I due derelitti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I due derelitti
Titolo originale I due derelitti
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1951
Durata 115 min
Colore B/N
Audio mono
Genere drammatico
Regia Flavio Calzavara
Soggetto dal romanzo omonimo di Pierre Decourcelle
Sceneggiatura Giuseppe Mangione, Domenico Meccoli, Pierre Decourcelle
Produttore Raffaele Colamonici e Umberto Montesi
Distribuzione (Italia) Colamonici-Montesi
Interpreti e personaggi

I due derelitti è un film del 1951 del regista Flavio Calzavara, tratto dal romanzo Les dux gosses di Pierre Decourcelle. Fu distribuito nelle sale il 14 novembre 1951.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

"Drammone a forti tinte con bimbi rapiti, adulteri senza peccato, nobili malvagi e tremebondi zingari ricattatori (...). Film che è tratto da un romanzo d'appendice francese e che avrà senza alcun dubbio un ottimo successo provinciale. Per il resto normale amministrazione da orfanotrofio (...)". (F. Gabella, "Intermezzo", n. 4 del 29/2/1952).

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film recita un giovanissimo Antonio Barone, che poi diventerà professore di fisica all'Università di Napoli Federico II e uno dei massimi esperti di superconduttività in Italia e nel mondo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In ricordo di Antonio Barone, Società italiana di fisica

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema