Gilberto Isella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gilberto Isella

Gilberto Isella (Lugano, 25 giugno 1943) è un poeta, traduttore e critico letterario svizzero di lingua italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Lugano nel 1943, Gilberto Isella ha studiato letteratura italiana e filosofia all'Università di Ginevra. È membro di redazione della rivista “Bloc notes”, di cui è stato uno dei promotori nel 1979, vicepresidente del Centro Pen della Svizzera Italiana e animatore culturale. Collabora a diversi giornali e riviste, con articoli di critica letteraria. Si è occupato di autori del passato (da Dante all'Ariosto) e contemporanei (Piero Bigongiari, Guido Ceronetti, Jacques Dupin, ecc.). Ha curato un'antologia di scritti dell'artista Mario Marioni, Fogli vagabondi (pref. di Pietro Gibellini, Casagrande, 1994), e, in collaborazione con Tiziano Salari, la silloge poetica Armageddon e dintorni di Giovanni Ramella Bagneri (Insula, 2011).

Si è interessato anche di cinema, scrivendo sceneggiature per fiction e documentari di Adriano Kestenholz. Per il teatro ha scritto Messer Bianco vuole partire, realizzato allo Studio Teatro Foce di Lugano nel 2009.

Ha tradotto dal francese una silloge poetica di Charles Racine (Stupore celeste, Casagrande, 2001), la raccolta Scarto di Jacques Dupin (Opera Nuova, 2011) e la raccolta Io scrivo ciò che è vivere di Bernard Vargaftig (ADV Publishing House, 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le vigilie incustodite (pref. di Guido Ceronetti), Bellinzona, Casagrande, 1989. Copertina di Franco Francese (Premio Schiller).
  • Leonessa, Lugano, Laghi di Plitvice, 1992.
  • Discordo prosa e poesie, Locarno, Dadò 1993. Incisioni di Samuele Gabai (Premio Schiller).
  • Apoteca, Torino, L'Angolo Manzoni Editrice 1996. Incisioni di Massimo Cavalli (Premio Sertoli Salis).
  • Baltica, prose, Balerna, Edizioni Ulivo, 1999.
  • I boschi intorno a Sils-Maria (pref. di Grytzko Mascioni), Sondrio, Officina del libro, 2000. Incisioni di Valerio Righini.
  • Krebs, Balerna, Edizioni Ulivo, 2000. Incisioni di Fiorenza Casanova.
  • Nominare il caos (pref. Jean-Jacques Marchand), Locarno, Dadò, 2001.
  • Dado a punte, Milano, Upiglio, 2003. Incisioni di Alessandra Angelini.
  • Guernica e lo straniero, prosa critica, Balerna, Edizioni Ulivo, 2004.
  • In bocca al vento, Falloppio, LietoColle 2005. Copertina di Fiorenza Casanova.
  • Fondamento dell'arco in cielo, Viganello, alla chiara fonte, 2005. Disegni di Enrico Della Torre.
  • Corridoio polare (postfaz. di Vincenzo Guarracino), Bologna, Book Editore, 2006. Copertina di Giorgio Larocchi (Premio Lorenzo Montano, Premio Schiller).
  • Wild Contact, Lugano, Anaedizioni, 2007. Disegni di Renzo Ferrari e foto di Dario Ghisletta.
  • Taglio di mondo (postfaz. di Giorgio Luzzi), Lecce, Manni, 2007. Copertina di Renzo Ferrari.
  • Messer Bianco vuole partire, azione scenica, Viganello, alla chiara fonte, 2008.
  • Inneschi, Bollate (Milano), Signum edizioni d'arte, 2009. Collages di Enrico Della Torre.
  • Mappe in controluce (postfaz. di Vincenzo Guarracino), Bologna, Book Editore, 2011. Copertina di Mauro Valsangiacomo (Premio Giuseppe Dessì 2012).
  • Variabili spessori, Viganello, alla chiara fonte, 2011. Intervento grafico di Mauro Valsangiacomo.
  • Censuralbe, Milano, Il robot adorabile, 2012. Con tempere di Adalberto Borioli.
  • Preludio e corrente per Antoni, Bellinzona, Salvioni Edizioni, 2012. Con incisioni di Loredana Müller Donadini.
  • Caro aberrante fiore, Lugano, Edizioni Opera Nuova, 2013.
  • Mobilune, Bellinzona, Salvioni Edizioni, 2015. Con incisioni di Loredana Müller.
  • Liturgia minore, Falloppio, Lietocolle, 2015.
  • L'occhio piegato, Bologna, Book Editore, 2015. Prefazione di Vincenzo Guarracino.
  • Acque aperte acque chiuse, [Milano], 2016. Con un'incisione di Adalberto Borioli.
  • Berndard Vagaftig, Io scrivo ciò che è vivere, Lugano, ADV Publishing House, 2016. Traduzione e cura di Gilberto Isella.
  • Gilberto Isella per Enrico Della Torre, Materie se non luci, Lugano, Pagine d'Arte, 2017

In collaborazione con Janis Rokpelnis (edizione bilingue italiana-lèttone):

  • Lugano incontra Riga- Riga satiek Luganu, Bellinzona, Casagrande, 2009.

Multimediale[modifica | modifica wikitesto]

  • Oltre i recinti, performance poetico-digitale. In collaborazione con Adriano Kestenholz. Produzione Aleph film, 2014.

Su Gilberto Isella[modifica | modifica wikitesto]

È presente in diverse antologie, tra le quali Cento anni di poesia nella Svizzera italiana (a cura di G. Bonalumi, R. Martinoni e P.V. Mengaldo), Dadò, 1997, 80 poeti contemporanei. Omaggio a Luciano Erba (a cura di S. Ramat), Interlinea, 2003 e Omaggio alla poesia Italiana (a cura di G. Barberi Squarotti e F. Esposito), Microprovincia, 2004.

Sull'opera e la poetica in generale: G. Luzzi, Per Gilberto Isella, “Bloc notes” 34, 1996, e Poeti allo specchio: Isella-De Marchi-Rossi (a cura di R. Castagnola e M. Praloran), Casagrande, 2009.

In occasione del Premio Schiller 2007, la rivista “Quaderni grigionitaliani” 1, 2008, gli ha dedicato un Dossier (con saggi di A. Roncaccia, F. Ermini e J.J. Marchand).

Per la bibliografia critica, fino al 2008, si consulti il saggio monografico di Raffaella Castagnola Le cosmologie del poeta. La sovversione delle forme in Gilberto Isella, Edizioni Le Ricerche, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN27120342 · SBN: IT\ICCU\LO1V\031537 · BNF: (FRcb12236688r (data)