La piramide di fango

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La piramide di fango
AutoreAndrea Camilleri
1ª ed. originale2014
Genereromanzo
Sottogeneregiallo
Lingua originalesiciliano
AmbientazioneVigata
ProtagonistiSalvo Montalbano
Preceduto daUn covo di vipere
Seguito daMorte in mare aperto e altre indagini del giovane Montalbano

La piramide di fango è un romanzo di Andrea Camilleri pubblicato nel maggio 2014 dalla casa editrice Sellerio di Palermo che ha come protagonista il commissario di polizia siciliano Salvo Montalbano.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il commissario Montalbano si sveglia a causa di un forte temporale. Dopo aver ascoltato le previsioni del tempo, ricorda il sogno che aveva fatto: era in una galleria ed era seguito da un ragazzo il quale riportava una ferita e non riusciva a tenere il suo passo. Intanto l'agente Fazio, chiamandolo sul cellulare, lo informa che è stato trovato in un cantiere un cadavere. È il cadavere di Giugiù Nicotra. Il commissario, in seguito ad un inizio molto scialbo, nel quale è molto disinteressato dalla indagine, riesce a seguito di grandi scoperte e intuizioni, a capire la causa del delitto e, completando una brillante indagine, riesce a incastrare i colpevoli e a "fare un buco nella piramide di fango" e decapitarla. Ancora una volta è infiltrata la mafia vigatese, in una storia di appalti e riciclaggio di denaro sporco. Intanto Livia incontra Selene, una cagnetta che le allevia il dolore per la morte di François. Alla fine della indagine il commissario va a farle visita a Boccadasse, portando anche un regalo per Selene.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]