Giacomo Colli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giacomo Colli (Brescia, 1928Desenzano del Garda, 22 aprile 1994) è stato un regista italiano.

Diplomato in regia all'Accademia d'Arte Drammatica di Roma, è stato assistente di Orazio Costa e di Giulio Pacuvio. Nel 1956 ha avuto la sua prima collaborazione con il Teatro Stabile di Torino. Per esso il giovane Colli nel 1959 ha diretto La giustizia di Giuseppe Dessì con gran successo di critica e di pubblico e guadagnandosi la Grolla d'oro del Premio Saint-Vincent per il cinema italiano 1958-59 per la regia.

Ha poi collaborato con gli Stabili dell'Aquila, di Trieste, Napoli, Palermo e Catania, inscenando opere di Goldoni e di altri autori italiani e stranieri. Innamorato della Sardegna fin dalla messa in scena torinese di La Giustizia di Giuseppe Dessì, è stato socio fondatore e direttore artistico della Cooperativa Teatro di Sardegna, una delle poche realtà cooperative in Italia. Con la compagnia di teatro sarda Giacomo Colli ha allestito, tra l'altro, nel 1972, Quelli dalle labbra bianche di Francesco Masala, nel 1993 La visita di Giulio Angioni e una rivisitazione delle farse spagnole del Siglo de oro[1].

Dagli anni '80 ha collaborato con l'antica compagnia teatrale I guitti e con essa ha approfondito lo studio della produzione goldoniana nei suoi rapporti con la commedia dell'arte.

Con la RAI ha curato la regia di molte opere teatrali, di molti sceneggiati radiofonici e televisivi e di vari programmi culturali anche di tipo scolastico[2].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su archivio.agi.it. URL consultato il 25 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2016). Agenzia Italia 1994
  2. ^ Fondo Colli