Massimo Bacigalupo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimo Bacigalupo

Massimo Bacigalupo (Rapallo, 1947) è un regista e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce nel cortometraggio nel 1966 con Quasi una tangente, grazie al quale si aggiudica il primo premio al festival di Montecatini e alcuni riconoscimenti in festival minori. Seguono una serie di film, quali 60 metri per il 31 marzo (1968), The last summer (1969), Migrazione (1970), dove la sperimentazione sul flusso di coscienza dà luogo a fantasmagorie audiovisive, talvolta ispirate a viaggi e incontri con culture altre (come quella indiana e quella nord-americana). Nel 1967 partecipa a Roma alla fondazione della Cooperativa Cinema Indipendente, gruppo di film-maker che intendono rinnovare forme, contenuti e modi di distribuzione, proiettando le loro opere in cineclub, associazioni, gallerie, musei, sul modello della Film-Makers' Cooperative di New York. La Cooperativa, di cui fanno parte fra gli altri Adamo Vergine, Pia Epremian, Tonino De Bernardi, Alfredo Leonardi, Piero Bargellini, Guido Lombardi, Luca Patella e Gianfranco Baruchello, opera fino intorno al 1975, producendo fra l'altro il cortometraggio "collettivo" Tutto tutto nello stesso istante. Bacigalupo affianca alla realizzazione di film numerosi interventi critici sul cinema underground per le riviste "Filmcritica", "Bianco & Nero" e la newyorkese "Film Culture". Durante un soggiorno di studio negli Stati Uniti, termina il cortometraggio Warming Up (1975) e lo presenta in prima visione presso gli Anthology Film Archives diretti da Jonas Mekas. Dopo il 1975, quando realizza Cartoline dall'America, ha prodotto numerosi video che documentano momenti e figure di amici artisti e no (Flavio Costantini, Giovanni Giudici, Rolando Monti, Sheri Martinelli, ecc.). Nel 2010 il 28mo Torino Film Festival gli ha dedicato una retrospettiva mentre la GAM di Torino ospitava la mostra "Apparizioni: Immagini e testi dall'archivio di Massimo Bacigalupo". Si è dedicato anche a una serie di studi e traduzioni di autori americani e inglesi, quali Ezra Pound, Emily Dickinson, William Butler Yeats, Herman Melville, Wallace Stevens, divenendo una figura di rilievo nel panorama accademico-letterario italiano (tra le opere L'ultimo Pound, 1981, e Grotta Byron, 2001). Nel 1991 ha ottenuto il Premio Monselice per la traduzione letteraria per Il preludio di William Wordsworth e nel 2001 il Premio Nazionale di Traduzione. È ordinario di Letteratura americana e docente di Teoria e tecnica della traduzione presso la Facoltà di Lingue e letterature straniere dell'Università di Genova.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo Bacigalupo (a cura di), Il film sperimentale, numero monografico di "Bianco e Nero", 5-8, 1974
  • Giulio Bursi e Massimo Causo (a cura di), "Massimo Bacigalupo", in 28º Torino Film Festival, Torino, Museo Nazionale del Cinema [1]
  • Nuccio Lodato (a cura di), Ind Under Off. Materiali sul cinema sperimentale 1959-1979, Roma, Bulzoni, 1981.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN27077552 · LCCN: (ENn79036683 · SBN: IT\ICCU\CFIV\052553 · ISNI: (EN0000 0000 8105 377X · GND: (DE171998456 · BNF: (FRcb12019128g (data)