Stephen Vizinczey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stephen Vizinczey

Stephen Vizinczey (Káloz, 12 maggio 1933) è uno scrittore ungherese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le prime pubblicazione di Vizinczey sono poesie che sono apparse nella rivista di György Lukács di Budapest Forum nel 1949, quando lo scrittore aveva 16 anni. Studiò all'università di Budapest e si laureò alla accademia di arte teatrale e cinematografica della città nel 1956. A quel tempo scrisse due trame L'ultima parola e Mama, che furono banditi dal regime comunista ungherese. Prese parte alla Rivoluzione ungherese del 1956, e dopo una breve permanenza in Italia, andò in esilio in Canada sapendo solo una cinquantina di parole di inglese, e alla fine prese la cittadinanza canadese. Imparò l'inglese scrivendo per il Canada's National Film Board e per la CBS. Nel 1966 si spostò a Londra.

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Elogio delle donne mature[modifica | modifica wikitesto]

Elogio delle donne mature (In Praise of Older Women) è un romanzo di formazione (bildungsroman) nel quale il narratore ha incontri sessuali con donne sui 30, 40 anni, in Ungheria, Italia e Canada. Nel 2001 viene tradotto per la prima volta in francese e diviene un best seller in Francia. Con questo libro l'autore ha vinto il Premio Elba, inoltre sono stati girati due film: una prima produzione canadese e una successiva spagnola.

Un innocente milionario[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicato per la prima volta nel 1983, il romanzo racconta la storia di Mark Niven, figlio di un attore statunitense che conduce una vita incerta in Europa. Il romanzo è stato lodato dalla critica, inclusi Graham Green e Anthony Burgess. Quest'ultimo ha scritto che Vizinczey potrebbe "insegnare all'inglese a come scrivere in inglese".

Ha anche scritto romanzi:

  • The man with the magic touch (1994)
  • If Only (2016)

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

Vizinczey ha anche scritto due saggi su letteratura, filosofia e politica: Le Regole del Caos (The Rules of Chaos) (1962) e Verità e Bugie in letteratura (Truth and Lies in Literature) (1985).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7562893 · ISNI (EN0000 0001 0867 4737 · LCCN (ENn84135114 · GND (DE128989548 · BNF (FRcb13614234n (data) · WorldCat Identities (ENn84-135114