurea nel 1946 in Letteratura francese con una tesi su Molière, con il professor Diego Valeri[2].

Ha diretto il Teatro Stabile di Torino dal 1957 al 1968. È stato Sovrintendente dell'Ente Lirico Arena di Verona dal 1968 al 1970 e dal 1992 al 1998.

Tra le sue regie teatrali spiccano accanto a quelle dei testi ruzantiani, La resistibile ascesa di Arturo Ui (1961), di Brecht, Il bugiardo (1963), Le donne de casa soa (1986) e altre commedie di Goldoni, Le mani sporche (1964), di Sartre.

Ha anche diretto tre film: Il terrorista (1963), La Betìa ovvero in amore, per ogni gaudenza, ci vuole sofferenza (1971) e Mosè (1976).

Al Teatro Verdi (Trieste) nel 1964 cura la regia di La Périchole, con Ugo Savarese, e nel 1969 di Der Freischütz, con Virginia Zeani e Nicola Rossi-Lemeni.

All'Arena di Verona debutta con la regia di Romeo e Giulietta (Gounod) nel 1977. Nel 1979 è la volta di Mefistofele di Arrigo Boito e nel 1982, Otello e la rievocazione dell’Aida del 1913 (diciassette edizioni), portata anche in trasferta in Svizzera, in Germania, a Vienna, Tokyo ed Israele. Nel 1987 cura La traviata e nel 1991 Nabucco, riproposto per cinque stagioni. Nel 2011, 2012 e 2013 riprende le due regie di Aida e Nabucco.

Al Teatro La Fenice di Venezia nel 1980 cura la regia di Maria de Rudenz, con Katia Ricciarelli, nel 1986 Attila, con Samuel Ramey e nel 1988 I quatro rusteghi, con Ivo Vinco ed Ugo Benelli.

Dal 1998 è docente presso la Scuola del Piccolo Teatro di Milano[2].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regie opere liriche[modifica | modifica wikitesto]

Regie teatro prosa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79170313 · ISNI (EN0000 0001 0919 2203 · SBN IT\ICCU\RAVV\050564 · LCCN (ENn84178804 · GND (DE119420511 · BNF (FRcb13954531s (data) · WorldCat Identities (ENn84-178804