Skira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Skira
StatoItalia Italia
Fondazione1928 a Losanna
Fondata daAlbert Skira
Sede principaleMilano
Sito web

Skira è una casa editrice italiana di libri d'arte, fondata nel 1928 a Losanna, in Svizzera, da Albert Skira[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La casa editrice Skira fu fondata nel 1928 da Albert Skira nella città svizzera di Losanna. La sede centrale fu rapidamente trasferita a Ginevra, dove la casa editrice divenne presto un punto di riferimento per gli ambienti artistici europei. Celebri sono le sue pubblicazioni delle Metamorfosi di Ovidio, illustrate da Picasso e le ‘'Poèsies'’ di Stéphane Mallarmé accompagnate da alcune incisioni di Matisse.

Negli anni Trenta aprì una sede a Parigi, attorno alla quale si raccolsero gli artisti surrealisti che iniziarono a pubblicare la rivista Minotaure, diretta da André Breton. Tra gli anni Cinquanta e Sessanta Skira diviene la più importante casa editrice d’arte sulla scena internazionale,[senza fonte] pubblicando in tutte le lingue e il suo marchio divenne ormai sinonimo di qualità.

Nel 1973 Albert Skira muore prematuramente e per la casa editrice inizia un lento declino. Skira cambia proprietà svariate volte, finché nel 1996 viene acquistata dall'italiana Electa. La sede principale viene trasferita a Milano nel cinquecentesco Palazzo Casati Stampa. Il marchio Skira riprende il suo antico splendore e la casa editrice ritrova il suo ruolo di punto di riferimento internazionale.[senza fonte] Nel 2002 il gruppo Rizzoli-Corriere della Sera sviluppa una collaborazione con Skira, entrando con una quota di partecipazione nella casa editrice d'arte. Rizzoli New York diviene il distributore di Skira negli Stati Uniti e in Canada.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]