Resurrezione (film 1944)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Resurrezione
Titolo originaleResurrezione
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1944
Durata90 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37 : 1
Generedrammatico, storico
RegiaFlavio Calzavara
SoggettoLev Nikolaevič Tolstoj
SceneggiaturaTomaso Smith, Corrado Alvaro, Gian Paolo Callegari, Flavio Calzavara, Italo Cremona
Produttore esecutivoEugenio Fontana
Casa di produzioneIncine-Scalera Film
Distribuzione (Italia)Pittaluga
CostumiGino Carlo Sensani Italo Cremona
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Resurrezione è un film del 1944 diretto da Flavio Calzavara, una delle numerose versioni cinematografiche tratte dall'omonimo romanzo di Lev Tolstoj.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Russia 1899. Una ragazza che lavora come domestica e dama di compagnia presso due anziane signore, si innamora del loro nipote, un affascinante giovane ufficiale; credendosi riamata inizia una relazione con l'uomo che però ben presto la lascia per tornare a Pietroburgo.La donna, rimasta in attesa di un bambino viene cacciata e per sopravvivere è costretta a prostituirsi, Perde il bambino e viene accusata di meretricio. Al processo incontra, in qualità di giurato, il suo seduttore che vorrebbe salvarla ma è impossibilitato ad ottenere l'assoluzione. Sarà deportata in Siberia per quattro anni, lui la segue per espiare la sua colpa. Inizialmente lei cercherà di allontanarlo, provando persino a convincerlo che ama un altro prigioniero, ma lentamente si riavvicineranno.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Il film fu prodotto dalla Industria Cinematografica Italiana (INCINE) e dalla Scalera Film. Distribuzione PITTALUGA, girato negli Studi della SCALERA Film.
  • Probabilmente Gino Carlo Sensani (nessun nome di costumista appare sui titoli) si occupò solo dei costumi di Doris Duranti, come si ricava da un'intervista a Maria Baronj, all'epoca assistente di Sensani, che ricordava come avesse aiutato il Maestro a preparare il materiale per vestire una biondissima Duranti nel ruolo di Caterina Màslova, contadina russa. Nei titoli non appare neppure il nome del creatore delle musiche.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione PITTALUGA, il film uscì nelle sale cinematografiche italiane l'8 maggio 1944 il visto della censura è dell'8 novembre 1944.

Stampa[modifica | modifica wikitesto]

Tutto poteva essere vivificato dalla presenza di un'attrice. Ma l'attrice non è Doris Duranti, all'inizio, come prostituta ha infatti accenti morbidi e vacui, assenti, di una contenuta e indubbia efficacia, poi alla Màslova giovinetta e alla Màslova carcerata, non sa dare le indispensabili vibrazioni," (M. Gromo "La Nuova Stampa", 30 novembre 1945

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema