Andrea Kerbaker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Andrea Kerbaker (Milano, 1º ottobre 1960) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha pubblicato libri di narrativa e saggistica tradotti in molte lingue del mondo. Tra gli ultimi, il saggio Lo stato dell'arte sulla valorizzazione del patrimonio culturale italiano (Bompiani, 2007), il romanzo Coincidenze (Bompiani, 2008), Lo scaffale infinito[1] (Ponte alle Grazie, 2013), Breve storia del libro[2] (a modo mio) (Ponte alle Grazie, 2014) e Celebrity (La nave di Teseo, 2019).

Laureato in Lettere a Milano, ha lavorato per vent'anni nella comunicazione dell'industria privata, occupandosi prevalentemente di organizzazione culturale. Tra le sue iniziative, i concerti al Colosseo a Roma durante l'amministrazione Veltroni e le letture di Dante a cura di Vittorio Sermonti in Santa Maria delle Grazie a Milano.

Insegna Istituzioni e Politiche Culturali all'Università Cattolica del Sacro Cuore, collabora con il Corriere della Sera e con il supplemento domenicale de Il Sole 24 ORE.

È segretario del Premio Bagutta, il più antico riconoscimento letterario italiano.

Dall'età di diciassette anni colleziona libri: arrivato a circa 30.000, ne ha raccolta gran parte nella Kasa dei Libri a Milano, dove ha sede il suo studio e si svolgono manifestazioni culturali legate al tema.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Premio Bagutta Opera Prima (Fotogrammi, Scheiwiller, 1996)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ponte alle Grazie, Lo scaffale infinito, su ponteallegrazie.it.
  2. ^ Ponte alle Grazie, Breve storia del libro (a modo mio), su ponteallegrazie.it.
Controllo di autoritàVIAF (EN87017480 · ISNI (EN0000 0000 8161 6026 · SBN IT\ICCU\CFIV\087104 · LCCN (ENnr2003033131 · GND (DE139429441 · BNF (FRcb145862367 (data)