Flavio Calzavara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Flavio Calzavara (Istrana, 21 febbraio 1900Treviso, 10 marzo 1981) è stato uno sceneggiatore e regista italiano.

Flavio Calzavara.jpg

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in provincia di Treviso, si laurea in scienze del diritto, successivamente attratto dal mondo dello spettacolo dirige alcuni lavori teatrali, per trasferirsi in Argentina nel 1927, dove prosegue la sua attività di sceneggiatore e regista teatrale.

Torna in Italia nel 1933, stabilendosi a Roma, si avvicina al mondo del cinema in un periodo di grande attività delle case di produzione, diventa prima assistente alla regia di Alessandro Blasetti e poi di Romolo Marcellini, per poi occuparsi in prima persona di sceneggiature e regia.

Esordisce come regista con il film Piccoli naufraghi (1939), storia di 13 ragazzi che naufragano su di un'isola deserta e riescono a sventare un traffico illegale di armi contro l'Italia. La pellicola alla sua uscita ha un grande successo di pubblico e critica, buona la recensione sulla rivista "Cinema" da parte del giovane Michelangelo Antonioni.

Collabora in ben quattro film con l'attrice di punta del regime Doris Duranti. Una delle opere più riuscite di questo sodalizio artistico è la pellicola Carmela del 1942, raffinato esempio di cinema calligrafico. Il film è celebre per la sequenza in cui la Duranti si strappa la camicetta, mostrando il seno. Si tratta del secondo seno nudo della storia del cinema italiano, preceduto di qualche mese da quello di Clara Calamai nel blasettiamo La cena delle beffe (1941).

Nel 1944, dopo aver aderito alla Repubblica Sociale di Salò a Venezia dove gira il film Peccatori (1945), si trasferisce in Spagna dove realizza il film El curioso impertinente (1948) che uscirà soltanto nel 1950.

Dal 1950 torna in Italia e lavora ad una serie di film soprattutto con tematiche popolari, tra drammi sentimentali e commedie musicali.

Si ritira dal cinema nel 1958 e trascorre la sua ultima parte di vita a Treviso dove muore nel 1981.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario dei registi, di Pino Farinotti
  • Dizionario Bolaffi del cinema italiano, i registi, Torino 1975

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN46502289 · LCCN: (ENno2005092535 · ISNI: (EN0000 0001 1443 182X · BNF: (FRcb14671924x (data)