Il Caffè illustrato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il Caffè illustrato
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàbimestrale
Genereletteratura, critica letteraria, illustrazione e arte visiva
Formato33 x 23 cm.
Fondazionegiugno 2001
SedeVia Flaminia, 854 - Roma
EditoreIncipit srl
Sito web
 

Il Caffè illustrato è un bimestrale, come dice il sottotitolo "di parole e immagini", fondato nel 2001 e diretto da Walter Pedullà[1]

Comprende un editoriale ("I fondi del caffè"), e un "dossier" centrale monografico con fotografie e illustrazioni (e spesso degli inediti dell'autore preso a tema della sezione), oltre a racconti, poesie e saggi divisi in sezioni ("l'oggidì", "classici illustrati", "narrazioni", "inchieste", "esplorazioni di terre emerse", "liberi pensatori", "la mia più bella stroncatura", "i classici del ridere" ecc.). L'impostazione grafica è di Antonio Romano. La redazione è composta da Gabriele Pedullà e Vincenzo Ostuni.

Monografie[modifica | modifica wikitesto]

Collaboratori[modifica | modifica wikitesto]

Vi hanno contribuito tra gli altri Giorgio Agamben, Roberto Alajmo, Paolo Albani, Silvia Ballestra, Alfonso Berardinelli, Luca Bombardieri, Giuseppe Bonaviri, Leonardo Bonetti, Nino Borsellino, Antonino Bove, Mariarosa Bricchi, Antonio Castronuovo, Ermanno Cavazzoni, Stanley Cavell, Gianni Celati, Vincenzo Cerami, Guido Ceronetti, Daniil Charms, Franco Cordelli, Ugo Cornia, Andrea Cortellessa, Serge Daney, Evelina De Signoribus, Enzo Di Mauro, Paolo Di Stefano, Doriano Fasoli, Massimo Ferretti, Giulio Ferroni, Luigi Forte, Biancamaria Frabotta, Stefano Gallerani, Joël Gayraud, Aldo Gianolio, Giovanni Greco, Michel Houellebecq, Lucio Klobas, Aleksej Krucenyk, Nicola Lagioia, Filippo La Porta, Carlo Lapucci, Ivan Levrini, Valerio Magrelli, Luigi Malerba, Raffaele Manica, Joyce Mansour, Michele Mari, Javier Marías, Predrag Matvejević, Giuseppe Mazzaglia, Renato Minore, Pasquale Misuraca, Emiliano Monreale, Gabriele Nesti, Raffaele Nigro, Salvatore Silvano Nigro, Awa Mirelle Nomyou, Paolo Nori, Matteo Nucci, Massimo Onofri, Vincenzo Ostuni, Tommaso Ottonieri, Graziella Pace, Elio Pagliarani, Romana Petri, Tommaso Pincio, Gilda Policastro, Graziella Pulce, Massimo Raffaeli, Christian Raimo, Maurizio Salabelle, Enzo Sallustro, Luca Scarlini, Domenico Scarpa, Maria Luisa Spaziani, Laura Sturma Fanelli, Emanuele Trevi, Mauro Valentini, Paolo Zanotti, Ero Zoni.

Tra gli illustratori Gianni Allegra, Gigi Cappa Bava, Riccardo Cecchetti, Andrea Cecchi, Mara Cerri, Mauro Cicarè, Sara Colaone, Lido Contemori, Michele Damiani, Lino Di Lallo, Pablo Echaurren, Riccardo Falcinelli, Otto Gabos, Francesca Ghermandi, Timofej Kostin, Sybille Lewitscharoff, Simone Marinelli, Gastone Mencherini, James Metelli, Stefano Navarrini, Carlotta Patara, Lara Quattrini, Elena Recchia, Mario Rivelli, Alberto Sughi, Gerry Turano, Ervin Weber, Silvia Ziche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nei primi due numeri risultavano in direzione anche Ermanno Cavazzoni e Gianni Celati.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]