Maurizio Vitale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pala di Maurizio Vitale (Nitido) all'Accademia della Crusca

Maurizio Vitale (Milano, 7 agosto 1922Milano, 20 ottobre 2021[1]) è stato un filologo e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo di Antonio Viscardi[2], fu professore emerito dell’Università degli Studi di Milano, dopo aver insegnato storia della lingua italiana ed essere stato a lungo direttore dell’Istituto di Filologia Moderna nell’ateneo milanese. Diresse per dieci anni gli Annali della Facoltà di Lettere milanese “Acme”; dal 1956 al 1976 i classici italiani della casa editrice Rizzoli e sino al 1995 la collana Letteratura e linguistica dell’editore Morano di Napoli; diresse poi la collana Linguistica e critica letteraria dell’editore Cesati di Firenze.

Medaglia d’oro per i benemeriti della cultura e dell’arte, fu insignito del Premio Feltrinelli dell'Accademia dei Lincei per la storia della lingua italiana nel 1987,[3] nonché del premio internazionale “Gerolamo Cardano” del Rotary Club di Pavia nel 1998

Fu socio nazionale dell’Accademia dei Lincei; accademico emerito dell’Accademia della Crusca; socio nazionale dell’Accademia Virgiliana, dell’Accademia dell’Arcadia, dell’Accademia di Archeologia, Lettere e belle Arti di Napoli; membro effettivo dell’Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere; socio corrispondente non residente dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti; socio corrispondente dell’Accademia Petrarca di Lettere Arti e Scienze di Arezzo; accademico della classe di Italianistica dell’Accademia Ambrosiana; membro del Consiglio del Centro Nazionale di Studi Manzoniani; socio della Commissione per i testi di lingua di Bologna; membro effettivo del Centro di studi Muratoriani di Modena; socio onorario dell’Associazione per la storia della lingua italiana; membro onorario dell’Istituto di Studi Superiori dell’Insubria “Gerolamo Cardano”; membro della Società italiana di Glottologia; socio della Società di linguistica italiana.

Egli fu, insieme a Francesco Di Donato, l'ideatore della Legge Bacchelli.[4]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • La lingua volgare della cancelleria visconteo-sforzesca nel Quattrocento, Milano, Istituto Editoriale Cisalpino, 1953
  • La questione della lingua, Palermo, Palumbo, 1960; II edizione 1984
  • L’oro nella lingua. Contributi per una storia del tradizionalismo e del purismo italiano, Milano-Napoli, Ricciardi, 1986
  • La lingua del Manzoni, Milano, Cisalpino, 1986; II edizione 1992
  • La veneranda favella, Napoli, Morano, 1988
  • La lingua della prosa di G. Leopardi: le “Operette morali”, Firenze, La Nuova Italia, 1992
  • Studi di storia della lingua italiana, Milano, LED, 1992
  • La lingua del canzoniere di F. Petrarca, Padova, Antenore, 1996
  • Sul fiume reale. Tradizione e modernità nella lingua del “Mulino del Po” di R. Bacchelli, Firenze, La Nuova Italia, 1999
  • La riscrittura del “Decameron”. I mutamenti linguistici, Venezia, Istituto Veneto, 2002
  • Divagazioni linguistiche dal Trecento al Novecento, Firenze, Cesati, 2006
  • L’officina linguistica del Tasso epico. La «Gerusalemme liberata», Milano, LED, 2007, 2 voll.
  • L’Omerida italico: Gian Giorgio Trissino. Appunti sulla lingua dell’ “Italia liberata da’ Goti”, Venezia, Istituto Veneto, 2010
  • Lingua padana e koinè cortigiana nella prima edizione dell'Orlando Furioso , Roma, Accademia dei Lincei 2012
  • La «Dizione» formale dell’«Italo Cigno». Notazioni di stile e di lingua nella poesia e nella prosa di Giuseppe Parini, Milano, Istituto Lombardo di Scienze e Lettere, 2014
  • L’«Autodidascalo» scrittore. La lingua della Scienza nuova di Giambattista Vico, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2016

Curatele con introduzione e commento[modifica | modifica wikitesto]

  • Poeti della prima scuola, Arona, 1951
  • Rimatori comico-realistici del Due e Trecento, Torino 1956
  • Antonino Mirello Mora, Discorsi della lingua volgare, Palermo, Biblioteca del Centro di studi filologici e linguistici Siciliani, 1986
  • A. Manzoni, Scritti linguistici, Torino, 1990

Inoltre ha curato, in collaborazione con A. Stella, in edizione critica, gli Scritti editi ed inediti di A. Manzoni per l’Edizione Nazionale delle Opere, a cura della Casa del Manzoni, Milano, 2000, 3 voll.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Milano, morto Maurizio Vitale, su milanotoday.it. URL consultato il 22 ottobre 2021.
  2. ^ Su cui ha scritto un profilo su Gianni Grana (a cura di), Letteratura italiana. I critici, ed. Marzorati, 1969, pp. 3677-95.
  3. ^ Premi Feltrinelli 1950-2011, su lincei.it. URL consultato il 17 novembre 2019.
  4. ^ prima la fama e poi la fame: ecco chi sono i 25 italiani che beneficiano della legge bacchelli, su m.dagospia.com, 31 luglio 2019. URL consultato il 28 maggio 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79054128 · ISNI (EN0000 0001 1771 8332 · SBN IT\ICCU\CFIV\017631 · LCCN (ENn80021666 · GND (DE119527766 · BNF (FRcb12059890n (data) · NLA (EN36055151 · BAV (EN495/269028 · WorldCat Identities (ENlccn-n80021666