Gianni Canova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gian Battista "Gianni" Canova (Castione della Presolana, 16 febbraio 1954) è un critico cinematografico, saggista e accademico italiano.

È pro-rettore alla Comunicazione, eventi e rapporti con le istituzioni culturali e preside della Facoltà di Comunicazione, Relazioni Pubbliche e Pubblicità della Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano, dove è anche docente di Storia e Critica del Cinema e di Filmologia.

Fonda insieme a Max Stèfani nel maggio 1993 e dirige fino al dicembre 2010 il mensile di cinema Duel, che dieci anni più tardi (nel dicembre 2003) si trasforma in duellanti, confermandosi come punto di riferimento imprescindibile della critica cinematografica indipendente in Italia. Fa inoltre parte del comitato direttivo di Segnocinema e collabora attivamente alla rivista "Il Mucchio Selvaggio" dal 1990 al 2000. È stato critico cinematografico per la Repubblica, Sette del Corriere della Sera e per La Voce di Indro Montanelli.

È autore di David Cronenberg (1994), L'alieno e il pipistrello, La crisi della forma nel cinema contemporaneo (1999) e L'occhio che ride. Commedia e anticommedia nel cinema italiano contemporaneo (1999). È stato critico ufficiale della piattaforma satellitare Stream TV e attualmente svolge la medesima mansione per i canali satellitari Sky Cinema.

È' stato responsabile delle recensioni cinematografiche di Saturno, diretto da Riccardo Chiaberge, inserto culturale del venerdì del Il Fatto Quotidiano, dalla breve vita. È membro del comitato scientifico della rivista G|A|M|E[1], dedicata al post-cinema, nuove identità mediali e critica e teoria comparata dei videogiochi.

Esordisce nel 2010 nel panorama della narrativa italiana con Palpebre, un thriller cupo e visionario.

Recita nel film Pecore in erba del 2015, diretto da Alberto Caviglia.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

È autori di diversi libri:

Inoltre ha curato la prefazione o l'introduzione di:

  • A cura di Gisella Bochicchio, Susanna Spezia, Robert Altman, Prefazione di Gianni Canova, Dino Audino Editore
  • A cura di Pietro Baj, Abel Ferrara, Prefazione di Gianni Canova, Dino Audino Editore
  • A. Addonizio, G. Carrara, M. De Simone, R. Lippi, E. Premuda, M. Romano, P. Spina, Il Dogma della libertà, Conversazione con Lars von Trier, Introduzione di Gianni Canova, Edizioni Della Battaglia

Docente Universitario[modifica | modifica wikitesto]

Professore Ordinario presso la Libera Università di Lingue e Comunicazione - IULM di Milano:

Laurea Triennale in "Comunicazione media e pubblicità":

  • Storia e tecnica del Linguaggio cinematografico
  • Teorie e tecniche dell'audiovisivo
  • Storia del cinema italiano
  • Linguaggi del cinema e della Tv

Laurea Specialistica in "Televisione, cinema e produzione multimediale":

  • Filmologia

Interessi[modifica | modifica wikitesto]

Aree di interesse scientifico

  • Cinema: storia, teoria, tecniche.
  • Visual Culture: forme e dispositivi del visibile
  • Televisione e media audiovisivi
  • Estetiche visuali della contemporaneità.

www.giannicanova.it http://www.iulm.it/wps/wcm/connect/iulmit/iulm-it/personale-docenti/istituto-arti-culture-e-letterature-comparate/professori-ordinari/canova-gian-battista

Interviste[modifica | modifica wikitesto]

  • Intervista a Gianni Canova [1]
  • Intervista a Gianni Canova [2]
  • Intervista a Gianni Canova [3]
  • Intervista a Gianni Canova [4]

Gianni Canova è Professore ordinario di Storia del cinema e Filmologia, nonché Pro-Rettore con delega alla didattica e Preside della Facoltà di Comunicazione, Relazioni pubbliche e Pubblicità presso la Libera Università IULM di Milano.

Prima di entrare in ruolo presso la IULM, ha insegnato Poetiche del cinema contemporaneo presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e ha tenuto corsi e workshop sulla comunicazione visiva per l'Università Bocconi di Milano.

Fondatore e direttore del mensile di cinema e spettacolo Duel (ora Duellanti), è stato critico cinematografico per la Repubblica, Sette del Corriere della sera e la Voce di Indro Montanelli. Ha collaborato con Bianco & nero, Letture, Segnocinema, Rolling Stone e Vogue e da oltre dieci anni è titolare di una rubrica di cinema e economia sulla rivista Economia & Management edita dalla SDA Bocconi. Collabora con il Domenicale di Il Sole 24 0re.

Tra le sue pubblicazioni, i volumi Cinemania. 10 anni 100 film, il cinema italiano del nuovo millennio (Marsilio, 2010), Robert Zemeckis (Marsilio, 2008), L'alieno e il pipistrello. La crisi della forma nel cinema contemporaneo (Bompiani, 2000), Giancarlo Basili. Spazio e architettura nel cinema italiano (Alexa Edizioni, 2000), L'occhio che ride (Editoriale Modo, 1999), Nirvana. Sulle tracce del cinema di Gabriele Salvatores (Zelig, 1997), David Cronenberg (Edizioni Il Castoro, 1994). Nel 2002 ha realizzato come curatore il volume sul cinema dell'Enciclopedia Universale Garzanti e ha curato il volume 1965-1969 della Storia del cinema italiano (in 15 volumi) edita dalla Scuola Nazionale di Cinema, pubblicato nell'aprile 2002 da Marsilio. Nel 2004-2005 ha coordinato una ricerca sui rapporti fra cinema italiano e tecnologia i cui risultati sono pubblicati nel volume Il lato oscuro delle macchine. La rappresentazione della tecnologia nel cinema italiano contemporaneo (Carocci, 2005). Nel 2011 ha coordinato con Giulio Bursi una ricerca sull'archivio cinematografico dell'AEM di Milano, i cui risultati sono pubblicati in Cinema elettrico (Rizzoli 2011). Sempre nel 2011 ha curato e coordinato con Luisella Farinotti una ricerca sulla “geografia” del cinema italiano contemporaneo i cui risultati sono pubblicati in Atlante del cinema italiano. Corpi paesaggi figure del contemporaneo (Garzanti, 2011).

È stato anche curatore di numerose mostre multimediali. Nel 2002 ha ideato e curato la Mostra Le città in/visibili, ispirata all'omonimo romanzo di Italo Calvino (Triennale di Milano, 4 novembre 2002-9 marzo 2003). Nel 2004 è stato il curatore della mostra Dreams. I sogni degli italiani in 50 anni di pubblicità televisiva italiana, per conto della Rai e della Triennale di Milano (Triennale, 16 febbraio – 31 maggio 2004). Nel 2007-2008 ha ideato e curato la Mostra annisettanta. Il decennio lungo del secolo breve (Triennale di Milano, ottobre 2007-marzo 2008), che ha raggiunto oltre 80.000 visitatori. Nel 2011 ha curato la Mostra Al cinema con il cappello. Borsalino e altre storie (Triennale di Milano, gennaio-marzo 2011). Nel 2012/13 ha curato la sezione cinema della Mostra Dracula e il mito dei vampiri (Triennale di Milano, 23 novembre 2012-24 marzo 2013). Nel 2013 ha curato la Mostra Alfred Hitchcock nei film della Universal Pictures (Palazzo Reale, Milano, dal 21/6/2013 al 22/09/2013) Nel 2014 ha curato la mostra L'universo di Pier Paolo Pasolini, al Castello Carlo V di Lecce.

Ha collaborato poi come curatore della sezione cinema a numerose mostre tra cui Trash. Quando i rifiuti diventano arte (a cura di Lea vergine, prodotta dal MART di Trento e Rovereto), Rosso vivo. Mutazione, trasfigurazione e sangue nell'arte contemporanea (a cura di Francesca Alfano Miglietti, PAC di Milano), Spazio e architettura nel cinema italiano (Mole Vanvitelliana, Ancona), Play Attention Please (a cura di Luca Beatrice, MAN di Nuoro), Il Bacio. Arte italiana fra romanticismo e Novecento (Scuderie del Castello Visconteo, Pavia 2009).

Ha lavorato spesso anche per la televisione. Autore con Felice Pesoli del programma Le parole del cinema (trasmesso da Telepiù), ha realizzato video e documentari su personaggi della cultura italiana contemporanea (Alda Merini, Leo Wachters, Ettore Scola, Nino Manfredi) e format o programmi per Netsystem e My-Tv. Ha collaborato alla realizzazione di Bradipo, sit-com trasmessa nel 2001 da MTV ed è autore della sit-com interattiva Come tu mi vuoi, prodotta e distribuita on line da My-Tv. Dal 2005 è critico cinematografico per Sky Cinema, nonché autore e conduttore del programma Il cinemaniaco. Dal novembre 2014 cura per sky arte il programma settimanale “Il film liberano la testa”.

Fa parte dell'Editorial Board delle seguenti riviste scientifiche: Cinema & Cie G.A:M.E: Games as Arts, Media, Entertainment Bianco & Nero

Dal 2001 al 2009 è stato Direttore artistico del Festival “Leggere il Novecento” di Ancona. Dal 2001 al 2005 ha fatto parte come rappresentante italiano del Comitato scientifico del Festival Internazionale del Film di Locarno (Svizzera). Dal 2005 al 2007 è stato membro del Comitato Scientifico del Festival del Cinema di Roma. Dal 2008 al 2009 è stato direttore artistico della manifestazione Martini Première per l'assegnazione di un premio ai film italiani più innovativi dal punto di vista della sperimentazione e della ricerca sul linguaggio.

Dal 2010 al 2014 è stato Presidente della CUC, l'associazione scientifica che raggruppa tutti i docenti di Cinema, televisione e new media delle università italiane.

Dal 2012 è ideatore e direttore della rivista 8 ½. Numeri, visioni e prospettive del cinema italiano, edita da Cinecittà/Istituto Luce. Dal 2013 è membro del comitato scientifico del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Nel 2014 ha curato la retrospettiva Effetto Luce per celebrare a Roma i 90 anni dell'Istituto Luce.

Esordisce nel 2010 nel panorama della narrativa italiana con Palpebre, un thriller cupo e visionario, ambientato a Milano nel 2004.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN97718390 · SBN: IT\ICCU\RAVV\010500
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie